BIOLOGIA MOLECOLARE MARINA

BIOLOGIA MOLECOLARE MARINA

_
iten
Codice
94753
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
6 cfu al 2° anno di 10723 BIOLOGIA ED ECOLOGIA MARINA (LM-75) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/11
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (BIOLOGIA ED ECOLOGIA MARINA )
periodo
2° Semestre
moduli
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso si prefigge di fornire le conoscenze specifiche sulla biologia degli organismi marini a diversi gradi di organizzazione, dal molecolare al cellulare e a quello di individuo. Verranno in particolare evidenziati gli aspetti molecolari e funzionali che stanno alla base degli adattamenti all’ambiente marino. Verranno illustrati differenti casi di studio, dai protozoi ai mammiferi, indicativi delle soluzioni adottate nei vari contesti ambientali caratterizzati da diverse variabili abiotiche.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

La frequenza e la partecipazione alle attività formative previste (lezioni frontali) consentiranno allo studente di acquisire le conoscenze necessarie per comprendere i meccanismi molecolari alla base delle strategie di adattamento alle condizioni di vita nei differenti ambienti marini.

Nello specifico lo studente sarà in grado di:

Conoscere le modalità di espressione dei geni correlati all’adattamento alle variazioni abiotiche dell’ambiente marino.

Conoscere gli aspetti strutturali delle proteine coinvolte nel trasporto di ossigeno e CO2 in pesci e in invertebrati marini. La gestione dell’ipossia.

Conoscere i meccanismi molecolari e le caratteristiche strutturali delle proteine e degli enzimi coinvolti nella produzione di luce negli organismi marini

Conoscere le principali vie biosintetiche per la produzione dei colori negli organismi marini

Conoscere i meccanismi cellulari e molecolari alla base dei processi di biomineralizzazione negli organismi marini

Conoscere i meccanismi cellulari e molecolari alla base della produzione della matrice extracellulare degli organismi marini

Conoscere i meccanismi molecolari e cellulari alla base del metabolismo della chitina negli invertebrati marini

Conoscere gli adattamenti molecolari degli organismi che vivono negli ambienti estremi (la chemiosintesi, i rapporti molecolari organismo-simbionti).

La acquisizione e la comprensione di tali conoscenze permetterà allo studente di saper affrontare le tematiche generali dello sviluppo e della conservazione della biodiversità marine anche nell’ottica dei cambiamenti globali e dell’impatto antropico sull’ambiente marino

 

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali erogate mediante presentazioni multimediali.

PROGRAMMA/CONTENUTO

La bioluminescenza in organismi marini. Chemioluminescenza, fluorescenza e fosforescenza negli organismi marini. Esempi e meccanismi molecolari.

Meccanismi d'azione di luciferina e luciferasi, GFP, loro evoluzione negli invertebrati marini, l'aequorina

La chemioluminescenza

La natura ed il ruolo dei pigmenti negli invertebrati marini. Veri colori e falsi colori, pigmenti vegetali (clorofille, carotenoidi, antocianine), pigmenti animali (melanine, carotenoproteine, astaxantine, carotenoidi in spugne, astaxantine in crostacei, l'esempio del granchio blu)

La biosilicificazione in diatomee e radiolari.

I meccanismi di biosilicificazione nelle spugne

I meccanismi di bioprecipitazione dei carbonati in cooclitoforidi, in foraminiferi, in corallinales. Altre biostrutture minerali: stromatoliti e coralligeno.

I meccanismi di bioprecipitazione dei carbonati nei coralli.

Il ruolo delle zooxantelle nel metabolismo dei carbonati dei coralli

I meccanismi di bioprecipitazione dei carbonati nei molluschi

La matrice extracellulare degli organismi marini. Il collagene marino

La biosintesi della chitina negli invertebrati marini

Le simbiosi nei coralli. le zooxantelle, il ruolo delle zooxantelle nel metabolismo del corallo, il ruolo delle zooxantelle nel processo di biomineralizzazione.

La chemiosintesi negli hydrothermal vents. Raporti metabolici tra simbionti e invertebrati che vivono in prossimità delle zone di frattura oceaniche. Il metabolismo di R. pachyptila

Analisi dell’espressione genica in organismi marini. I trascrittomi ed i trascrittomi differenziali

Emoglobine ed emocianine. Emoglobina di R. pachyptila, emocianine dei crostacei e meccanismi di adattamento all’ipossia.

Modelli marini di studio della biologia dell'invecchiamento: l'esempio di Arctica islandica

L'evoluzione del processo infiammatorio: assunzione di quarzo in spugne e produzione di collagene mediata da citochine

Ruolo e sintesi di NO in spugne e sua correlazione con aumento della temperatura

La scoperta dell'acido abscisico nel regno animale. ABA e spugne, sue implicazioni nella biologia dei vertebrati e dell'uomo

Nr. 2 seminari a tema sulle nuove scoperte nel campo della biologia molecolare marina

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

- Materiale fornito dal docente (bibliografia, presentazioni ppt).

 

Le slides utilizzate durante le lezioni frontali saranno fornite agli studenti  al termine del corso; parte del materiale didattico (bibliografia, presentazioni ppt) verrà reso disponibile su AulaWeb.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Concordato direttamente con il docente.

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali erogate mediante presentazioni multimediali.

INIZIO LEZIONI

Le lezioni del primo semestre avranno inizio a partire dal 30 Settembre 2019 ed avranno termine entro il 17 Gennaio 2020, le lezioni del secondo semestre avranno inizio a partire dal 17 Febbraio 2020 e avranno termine entro il 12 Giugno 2020.

Consultare orario dettagliato al seguente link: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti/

ESAMI

Modalità d'esame

Esame orale

Modalità di accertamento

La verifica delle conoscenze e competenze acquisite verrà effettuata tramite la discussione orale di almeno due argomenti del programma