ZOOLOGIA EVOLUTIVA

ZOOLOGIA EVOLUTIVA

_
iten
Codice
84435
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
11 cfu al 2° anno di 9916 SCIENZE AMBIENTALI E NATURALI (L-32) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/05
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE AMBIENTALI E NATURALI )
periodo
Annuale
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

La Zoologia Evolutiva si occupa dei processi che caratterizzano l’evoluzione degli animali a differenti livelli: morfologici, anatomici, etologici etc. Il ruolo della Zoologia Evolutiva è quello di fornire, attraverso l’approfondimento di alcuni gruppi tassonomici, le conoscenze utili ad individuare gli adattamenti degli organismi alle diverse pressioni selettive imposte dall’ambiente abiotico e biotico.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

La Zoologia Evolutiva si prefigge di fornire agli studenti conoscenze approfondite su morfologia, anatomia ed etologia degli Artropodi terrestri (Arachnida, Miriapoda and Hexapoda) e dei Tetrapodi. L'approccio morfologico evolutivo, correlato con quello molecolare, dovrebbe rendere gli studenti in grado di sviluppare capacità critiche e abilità analitiche utili a studi e ricerche futuri in ambito zoologico.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

La frequenza e la partecipazione attiva alle attività formative proposte (lezioni frontali e attività sul campo e/o in laboratorio) e lo studio individuale consentiranno allo studente di acquisire conoscenze approfondite ed aggiornate sugli adattamenti morfologici, anatomici, etologici dell’Artropodofauna terrestre (Aracnidi, Miriapodi ed Esapodi) e dei Tetrapodi (Anfibi, Rettili, Uccelli e Mammiferi), nell’ambito di un inquadramento sistematico di detti taxa. L’approccio morfologico evolutivo, messo comunque in relazione a quello genetico-molecolare consentirà agli studenti lo sviluppo di capacità critiche ed analitiche, utili a futuri approfondimenti e ricerche personali in ambito zoologico.

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, per un totale di 80 ore, e di una parte teorico-pratica (sul campo e/o in laboratorio) di 21 ore. Le attività teorico-pratiche saranno tenute dal docente titolare dell’insegnamento, eventualmente coadiuvato da collaboratori didattici di supporto. All’inizio di ogni attività pratica è prevista una breve introduzione teorica con lo scopo di fornire gli strumenti concettuali necessari allo svolgimento e comprensione della stessa. L’organizzazione e le date di svolgimento delle attività di campo/laboratorio verranno comunicate direttamente dal docente all’inizio delle lezioni.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del corso prevede la presentazione e discussione dei seguenti argomenti:

  • Aracnidi: cenni di anatomia e morfologia generale e sistematica.
  • Miriapodi: cenni di anatomia e morfologia generale e sistematica (Chilopodi, Diplopodi, Pauropodi e Sinfili).
  • Esapodi: generalità. Morfologia ed anatomia degli Insetti. Riproduzione, sviluppo e cicli vitali. Cenni di eco-etologia. Sistematica (a livello di ordini).
  • Tetrapodi: generalità. Morfologia dei Tetrapodi. Riproduzione, sviluppo e cicli vitali. Cenni di eco-etologia. Sistematica (Anfibi, Rettili, Uccelli, Mammiferi).

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutte le slides utilizzate durante le lezioni e altro materiale didattico saranno disponibili su aul@web. In generale, gli appunti presi durante le lezioni e il materiale su aul@web sono sufficienti per la preparazione dell’esame. I libri sotto indicati sono suggeriti come testi di appoggio, ma gli studenti possono comunque utilizzare anche altri testi di Zoologia ed Entomologia di livello universitario, purché siano edizioni pubblicate negli ultimi 5 anni.

  • Davies R.G., 1990. Lineamenti di Entomologia. Zanichelli, Bologna.
  • Gullan P.J. & Cranston P., 2006. Lineamenti di Entomologia. Zanichelli, Bologna.
  • Minelli A., Boxshall G., Fusco G. (Eds.), 2013 – Arthropod Biology and Evolution. Molecules, Development, Morphology. Springer-Verlag, Berlin.
  • Rupert E.E., Fox R.S., Barnes R.D., 2007 – Zoologia degli invertebrati. Piccin, Padova.
  • Sabelli B., 2009. Atlante di diversità e morfologia degli Invertebrati. Piccin, Padova.
  • Gill F.B., 1995. Ornithology. II Edition. W.H. Freeman & Co. New York.
  • Pough F.H., Janis C.M. & Heiser J.B., 2014 – Zoologia dei Vertebrati. IX Ed. Casa Ed. Ambrosiana.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Per evitare sovrapposizione di impegni, il ricevimento degli studenti dovrà essere concordato direttamente con il docente via e-mail o telefonicamente. Fatti salvi gli impegni istituzionali, il docente rimane a disposizione degli studenti in qualunque momento.

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, per un totale di 80 ore, e di una parte teorico-pratica (sul campo e/o in laboratorio) di 21 ore. Le attività teorico-pratiche saranno tenute dal docente titolare dell’insegnamento, eventualmente coadiuvato da collaboratori didattici di supporto. All’inizio di ogni attività pratica è prevista una breve introduzione teorica con lo scopo di fornire gli strumenti concettuali necessari allo svolgimento e comprensione della stessa. L’organizzazione e le date di svolgimento delle attività di campo/laboratorio verranno comunicate direttamente dal docente all’inizio delle lezioni.

INIZIO LEZIONI

Le lezioni del primo semestre avranno inizio a partire dal 23 Settembre 2019,  ed avranno termine entro il 17 Gennaio 2020. Le lezioni del secondo semestre avranno inizio a partire dal 17 Febbraio  2020 e avranno termine entro il 12 Giugno 2020.Consultare orario dettagliato al seguente link: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti/

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

ZOOLOGIA EVOLUTIVA

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame si compone di una prova scritta. Lo scritto è relativo agli argomenti del corso e si compone di 4 domande a risposta aperta (7,5 punti per ciascuna). Saranno disponibili 2 appelli di esame per la sessione invernale (metà gennaio- febbraio) e 5 appelli per la sessione estiva (giugno, luglio e settembre). Non verranno concessi appelli straordinari al di fuori dei periodi indicati nel regolamento del Corso di studio.

Modalità di accertamento

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento di ogni argomento verranno dati nel corso delle lezioni. L’esame scritto verificherà l’effettiva acquisizione delle conoscenze relative ai gruppi tassonomici trattati. Oltre agli aspetti nozionistici relativi ai contenuti del corso, verrà anche valutata la capacità di descrivere morfologia, anatomia, ecologia, adattamenti e biologia riproduttiva dei gruppi animali oggetto del corso  in modo chiaro e con una terminologia corretta.

ALTRE INFORMAZIONI

Frequenza consigliata. Corso propedeutico alla Campagna Naturalistica