CITOLOGIA ED ISTOLOGIA E LABORATORIO

CITOLOGIA ED ISTOLOGIA E LABORATORIO

_
iten
Codice
65513
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
9 cfu al 1° anno di 8762 SCIENZE BIOLOGICHE (L-13) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/06
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE BIOLOGICHE )
periodo
1° Semestre
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso è strutturato seguendo un percorso che parte dall'elemento basilare del corpo umano, la cellula, per analizzare poi gli aggregati a livelli successivi, ossia i tessuti e sistemi, con frequenti riferimenti a fenomeni chimici e fisici importanti ai fini della comprensione. Il corso fornisce anche gli elementi utili alla preparazione e al riconoscimento di preparati istologici grazie allo svolgimento di esercitazioni in laboratorio e utilizzo di microscopi ottici.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso consiste di lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche. Lo scopo principale è quello di fornire le conoscenze di base della cellula eucariotica a livello morfo-funzionale e molecolare, e capire come le cellule sono organizzate in diversi tessuti di vertebrati. Alla fine del corso lo studente sarà in grado di riconoscere i campioni istologici al microscopio ottico.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

La frequenza e la partecipazione alle attività formative previste (lezioni frontali e attività in laboratorio) consentiranno allo studente di acquisire gli aspetti più importanti della Citologia e Istologia.

Nello specifico lo studente sarà in grado di:

1. descrivere le nozioni di base sulla morfologia, l'organizzazione cellulare e molecolare dei tessuti umani;

2. descrivere le proprietà funzionali dei vari tessuti e delle cellule che li compongono soffermandosi anche su aspetti fisio-patologici.

3. saper distinguere e identificare i principali tessuti visti in laboratorio anche solo osservando foto o attraverso l’utilizzo di un microscopio

 

PREREQUISITI

Per affrontare efficacemente i contenuti dell’insegnamento sono necessarie le conoscenze generali di chimica, biologia e genetica.

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali e di esercitazioni in laboratorio.

Le lezioni frontali sono svolte mediante l’ausilio di presentazioni powerpoint.

Le esercitazioni di laboratorio si svolgerannno in aule attrezzate con microscopi, stufette, e microtomi nel laboratorio didattico I del DISTAV.

In particolare le esercitazioni verranno svolte con posto individuale al microscopio ottico per l’osservazione dei preparati istologici forniti dal docente o preparati dagli stessi studenti.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del corso prevede la presentazione e la discussione dei seguenti argomenti:

Cellule e vita. Chimica della cellula: proteine, lipidi, carboidrati ed acidi nucleici. La cellula: struttura ed ultrastruttura. Membrana plasmatica: modelli per lo studio delle membrane, trasporto di membrana, glicocalice, specializzazioni della membrana plasmatica, membrane interne e compartimentazione cellulare. Chimica ed organizzazione del citoplasma. I ribosomi, reticolo endoplasmatico ruvido e liscio, apparato di Golgi, sintesi proteica, lisosomi e perossisomi. Pinocitosi, endocitosi, esocitosi e fagocitosi. Traffico vescicolare. Citoscheletro e movimento cellulare. Giunzioni cellulari. Mitocondri. Il nucleo: involucro, nucleoscheletro e nucleoplasma. Cromatina, cromosomi, nucleolo, cariotipo e cromosomi sessuali. Ciclo cellulare: mitosi e apparato mitotico, duplicazione cellulare.

Istologia: tessuti e organi. Epiteli di rivestimento e ghiandolari (ghiandole esocrine ed endocrine). Tessuto connettivo. Matrice extracellulare (fibre e sostanza amorfa). Componente cellulare dei connettivi. Connettivo propriamente detto. Cartilagine ed osso, condrogenesi ed osteogenesi. Sangue e linfa. Sistema ematopoietico. Tessuto muscolare (liscio, striato scheletrico e striato cardiaco). Tessuto nervoso e nevroglia.

In laboratorio verranno svolti i seguenti argomenti: Metodi e strumenti per lo studio della cellula e dei tessuti: microscopi ottici ed elettronici, tecniche istologiche, colture in vitro, istochimica, immunocitochimica. Preparazione ed osservazione di sezioni istologiche dei seguenti tessuti: epiteli (di rivestimento e ghiandolari), connettivi (propriamente detti, cartilagine, osso, sangue), muscolari (liscio, scheletrico striato e cardiaco), nervoso (cellule nervose, gliali, fibre nervose e impulso elettrico).

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutte le presentazioni Power Point del corso sia teorico che di laboratorio e altro materiale didattico saranno disponibili su AulaWeb al termine di ogni ciclo di lezioni/esercitazioni di laboratorio.

Il libro indicato è suggerito come testo di appoggio, ma gli studenti possono comunque utilizzare anche altri testi di livello universitario. Il testo consigliato è disponibile e consultabile presso la biblioteca della Scuola di Scienze M.F.N. e presso il docente.

Citologia, Istologia e Anatomia microscopica. A cura di Zaccheo D. e Pestarino M. Pearson Education Italia, Milano (Euro 74,00 – Libro + DVD). A disposizione (scaricabili da Aula WEB) lezioni in Power Point e video usati nel corso. 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Concordato direttamente con il docente tramite telefono, email o Aula web.

Ricevimento: Il ricevimento studenti può essere concordato direttamente con il docente.

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali e di esercitazioni in laboratorio.

Le lezioni frontali sono svolte mediante l’ausilio di presentazioni powerpoint.

Le esercitazioni di laboratorio si svolgerannno in aule attrezzate con microscopi, stufette, e microtomi nel laboratorio didattico I del DISTAV.

In particolare le esercitazioni verranno svolte con posto individuale al microscopio ottico per l’osservazione dei preparati istologici forniti dal docente o preparati dagli stessi studenti.

INIZIO LEZIONI

Le lezioni del primo semestre avranno inizio a partire dal 23 Settembre 2019,  ed avranno termine entro il 17 Gennaio 2020. Consultare orario dettagliato al seguente link: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti/

 

ESAMI

Modalità d'esame

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento richiesto per ogni argomento saranno forniti nel corso delle lezioni.

L'esame consiste in una prova scritta e una orale.

La prova scritta viene svolta al termine delle esercitazioni di laboratorio durante la quale è previsto un test di riconoscimento dei preparati istologici che verrà svolto con l’ausilio di microscopi ottici. Tale test è mirato a stabilire se lo studente è in grado di applicare le conoscenze acquisite durante le esercitazioni di laboratorio. 

L'esame orale è relativo agli argomenti trattati durante il corso. Viene sempre condotto dai titolari del corso e ha una durata di almeno 30 minuti (tipicamente 45 minuti).

Il voto finale è dato dalla media aritmetica tra il voto della prova scritta e della prova orale. La prova orale viene sostenuta solo dopo superamento della prova scritta di laboratorio. I risultati della prova vengono pubblicati su AulaWeb dal docente. Solo gli studenti che hanno conseguito un punteggio pari a 17 sono ammessi all’esame orale. Saranno disponibili 3 appelli nella sessione invernale (gennaio-febbraio), e 3 appelli nella sessione estiva (giugno, luglio, settembre).

Modalità di accertamento

L’esame scritto verificherà l’effettiva acquisizione delle conoscenze che permettono allo studente di  riconoscere un preparato istologico e di descrivere i tessuti e le cellule che lo compongono. Lo studente dovrà essere in grado di collegare e integrare le conoscenze apprese durante il corso teorico e le esercitazioni in laboratorio.

L’esame orale verterà sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali e avrà lo scopo di valutare sia la corretta comprensione degli argomenti, sia la capacità dello studente di applicare quanto acquisito.

La commissione valuterà anche la capacità di esporre gli argomenti in modo chiaro e con una terminologia corretta.

Con queste modalità la commissione sarà in grado di verificare con elevata accuratezza il raggiungimento degli obiettivi formativi dell'insegnamento. Quando questi non sono raggiunti, lo studente è invitato ad approfondire lo studio e ad avvalersi di ulteriori spiegazioni da parte dei docenti titolari.

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza alle lezioni è fortemente raccomandata quella ai laboratori nella misura del 70%.