CIVILTA' DEL VICINO ORIENTE ANTICO (LM)

CIVILTA' DEL VICINO ORIENTE ANTICO (LM)

_
iten
Codice
65175
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
6 cfu al 1° anno di 9023 SCIENZE DELL'ANTICHITÀ: ARCH., FILOL.E LETT., STORIA (LM-15) GENOVA

6 CFU al 1° anno di 9917 SCIENZE STORICHE (LM-84) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-OR/01
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE DELL'ANTICHITÀ: ARCH., FILOL.E LETT., STORIA)
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L’insegnamento intende fornire le conoscenze di base relative allo studio delle antiche civiltà del Vicino Oriente nel periodo preclassico, con un’attenzione particolare alla Mesopotamia, alla zona anatolica e alla fascia siro-palestinese.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento intende fornire le competenze per acquisire: - la conoscenza delle vicende del Vicino Oriente Antico, dal III al I millennio a.C., ponendole in relazione con il contesto culturale e religioso di quelle aree; - i fondamenti della produzione letteraria biblica e dell’evoluzione del pensiero religioso della società ebraica in direzione di un innovativo monoteismo; coprendo una obiettiva lacuna per gli studenti di un corso di laurea magistrale attento a tutti gli aspetti storico-culturali del mondo antico.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso intende in particolare approfondire alcuni aspetti specifici delle civiltà del Vicino Oriente preclassico (Mesopotamia, Anatolia, Siria) da un punto di vista storico-culturale attraverso l’esame di alcune categorie di fonti (letterarie, storiche, giuridiche, artistiche).

PREREQUISITI

Agli studenti è richiesta la registrazione ad AulaWeb.

Modalità didattiche

Lezione frontale con l’ausilio di sussidi didattici (fotocopie, presentazioni in power point)

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso, che prevede un approfondimento su alcuni aspetti dell’archeologia, della storia, e delle letterature del Vicino Oriente antico, sarà strutturato come segue:

– la riscoperta delle civiltà dell’Antico Oriente; le origini e la fase pionieristica dell’archeologia orientale; i primi scavi archeologici;

– le lingue e le scritture del Vicino Oriente antico: decifrazione (storia degli studi, ricerche in corso), origine, funzionamento;

– il quadro geografico e storico di riferimento: i popoli e le culture dell’Oriente antico, le fonti disponibili e i problemi della ricostruzione storica;

– “la cultura nel Vicino Oriente antico”: lettura di passi da testi significativi.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

A) Bibliografia per gli studenti frequentanti:

– L. Milano (a cura di), Il Vicino Oriente dalle origini ad Alessandro Magno, Encyclomedia Publishers, Milano, 2012.

Un libro a scelta tra:

– L. Verderame, Letterature dell’antica Mesopotamia, Firenze, Le Monnier / Mondadori Education, 2016.

– P. Matthiae, Prima lezione di archeologia orientale, Laterza, Roma-Bari, 2005.

B) Bibliografia per gli studenti non frequentanti:

Oltre ai testi di riferimento per gli studenti frequentanti, si richiede una lettura aggiuntiva, a scelta tra le due proposte, in sostituzione degli appunti delle lezioni:

– F. D’Agostino, Gilgamesh. Il re, l’uomo, lo scriba, L’Asino d’Oro Edizioni, Roma 2017.

– M. Liverani, Uruk, la prima città, Laterza, Roma-Bari, 1998 (o edizioni successive).

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Nel periodo delle lezioni (I semestre) la docente riceve gli studenti il lunedì dalle 15:00 alle 16:00. Negli altri mesi dell’anno concordare un appuntamento via mail (maria.elena.balza@edu.unige.it)

Commissione d'esame

MARIA ELENA BALZA (Presidente)

MAURIZIO VIANO

BIANCA MARIA GIANNATTASIO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezione frontale con l’ausilio di sussidi didattici (fotocopie, presentazioni in power point)

INIZIO LEZIONI

Il corso si terrà nel I semestre. Le lezioni inizieranno lunedì 16 settembre 2019.

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame si svolge in forma orale.

Modalità di accertamento

L’esame si svolge in forma orale sui temi affrontati durante il corso, a partire dagli appunti delle lezioni, e sulle letture assegnate. Come soglia di sufficienza si richiede una buona conoscenza delle dinamiche ambientali, storiche e culturali della zona vicino-orientale nel periodo preclassico, la capacità di contestualizzare gli argomenti del corso e di esporli in maniera chiara e ragionata tenendo conto delle caratteristiche e dei problemi della documentazione disponibile. Per raggiungere una soglia di eccellenza è richiesta una buona capacità di lettura storico-critica delle fonti, dei processi e dei problemi storici secondo gli ambiti geografici e le fasi cronologiche di riferimento. Il voto finale terrà conto dell’esattezza e della proprietà delle risposte (fino all'80%), ma anche della capacità dello studente di esporre gli argomenti in maniera accurata utilizzando un lessico appropriato (fino al 20%).