DIRITTO COMMERCIALE I

DIRITTO COMMERCIALE I

_
iten
Codice
64982
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
9 cfu al 2° anno di 7996 GIURISPRUDENZA (LMG/01) IMPERIA

9 CFU al 2° anno di 10842 SERVIZI LEGALI ALL'IMPRESA E ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (L-14) IMPERIA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/04
LINGUA
Italiano
SEDE
IMPERIA (GIURISPRUDENZA)
periodo
1° Semestre
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso intende fornire, attraverso lezioni frontali, esercitazioni e seminari di approfondimento tematico, i fondamenti del diritto dell'impresa, dell'azienda, dei segni distintivi, dei contratti di impresa, della concorrenza e del diritto antitrust, avendo come finalità primaria quella di formare persone in grado di apprendere autonomamente, automotivandosi, autoregolandosi e autovalutandosi.

 

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo del corso e’ Il corso introdurre alle tematiche generali del diritto commerciale. E' suddiviso in tre parti, rispettivamente dedicate all'impresa, alle società di persone ed alle procedure concorsuali.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

  • Capacità di applicare conoscenza e comprensione Gli studenti devono essere in grado di applicare le conoscenze acquisite e di comprendere e risolvere problemi giuridici e problemi di interpretazione delle norme in materia di impresa, azienda, segni distintivi, pubblicità e concorrenza.
  • Autonomia di giudizio Gli studenti devono saper utilizzare sia sul piano concettuale che su quello operativo le conoscenze acquisite con autonoma capacità di valutazione e con abilità nei diversi contesti applicativi. Ciò in particolare verrà sollecitato nell’ambito delle esercitazioni previste all’interno del corso. Tali esercitazioni, che si terranno nell’orario di lezione vertono tra l’altro sulla soluzione di casi concreti, tecnica che risulta molto utile per imparare ad applicare, con autonomia di giudizio, le norme studiate in vista della soluzione di casi controversi.

  • Abilità comunicative Gli studenti devono acquisire il linguaggio tecnico tipico della disciplina, per comunicare in modo chiaro e senza ambiguità con interlocutori specialisti e non specialisti. Ciò in particolare verrà sollecitato nell’ambito delle esercitazioni previste all’interno del corso. Tali esercitazioni, che si terranno nell’orario di lezione vertono tra l’altro sulla esposizione in aula di casi e sentenze che gli stessi studenti analizzeranno, accompagnati da una specifica valutazione del docente che riguarderà quattro aspetti dell’esposizione:

  1. capacità di analisi

  2. capacità di sintesi

  3. chiarezza espositiva

  4. terminologia corretta.

Capacità di apprendimento Gli studenti devono sviluppare adeguate capacità di apprendimento che consentano loro di continuare ad approfondire in modo autonomo le principali tematiche della disciplina soprattutto nei contesti lavorativi in cui si troveranno ad operare. Ciò in particolare verrà sollecitato attraverso i seminari che si terranno all’interno del corso. 

Modalità didattiche

Lezioni frontali, analisi di casi, lavori di gruppo. 

Per gli studenti che saranno interessati a frequentare con continuatività il corso, le lezioni frontali saranno affiancate da seminari tenuti da esperti esterni, da esercizi di analisi normativa e di reperimento delle fonti e da esercitazioni.

 

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

  • L’impresa e l’azienda;
  • I contratti di impresa;
  • I segni distintivi;
  • La concorrenza;
  • La pubblicità.

    Parte I: Nella prima parte verranno affrontati i fondamenti costituzionali e codicistici del diritto dell’impresa, con particolare attenzione per i principi generali in materia di libertà di iniziativa economica, di libertà di concorrenza e di interesse generale. Si prenderanno in considerazione le varie tipologie di imprese, le norme riguardanti la rappresentanza e l’azienda,

    Parte II: Nella seconda parte si affronteranno i principi generali in materia di contratti di impresa e le forme di comunicazione dell’azienda con attenzione ai settori dei segni distintivi e della pubblicità

    Parte III: La terza parte del corso è dedicata all’approfondimento del diritto della concorrenza e del diritto antitrust, sia nazionale che comunitario

TESTI/BIBLIOGRAFIA

 Per gli studenti frequentanti:

M. Cian, a cura di, "Manuale di diritto commerciale", Giappichelli, 2016, fino a p. 135

Un codice civile in formato cartaceo, a scelta dello studente sarà fondamentale per poter seguire le spiegazioni e partecipare agli esercizi in aula.

   Per gli studenti non frequentanti:

M. Cian, a cura di, "Diritto commerciale", Giappichelli, 2016, vol. I, fino a p. 296

 

 

 

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento del docente avverrà nei seguenti orari: Lunedì dalle 9,00 alle 10,00 presso il Dipartimento di Giurisprudenza, via Balbi 22 secondo piano Mercoledì dalle 9 alle 10 nello studio n. 7, livello 2, Darsena, via Vivaldi. 

Commissione d'esame

SIMONETTA RONCO (Presidente)

ANNALISA NOVELLI

EMILIANO CERISOLI

FABIO BONFIGLIO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali, analisi di casi, lavori di gruppo. 

Per gli studenti che saranno interessati a frequentare con continuatività il corso, le lezioni frontali saranno affiancate da seminari tenuti da esperti esterni, da esercizi di analisi normativa e di reperimento delle fonti e da esercitazioni.

 

 

INIZIO LEZIONI

I semestre dal 16 settembre al 6 dicembre 2019 (12 settimane)
II semestre dal 17 febbraio al 9 maggio 2020 (12 settimane)

ESAMI

Modalità d'esame

Esame orale

 

Modalità di accertamento

L’esame, sia per gli studenti frequentanti che per quelli non frequentanti si svolge in forma orale ed ha luogo al termine del corso. Non verranno effettuate verifiche intermedie, ma la presenza degli studenti alle esercitazioni e ai seminari verrà valutata positivamente. Le esercitazioni, che si svolgeranno in aula nell’orario di lezione tenderanno a verificare la capacità degli studenti di comprensione, esposizione e ragionamento, senza implicare la necessità dello studio preventivo della materia. La valutazione finale terrà conto, oltre che della preparazione dello studente, anche degli elementi risultanti dalla sua partecipazione ai seminari e alle esercitazioni in aula.  L’interrogazione conclusiva verterà su tutto il programma e sarà costituita da tre domande, su tre settori diversi della materia trattata.