DIRITTI DI LIBERTA' E DIRITTI SOCIALI

DIRITTI DI LIBERTA' E DIRITTI SOCIALI

_
iten
Codice
45261
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
6 cfu al 3° anno di 7995 GIURISPRUDENZA (LMG/01) GENOVA

6 CFU al 5° anno di 7996 GIURISPRUDENZA (LMG/01) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/08
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (GIURISPRUDENZA)
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L’insegnamento di Diritti di libertà e diritti sociali intende approfondire lo studio delle libertà e dei diritti fondamentali, specie attraverso lo studio della relativa giurisprudenza della Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo. Nell’a.a. 2019/20 il corso avrà come specifico oggetto la libertà di manifestazione del pensiero ex art. 21 Cost. e la libertà di comunicazione ex art. 15 Cost.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Gli obiettivi formativi dell’insegnamento sono quelli di: a) consentire allo studente di riprendere, con la maggiore maturità acquisita nel corso degli anni, lo studio delle libertà e dei diritti fondamentali, già affrontati all’esordio del corso di laurea, in particolare attraverso lo studio monografico di una libertà o di un diritto fondamentale; b) approfondire la materia attraverso un approccio che, se pur non privo di un preliminare inquadramento teorico, sia maggiormente pratico (in quanto fondato sullo studio diretto delle sentenze della Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo), elemento indispensabile ai fini della completa formazione del giurista.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

La frequenza, la partecipazione attiva a lezione e lo studio individuale consentiranno allo studente di:

  • Apprendere ed identificare all’interno delle sentenze della Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo le categorie giuridiche predisposte a tutela delle libertà e dei diritti fondamentali;
  • Comprendere il concreto funzionamento delle stesse nei giudizi di fronte alla Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo;
  • Analizzare le differenti tesi giuridiche sostenute dialetticamente dalle parti nel corso dei giudizi;
  • Valutare criticamente le suddette tesi, le soluzioni offerte dalla Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo ai casi concreti nonché le ricostruzioni teoriche prospettate dalla dottrina;
  • Sviluppare un linguaggio tecnico-giuridico appropriato nonché la capacità di utilizzare la giurisprudenza della Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo in un contesto pratico.

PREREQUISITI

Per affrontare senza difficoltà i contenuti di questo insegnamento, è indispensabile che lo studente possieda le conoscenze di diritto costituzionale (ed in particolare riguardanti lo studio delle libertà fondamentali) già acquisite nel corso dell’insegnamento di Diritto costituzionale I.

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, per un totale di 36 ore (pari a 6 CFU). Nel corso delle lezioni verranno affrontate in primo luogo questioni teoriche generali. Saranno quindi illustrate le sentenze della Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo attraverso le quali sono stati nel corso degli anni risolti i principali profili problematici riguardanti i limiti delle libertà di informazione e di comunicazione ed il loro bilanciamento con altri valori costituzionali. Agli studenti verrà chiesta una partecipazione attiva, indicandosi di settimana in settimana le sentenze oggetto della lezione seguente, così da consentirne una previa lettura e quindi un dibattito consapevole e critico con il docente nel corso delle lezioni. Accademici o pratici esperti della materia potranno essere occasionalmente invitati per offrire una visione complementare a quella del docente su alcune specifiche questioni.

PROGRAMMA/CONTENUTO

  1. L’art. 21 Cost. e la libertà di informazione
  2. L’art. 15 Cost. e la libertà di comunicazione
  3. I limiti alle libertà di informazione e di comunicazione

TESTI/BIBLIOGRAFIA

 

Libri di testo per gli studenti frequentanti

• R. Zaccaria, A. Valastro, E. Albanesi, Diritto dell’informazione e della comunicazione, Decima edizione, Cedam, 2018, limitatamente ai seguenti capitoli:

Capitolo I – L’art. 21 Cost. e la libertà di informazione

Capitolo II – L’art. 15 Cost. e la libertà di comunicazione

Capitolo III – I limiti alle libertà di informazione e di comunicazione

• i testi delle seguenti sentenze (reperibili sul sito www.giurcost.org e https://hudoc.echr.coe.int/eng#%20):

- Corte costituzionale, sent. n. 9/65

- Corte costituzionale, sent. n. 191/70

- Corte costituzionale, sent. n. 49/71

- Corte costituzionale, sent. n. 368/92

- Corte costituzionale, sent. n. 293/00

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. IV, sent. 30 aprile 2018 (caso Sekmadienis c. Lituania), ric. n. 69317/14

- Corte costituzionale, sent. n. 19/62

- Corte costituzionale, sent. n. 87/66

- Corte costituzionale, sent. n. 168/71

- Corte costituzionale, sent. n. 138/85

- Corte costituzionale, sent. n. 20/74

- Corte costituzionale, sent. n. 188/75

- Corte costituzionale, sent. n. 508/00

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. V, sent. 14 giugno 2013 (caso Eon v. France), ric. n. 26118/10

- Cass. civ., sez. I, sent. 18 ottobre 1984, n. 5259

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. II, sent. 24 settembre 2013 (caso Belpietro c. Italia), ric. n. 43612/10

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. II, sent. 8 ottobre 2013 (caso Ricci c. Italia), ric. n. 30210/06

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. I, sent. 7 marzo 2019 (caso Sallusti c. Italia), ric. n. 22350/13

- Cass. pen., sez. V, sent. 13 marzo 2014, n. 12203

- Corte europea dei diritti dell’uomo, 7 febbraio 2012 (caso Von Hannover c. Germania), ric. n. 40660/08 e 60641/08

- Corte europea dei diritti dell’uomo, 7 febbraio 2012 (caso Axel Springer AG contro Germania), ric. n. 39954/08

- Corte costituzionale, sent. n. 390/07

- Corte costituzionale, sent. n. 188/10

- Corte costituzionale, sent. n. 1/13

- Corte europea dei diritti dell’uomo, 17 luglio 2003 (caso Craxi v. Italia)

 

Libri di testo per gli studenti non frequentanti

• R. Zaccaria, A. Valastro, E. Albanesi, Diritto dell’informazione e della comunicazione, Decima edizione, Cedam, 2018, limitatamente ai seguenti capitoli:

Capitolo I – L’art. 21 Cost. e la libertà di informazione

Capitolo II – L’art. 15 Cost. e la libertà di comunicazione

Capitolo III – I limiti alle libertà di informazione e di comunicazione

Capitolo V – Le comunicazioni elettroniche

Capitolo VI – Internet e contenuti on-line

• i testi delle seguenti sentenze (reperibili sul sito www.giurcost.org e https://hudoc.echr.coe.int/eng#%20):

- Corte costituzionale, sent. n. 9/65

- Corte costituzionale, sent. n. 191/70

- Corte costituzionale, sent. n. 49/71

- Corte costituzionale, sent. n. 368/92

- Corte costituzionale, sent. n. 293/00

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. IV, sent. 30 aprile 2018 (caso Sekmadienis c. Lituania), ric. n. 69317/14

- Corte costituzionale, sent. n. 19/62

- Corte costituzionale, sent. n. 87/66

- Corte costituzionale, sent. n. 168/71

- Corte costituzionale, sent. n. 138/85

- Corte costituzionale, sent. n. 20/74

- Corte costituzionale, sent. n. 188/75

- Corte costituzionale, sent. n. 508/00

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. V, sent. 14 giugno 2013 (caso Eon v. France), ric. n. 26118/10

- Cass. civ., sez. I, sent. 18 ottobre 1984, n. 5259

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. II, sent. 24 settembre 2013 (caso Belpietro c. Italia), ric. n. 43612/10

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. II, sent. 8 ottobre 2013 (caso Ricci c. Italia), ric. n. 30210/06

- Corte europea dei diritti dell’uomo, sez. I, sent. 7 marzo 2019 (caso Sallusti c. Italia), ric. n. 22350/13

- Cass. pen., sez. V, sent. 13 marzo 2014, n. 12203

- Corte europea dei diritti dell’uomo, 7 febbraio 2012 (caso Von Hannover c. Germania), ric. n. 40660/08 e 60641/08

- Corte europea dei diritti dell’uomo, 7 febbraio 2012 (caso Axel Springer AG contro Germania), ric. n. 39954/08

- Corte costituzionale, sent. n. 390/07

- Corte costituzionale, sent. n. 188/10

- Corte costituzionale, sent. n. 1/13

- Corte europea dei diritti dell’uomo, 17 luglio 2003 (caso Craxi v. Italia)

N.B. Tali programmi valgono per gli studenti iscritti per la prima volta al corso nell’a.a. 2019/20 nonché, a partire da maggio 2020, anche per tutti gli altri studenti. Per questi ultimi, fino al febbraio 2020 compreso, vale il precedente programma del corso Diritti di libertà e diritti sociali

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Mercoledì dalle ore 14:30 alle ore 17:30. In ogni caso, è possibile concordare via e-mail un appuntamento in qualsiasi altro giorno ed orario all'indirizzo enrico.albanesi@unige.it

Commissione d'esame

ENRICO ALBANESI (Presidente)

ANDREA MACCHIAVELLO

NICOLO' FUCCARO

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, per un totale di 36 ore (pari a 6 CFU). Nel corso delle lezioni verranno affrontate in primo luogo questioni teoriche generali. Saranno quindi illustrate le sentenze della Corte costituzionale, della Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo attraverso le quali sono stati nel corso degli anni risolti i principali profili problematici riguardanti i limiti delle libertà di informazione e di comunicazione ed il loro bilanciamento con altri valori costituzionali. Agli studenti verrà chiesta una partecipazione attiva, indicandosi di settimana in settimana le sentenze oggetto della lezione seguente, così da consentirne una previa lettura e quindi un dibattito consapevole e critico con il docente nel corso delle lezioni. Accademici o pratici esperti della materia potranno essere occasionalmente invitati per offrire una visione complementare a quella del docente su alcune specifiche questioni.

INIZIO LEZIONI

I semestre dal 16 settembre al 6 dicembre 2019 (12 settimane)
II semestre dal 17 febbraio al 9 maggio 2020 (12 settimane)

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame si svolge in forma orale e si articola normalmente in tre/quattro quesiti aperti, con i quali verificare la consapevolezza dello studente circa le modalità di tutela delle libertà e dei diritti fondamentali di fronte alla Corte costituzionale, alla Corte di giustizia dell’Unione europea e della Corte europea dei diritti dell’uomo, anche attraverso un commento ragionato al testo di una o più delle sentenze costituenti parti del programma.

Modalità di accertamento

L’esame orale mira ad accertare l’effettivo raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi. In particolare, i quesiti di carattere teorico mirano ad accertare la capacità dello studente di apprendere ed applicare a casi concreti le categorie giuridiche predisposte a tutela delle libertà e dei diritti fondamentali. Il commento ragionato al testo di una o più sentenze mira ad accertare se lo studente sappia identificare all’interno delle sentenze gli istituti di base appresi, comprenderne il concreto funzionamento nelle dinamiche processuali, analizzare e valutare criticamente le differenti tesi giuridiche sostenute nel corso dei giudizi. Il complesso delle domande mira infine ad accertare lo sviluppo di un linguaggio tecnico-giuridico appropriato. Una partecipazione attiva durante l’insegnamento è ovviamente auspicabile per consentire al docente di conoscere lo studente sin dalle lezioni in vista della valutazione in sede di esame.