DIRITTO DEL LAVORO

DIRITTO DEL LAVORO

_
iten
Codice
64936
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
12 cfu al 3° anno di 7995 GIURISPRUDENZA (LMG/01) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/07
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (GIURISPRUDENZA)
periodo
Annuale
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il diritto del lavoro ha ad oggetto lo studio della disciplina giuridica che regola il rapporto di lavoro individuale  e i rapporti collettivi (contratti collettivi, diritti sindacali, conflitto).

Il corso si concentra sulla disciplina del settore privato, esaminata alla luce del diritto dell'UE. 

 ll corso può essere utilmente integrato con gli insegnamenti di Diritto della sicurezza sociale, Diritto delle relazioni industriali (Corso di LM Management, Dipartimento di Economia), EU Labour Law.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso si propone di fornire un’adeguata conoscenza della disciplina del diritto del lavoro (principalmente la disciplina del rapporto di lavoro, con i necessari riferimenti alle regole del mercato del lavoro, alle forme di rappresentanza dei lavoratori in azienda, alla contrattazione collettiva). L’approccio metodologico è volto a far acquisire agli studenti gli strumenti indispensabili: per la comprensione delle dinamiche che interessano nel nostro paese il mondo del lavoro; per una consapevole interpretazione e valutazione del diritto nazionale alla luce dei principi, delle regole e delle politiche del lavoro e sociali dell’Unione Europea; per un successivo autonomo aggiornamento di una disciplina in continua evoluzione.

Il diritto del lavoro è una disciplina fondamentale di carattere specialistico. Per l’apprendimento del diritto del lavoro è necessario avere già acquisito le nozioni istituzionali di base (diritto costituzionale, diritto civile).

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Lo studio individuale, la frequenza delle lezioni e la partecipazione alle diverse attività formative proposte (es. incontri tematici con studiosi della materia, prove infrannuali, letture consigliate, giurisprudenza e altri documenti analizzati a lezione e messi a disposizione in aulaweb) consentiranno allo studente di:

  • Comprendere, in una prospettiva storica ed evolutiva, la struttura e il meccanismo di funzionamento del sistema delle relazioni industriali ed essere consapevoli del significato e della rilevanza dei diritti sindacali all’interno del luogo di lavoro;
  • Comprendere, in una prospettiva storica ed evolutiva, le principali dinamiche del conflitto collettivo con particolare riguardo allo sciopero (anche nei servizi pubblici essenziali) e alla condotta antisindacale;
  • Individuare, interpretare e applicare le disposizioni delle principali fonti (legali e contrattuali) di riferimento in materia di rapporti di lavoro per fornire argomentate soluzioni alle questioni concrete che possono verificarsi all’interno di organizzazioni complesse (imprese nonché gruppi e reti di imprese, organizzazioni senza fini di lucro).
  • Comprendere e distinguere le fattispecie del lavoro subordinato e autonomo e i relativi effetti giuridici; 
  • Individuare, comprendere ed applicare le norme che disciplinano l’esercizio dei poteri del datore di lavoro, le vicende trasformative ed estintive dei rapporti di lavoro, la disciplina antidiscriminatoria;
  • Comprenderee valutare criticamente, con autonomia di giudizio, le riforme del mercato e del rapporto di lavoro più recenti non meno che i principali testi e accordi di riferimento nel sistema delle relazioni industriali;
  • Leggere ed esaminare criticamente, con autonomia di giudizio, testi di sentenze delle Corti di merito, di legittimità, della Corte costituzional, della Corte di Giustizia, relative a questioni giuslavoristiche;
  • Esprimersi con un linguaggio tecnico giuridico appropriato.

PREREQUISITI

Il diritto del lavoro è una disciplina fondamentale di carattere specialistico, per l’apprendimento del quale è necessario avere già acquisito le nozioni istituzionali di base (diritto costituzionale, diritto civile).

Molto utile, per comprendere l'evoluzione della materia, è la conoscenza della storia dell'Ottocento e del Novecento.

Modalità didattiche

Il corso è svolto con lezioni frontali (con possibilità comunque di intervento per gli studenti, compatibilmente con la grande dimensione dell'aula), per un totale di 72 ore suddivise nei due semestri. Saranno resi disponibili in Aulaweb  testi di sentenze, testi normativi o contrattual collettivi di particolare rilevanza analizzati e commentati a lezione, oltre che alcune fonti (particolarmente di diritto sindacale)i utili nello studio della materia, nonché eventuali rilevanti aggiornamenti normativi (trattati a lezione) successivi all'aggiornamento dei manuali di riferimennto (v. Testi). 

Gli studenti che saranno in Erasmus in uno dei due semestri potrenno comunque frequentare l'altro semestre, concordando direttamente con il docente le modalità di integrazione della preparazione.

Gli studenti che non frequenteranno il corso (in particolare coloro che lavorano) potranno rivolgersi per ogni chiarimento al docente e per assistenza nello studio sia al docente sia al tutor del corso. Gli orari di ricevimento (distintamente per il I e per il II semestre, e per i periodo liberi da lezione) sono pubblicati e aggiornati in Aulaweb.

Occasionalmente potranno essere invitati a svolgere una lezione o un piccolo seminario su temi di particolare interesse e attualità studiosi ed esperti della materia, anche al fine di consentire agli studenti di acquisire maggiore consapevolezza della necessità di un approccio critico alla materia.

Saranno organizzate due prove scritte facoltative infrannuali riservate ai frequentanti (v. Modalità di esame). Tutte le indicazioni saranno puntualmente inserite in Aulaweb.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Le fonti del diritto del lavoro –  Organizzazione sindacale, contrattazione collettiva, diritti sindacali – Conflitto collettivo –  Subordinazione e autonomia – La tutela del lavoro nel mercato – I diritti fondamentali del lavoratore – Poteri, diritti e obblighi delle parti nel rapporto di lavoro – Gestione dei rapporti di lavoro e vicende dell'impresa – La cessazione del rapporto di lavoro – Le garanzie dei diritti del lavoratore.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti frequentanti 
M.V. Ballestrero – G. De Simone, Diritto del lavoro, Giappichelli, Torino, edizione 2019 (sarà data tempestiva indicazione in Aulaweb della pubblicazione della nuova edizione 2019). Gli approfondimenti e gli aggiornamenti svolti a lezione saranno parte del programma d’esame. Saranno considerati frequentanti coloro che avranno registrato non oltre 8 assenze durante l'intero corso. La frequenza ha validità per tutti gli appelli dell’a.a. 2019-2020. 


Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti non frequentanti 
1) M.V. Ballestrero – G. De Simone, Diritto del lavoro, Giappichelli, Torino, edizione 2019, con la sola esclusione della Parte II (sarà data tempestiva indicazione in Aulaweb della pubblicazione della nuova edizione 2019);  2) M.V. Ballestrero, Diritto sindacale, Giappichelli, Torino, V ed., edizione 2018 (pp. 37-332 e pp. 369-424).

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Ferma la disponibilità del docente di rispondere a domande (soprattutto pratiche e organizzative) prima o dopo la lezione, il ricevimento si svolge in dipartimento (Via Balbi 22, II piano, sezione Diritto commerciale e del lavoro). Giornate e orari di ricevimento per il semestre di lezione saranno pubblicati in Aulaweb prima dell'inizio delle lezioni. Eventuali modifiche di orario e di giorno saranno tempestivamente comunicate in aulawweb, a lezione,  e con la messaggistica disponibile agli studenti iscritti in Aulaweb al corso. In altri periodi o per specifiche esigenze (es. studenti lavoratori, tesisti) il docente riceve su appuntamento (via mail).

Commissione d'esame

GISELLA DESIMONE (Presidente)

ORSOLA RAZZOLINI (Presidente)

ANNAMARIA DONINI

MARCO NOVELLA

MAURIZIO FALSONE

DANIELA DEL DUCA

MARIA VITTORIA BALLESTRERO

GIULIA BANDELLONI

PIETRO CAPURSO

ALBERTO ASTENGO

LEZIONI

Modalità didattiche

Il corso è svolto con lezioni frontali (con possibilità comunque di intervento per gli studenti, compatibilmente con la grande dimensione dell'aula), per un totale di 72 ore suddivise nei due semestri. Saranno resi disponibili in Aulaweb  testi di sentenze, testi normativi o contrattual collettivi di particolare rilevanza analizzati e commentati a lezione, oltre che alcune fonti (particolarmente di diritto sindacale)i utili nello studio della materia, nonché eventuali rilevanti aggiornamenti normativi (trattati a lezione) successivi all'aggiornamento dei manuali di riferimennto (v. Testi). 

Gli studenti che saranno in Erasmus in uno dei due semestri potrenno comunque frequentare l'altro semestre, concordando direttamente con il docente le modalità di integrazione della preparazione.

Gli studenti che non frequenteranno il corso (in particolare coloro che lavorano) potranno rivolgersi per ogni chiarimento al docente e per assistenza nello studio sia al docente sia al tutor del corso. Gli orari di ricevimento (distintamente per il I e per il II semestre, e per i periodo liberi da lezione) sono pubblicati e aggiornati in Aulaweb.

Occasionalmente potranno essere invitati a svolgere una lezione o un piccolo seminario su temi di particolare interesse e attualità studiosi ed esperti della materia, anche al fine di consentire agli studenti di acquisire maggiore consapevolezza della necessità di un approccio critico alla materia.

Saranno organizzate due prove scritte facoltative infrannuali riservate ai frequentanti (v. Modalità di esame). Tutte le indicazioni saranno puntualmente inserite in Aulaweb.

INIZIO LEZIONI

I semestre dal 16 settembre al 6 dicembre 2019 (12 settimane)
II semestre dal 17 febbraio al 9 maggio 2020 (12 settimane)

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame per i non frequentanti (ossia per coloro che non avranno superato alcuna prova scritta infrannuale) è costituito da una prova scritta seguita da una prova orale. Nella prova scritta lo studente risponde a cinque/sette domande a risposta aperta, articolate in specifici quesiti, in un’ora e mezzo, senza possibilità di consultare alcun testo normativo. Il voto della prova scritta deriva dalla media aritmetica dei voti (espressi in trentesimi) riportati in ciascuna risposta; la prova risulterà superata in caso di risposta sufficiente (non inferiore a 18/30) ad almeno la metà delle domande, raggiungendo una valutazione complessiva di almeno 18/30. Coloro che superano la prova scritta accedono (nel pomeriggio della giornata degli scritti, o nei giorni successivi, secondo le indicazioni che saranno date in aula in relazione al numero dei candidati) alla prova orale, che prevede una o due domande. Il voto finale dell’esame tiene conto in modo ponderato della votazione riportata nello scritto e della valutazione dell’orale.

Saranno organizzate per gli studenti frequentanti due prove scritte facoltative infrannuali (5/7 domande articolate a risposta aperta, alle quali rispondere in 1h30’, senza possibilità di consultare alcun testo), ciascuna collocata nelle ultime settimane o al termine del semestre, riservate a coloro che, in ciascun semestre, non avranno registrato più di 4 assenze e si saranno iscritti nel rispetto dei tempi e delle modalità indicate su Aulaweb. E' ammessa la partecipazione ad una sola prova.  il programma di ogni verifica sarà reso noto con almeno 15 gg. di anticipo. Ogni prova sarà valutata con un voto espresso in trentesimi; la prova risulterà superata in caso di risposta sufficiente (non inferiore a 18/30) ad almeno la metà delle domande, raggiungendo una valutazione complessiva di almeno 18/30. Il  superamento di ciascuna prova comporterà la deduzione, dal programma "frequentanti”, del programma di ciascuna prova superata (ove lo studente accetti la votazione riportata); l'esame, per coloro che avranno superato almeno una prova scritta infrannuale, sarà orale, sul restante programma d'esame "frequentanti” (comprensivo di approfondimenti e aggiornamenti svolti a lezione nell'intero corso). Le votazioni (espresse in trentesimi) riportate nelle prove infrannuali e la correlata esenzione dalla prova scritta in sede di esame finale hanno validità per tutti gli appelli dell’a.a. 2019-2020; per avvalersi delle votazioni riportate nelle prove infrannuali l'esame dovrà essere sostenuto entro l'ultima sessione d'esame dell'A.A. 2019-2020 (febbraio 2021). Tutte le indicazioni saranno puntualmente inserite in Aulaweb.

 

Modalità di accertamento

La prova scritta ha l'obiettivo di mettere tutti i candidati (di uno stesso appello) di fronte agli stessi quesiti, garantendo così condizioni di parità di trattamento, e di valutare la loro capacità di rispondere alle domande, indicando gli appropriati riferimenti normativi e argomentando le risposte, con un linguaggio tecnico-giuridico appropriato.

La prova orale (comunque integrativa dello scritto) ha la finalità di valutare la capacità di espressione dei candidati. 

Obiettivo ultimo è quello di accertare che lo studente abbia conseguito in modo sufficiente gli specifici obiettivi formativi e i risultati di apprendimento attesi (v. Obiettivi formativi e risultati di apprendimento, Parte I).​

ALTRE INFORMAZIONI

Informazioni (orario di ricevimento del docente e del tutor nel I e nel II semestre, e nei periodi liberi da lezioni) e aggiornamenti disponibili in aulaweb.