INFERMIERISTICA: PERCORSI CLINICO ASSISTENZIALI

INFERMIERISTICA: PERCORSI CLINICO ASSISTENZIALI

_
iten
Codice
73004
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
3 cfu al 2° anno di 9279 SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE (LM/SNT1) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/45
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso prevede l’analisi dei percorsi clinico-assistenziali quali strumenti che rappresentano la contestualizzazione e l’adattamento locale delle raccomandazioni cliniche contenute nelle linee guida. 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Facilitare tracciabilità di percorsi e processi di assistenza infermieristica e ostetrica, garantire presa in carico del paziente e cittadino in ambito ospedaliero e territoriale e facilitare innovazione e valore in organizzazione.

Identificare caratteristiche e strumenti per l’utilizzo di modelli organizzativi  e assistenziali in ambito ospedaliero e territoriale;

Acquisire conoscenze di  letteratura sui modelli organizzativi dell’assistenza in ambito ospedaliero e territoriale (anche attraverso  sviluppo e produzione di revisioni sistematiche

Definire i principi dell’assistenza infermieristica nelle cure palliative e nel fine vita

Esplorare le competenze necessarie per erogare cure palliative di qualità alla persona nel fine vita.

Discutere le strategie organizzative al fine di applicare le competenze infermieristiche nella pratica clinica delle cure palliative

Discutere gli elementi che definiscono lo sviluppo e l’implementazione di un percorso clinico-assistenziale nell’ambito della cronicità e del fine vita.

Modalità didattiche

Lezioni frontali, esercitazioni con casi di studio

PROGRAMMA/CONTENUTO

  • Le organizzazioni sanitarie : continuità, integrazione e modelli di presa in carico (ospedale, territorio, realtà sociosanitaria)
  • L’IDENTITÀ DELLE PROFESSIONI SANITARIE PER FAR FRONTE ALLA COMPLESSITÀ
  • (Il concetto di complessità: la disintegrazione e la integrazione) 
  • L’identità delle professioni sanitarie come fondamento alla competenza e responsabilità
  • Professioni di presa in carico e lavoro d’équipe
  • Definizione, obiettivi, principi dell’assistenza infermieristica in cure palliative
  • sfide professionali inerenti il contributo infermieristico nelle cure palliative
  • strategie di comunicazione in cure palliative
  • competenze psicosociali
  • lavoro di squadra
  • valutazione dei bisogni
  • riconoscere/gestire le priorità del fine vita
  • organizzare e gestire l’assistenza
  • la dignità della persona
  • i bisogni della famiglia
  • i bisogni del team assistenziale

TESTI/BIBLIOGRAFIA

“Infermieristica in cure palliative” di Cesarina Prandi,  2015, Edra S.p.A. Milano.

TESTI D’APPROFONDIMENTO CONSIGLIATI:

Letteratura scientifica consegnata in aula dal docente.

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

GIANLUCA CATANIA (Presidente)

ALBERTO CELLA

CATIA MAURA BONVENTO

ISABELLA CEVASCO

ANNAMARIA BAGNASCO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali, esercitazioni con casi di studio

ESAMI

Modalità d'esame

esame orale con domande sugli argomenti trattati e su elaborati sviluppati dallo studente

Modalità di accertamento

Lo studente dovrà dimostrare l’acquisizione delle conoscenze riguardanti lo sviluppo e l’implementazione dei percorsi clinico-assistenziali e si valuterà non solo la capacità di esprimersi dialetticamente con correttezza e proprietà organizzando un discorso strutturato, ma anche e specialmente la padronanza del linguaggio tecnico, sia dal punto di vista dell’esattezza terminologica sia per quanto riguarda la capacità di comprendere, manifestare e utilizzare in modo chiaro ed efficace i complessi e articolati concetti propri delle scienze infermieristiche. L’esame orale consente altresì di spaziare agevolmente su tutti i temi oggetto dell’ insegnamento e di verificare dunque con precisione il grado di preparazione del singolo candidato. L’esame si intende superato con una votazione pari o superiore a 18/30. Il voto massimo è 30/30: a tale votazione si può aggiungere la lode per i candidati meritevoli.