INFERMIERISTICA: MODELLI DI PREVENZIONE ED EDUCAZIONE ALLA SALUTE

INFERMIERISTICA: MODELLI DI PREVENZIONE ED EDUCAZIONE ALLA SALUTE

_
iten
Codice
68176
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
4 cfu al 2° anno di 9279 SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE (LM/SNT1) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/45
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE INFERMIERISTICHE E OSTETRICHE)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso ha l’obiettivo di presentare i principali modelli di prevenzione ed educazione alla salute e l’esame critico di alcuni concetti fondamentali delle scienze infermieristiche applicate ai modelli di prevenzione e educazione alla salute. Nella parte generale sarà trattata la programmazione e valutazione dei percorsi assistenziali; nella parte specifica saranno analizzate le indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per promuovere nei sistemi sanitari le cure palliative. 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Applicare e contestualizzare ambiti del management, dell’organizzazione e della ricerca per programmare, gestire e valutare i percorsi assistenziali.

Contestualizzare gli esiti sensibili delle cure infermieristiche all’interno dei DMT e PDTA

 

Discutere il modello dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per sostenere, pianificare, e implementare le cure palliative a livello nazionale

Modalità didattiche

Lezioni frontali, esercitazioni con casi di studio

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il percorso assistenziale: un sistema integrato in ambito ospedaliero e territoriale.

Modelli organizzativi e strumenti per la gestione dei processi integrati ospedale territorio: Desease Management Team ( D.M.T.); Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali ( P.D.T.A.) .

Elementi costitutivi e modalità organizzative dei D:M:T:

Struttura e funzionamento dei P.D.T.A.

 

I bisogni di cure palliative della popolazione

Impostare le priorità per la popolazione con bisogni di cure palliative

Organizzare i servizi per rispondere ai bisogni della popolazione

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Innovazione e Governance delle Professioni Sanitarie – scenari di sviluppo per una sanità a misura d’uomo. B. Cavaliere, E.Manzoni, F.Piu   CEA Milano  2015

 

Nursing outcomes.Gli esiti sensibili alle cure infermieristiche. Diane M. Doran. Ed. Mc Graw Hill Eduation 2013.

 

“Infermieristica in cure palliative” di Cesarina Prandi,  2015, Edra S.p.A. Milano.

 

Letteratura scientifica consegnata in aula dal docente.

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Si riceve previo appuntamento via mail: annamaria.bagnasco@unige.it

Ricevimento: Previo appuntamento tramite e-mail: bruno.cavaliere@hsanmartino.it

Ricevimento: Si riceve previo appuntamento via mail: gianluca.catania@unige.it

Commissione d'esame

GIANLUCA CATANIA (Presidente)

FRANCESCA LANTIERI

ANTONIETTA MARIA MARTELLI

LAURA TIBALDI

GIANCARLO ICARDI

BRUNO CAVALIERE

KETTY BULGARELLI

LUCA GOGIOSO

DARIO BATTIONI

ANNAMARIA BAGNASCO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali, esercitazioni con casi di studio

ESAMI

Modalità d'esame

esame orale con domande sugli argomenti trattati e su elaborati sviluppati dallo studente

Modalità di accertamento

Lo studente dovrà dimostrare l’acquisizione delle conoscenze riguardanti lo sviluppo e l’implementazione dei percorsi clinico-assistenziali e si valuterà non solo la capacità di esprimersi dialetticamente con correttezza e proprietà organizzando un discorso strutturato, ma anche e specialmente la padronanza del linguaggio tecnico, sia dal punto di vista dell’esattezza terminologica sia per quanto riguarda la capacità di comprendere, manifestare e utilizzare in modo chiaro ed efficace i complessi e articolati concetti propri delle scienze infermieristiche. L’esame orale consente altresì di spaziare agevolmente su tutti i temi oggetto dell’ insegnamento e di verificare dunque con precisione il grado di preparazione del singolo candidato. L’esame si intende superato con una votazione pari o superiore a 18/30. Il voto massimo è 30/30: a tale votazione si può aggiungere la lode per i candidati meritevoli.