APPARECCHIATURE E TECNICHE DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI II

APPARECCHIATURE E TECNICHE DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI II

_
iten
Codice
68251
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
8 cfu al 2° anno di 9294 TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOT (L/SNT3) GENOVA
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOT)
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il tumore al seno attualmente rappresenta la neoplasia maligna più frequente nel sesso femminile, la  diagnosi si articola su diverse metodiche essenziali peruna diagnosi precoce; in quest'ambito il ruolo del personale tecnico di radiologia è centrale.

L'Ecocolordoppler dei Tronchi Sovraortici è un esame utilizzato per studiare i vasi sanguigni che nutrono le strutture del capo, e per la diagnosi delle malattie cerebrovascolari, permettendo lo studio dei vasi e delle lesioni aterosclerotiche.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Apprendere il percorso diagnostico per lo studio dell’apparato urinario e dello spazio retroperitoneale con correlazione alle indicazioni cliniche e l’appropriatezza nelle scelte delle metodiche di studio in rapporto alle loro specifiche caratteristiche tecnologiche. Acquisire le nozioni basilari per eseguire esami diretti e contrastografici di ottima qualità nell’apparato gastroenterico e urinario e conoscere l’appropriatezza di ciascuna metodica sulla base degli elementi di fisiologia e patologia gastroenterica e urologica impartiti. Acquisire nozioni relative alle apparecchiature e alle tecniche di acquisizione delle immagini in campo senologico. Acquisire nozioni relative alle tecniche di acquisizione delle immagini e all’utilizzo dei mezzi di contrasto necessari, nell’ambito dello studio dell’apparato gastroenterico mediante tecnica tradizionale. Conoscere i principali interventi del tecnico di radiologia in sala operatoria urologica e l’addome e l’apparato urinario in radiologia tradizionale, TC, RM e angiografia. Conoscere la basi del’anatomia ecografica delle strutture addominali con conoscenze basilari delle principali patologie e le tecniche base sull’utilizzo delle strumentazioni ecografiche.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Al termine del corso lo studente dovrà:

-conoscere le metodiche di imaging senologico ed il loro utilizzo.

-conoscere le linee guida in ambito senologico.

-conoscere le metodiche di indagine appropriate per lo studio dell'apparato gastroenterico e urogenitale.

-conoscere i diversi mezzi di contrasto utilizzati in radiologia e le diverse caratteristiche di quest'ultimi.

- conoscere i principi fisici del doppler (effetto doppler, rifrazione, riflessione ed assorbimento acustico, risoluzione spaziale degli ultrasuoni, le sonde ecografiche, artefatti della metodica);

- conoscere in modo approfondito l'anatomia e la fisiologia dei vasi arteriosi extra cranici ed intracranici

- conoscere la metolodologia d'esame, saper riconoscere i vasi extra ed intra cranici, i principali quadri Doppler fisiologici e patologici.

Modalità didattiche

L'insegnamento del modulo inerente alla senologia si articola su lezioni frontali (totale di 18 ore) , didattica attiva  e ADE.

Le lezioni vengono tenute dal Prof. A. Garlaschi e dalla Professoressa A.Orlando

L'insegnamento si compone di lezioni frontali  e didattica attiva per un totale di 10ore.

Le lezioni saranno tenute dalla  Prof.ssa Crosetti Simona, Tecnico di Neurofisiopatologia (docente a contratto).

PROGRAMMA/CONTENUTO

PROGRAMMA DI SCREENING SENOLOGICO E CENTRI DISENOLOGIA DIAGNOSTICA

LINEE GUIDA SIRM CORRENTI IN AMBITO SENOLOGICO

PRINCIPI FISICI E PROTOCOLLI E DI MAMMOGRAFIA, TOMOSINTESI E RISONANZA MAMMARIA

INDICAZIONI ALLA RISONANZA MAGNETICA MAMMARIA

PROCEDURE BIOPTICHE CITO-ISTOLOGICHE E SISTEMI DI REPERAGGIO PROCHIRURGICO

 

 

PRINCIPI FISICI DEL DOPPLER

1) Effetto Doppler

2) Rifrazione, riflessione ed assorbimento

3) Risoluzione spaziale degli ultrasuoni: risoluzione assiale e risoluzione laterale

4) Doppler ad emissione continua (sonde ecografiche)

5) Doppler ad emissione  pulsata (sonde ecografiche)

6) L'immagine vascolare per effetto Doppler e l'ecotomografia ultrasonografica

7) Artefatti (effetto specchio, aliasing)

8) Ulteriori parametri (color-Doppler, angio...)

ANATOMIA ARTERIE CAROTIDEE EXTRACRANICHE ED ANATOMIA DEI VASI INTRACRANICI

1) Varianti anatomiche

2) Anatomia ecografica

L'ESAME DOPPLER DEGLI ASSI ARTERIOSI

1) Metodologia

2) Analisi dei risultati

3) Patologia (le stenosi)

4) Principali quadri Doppler fisiologici e patologici

5) Casi particolari

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutte le Slides utilizzate durante le lezioni ed altro materiale didattico saranno consegnati alla prima lezione.

In generale gli appunti presi durante le lezioni ed il materiale consegnato sono sufficienti per la preparazione dell'esame.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Lunedì/Martedì mattina Padiglione 40 Centro di senologia dalle 8.30 alle 10.00

Commissione d'esame

SIMONA CROSETTI (Presidente)

FEDERICO MASSONE

ADRIANA ORLANDO

MASSIMO GIAN ANDREA GIANNONI

ENNIO BISCALDI

GEROLAMA BUCONTE

VINCENZO PRIMERANO

ALESSANDRO GARLASCHI

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento del modulo inerente alla senologia si articola su lezioni frontali (totale di 18 ore) , didattica attiva  e ADE.

Le lezioni vengono tenute dal Prof. A. Garlaschi e dalla Professoressa A.Orlando

L'insegnamento si compone di lezioni frontali  e didattica attiva per un totale di 10ore.

Le lezioni saranno tenute dalla  Prof.ssa Crosetti Simona, Tecnico di Neurofisiopatologia (docente a contratto).

INIZIO LEZIONI

Le lezioni inizieranno il 21 ottobre 2016.

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame è orale e prevede che lo studente debba superare domande inerenti ai diversi campi previsti dal corso.

Qualora risulti insufficiente ad uno di essi può ripresentarsi all'appello successivo per risostenere solo una parte della prova.

Modalità di accertamento

Il personale docenti si assicura che gli studenti abbiano sostenuto le propedeuticità necessarie per presentarsi all'esame.