IL TECNICO DELLA PREVENZIONE: PROFILO PROFESSIONALE

IL TECNICO DELLA PREVENZIONE: PROFILO PROFESSIONALE

_
iten
Codice
68579
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
1 cfu al 3° anno di 9298 TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGH (L/SNT4) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/50
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGH)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Verranno delineati in dettaglio tutti gli aspetti della figura professionale del tecnico della prevenzione. Lo studente dovrà apprendere gli elementi caratterizzanti della prassi dell'ispezione degli ambienti di lavoro. Dovrà imparare a riconoscere le situazioni che configurano un'inadempienza legislativa o situazioni di rischio o pericolo per i lavoratori e le relative strategie di prevenzione.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

1) L'attività formativa si propone di fornire agli studenti gli elementi utili per comprendere la mission del Tecnico della Prevenzione nell'Ambiente e nei Luoghi di Lavoro, con particolare riferimento alle declinazioni formali e sostanziali del D.M. 17 gennaio 1997 n. 58 .

2) L'attività formativa si propone di fornire criteri, strumenti e metodi utili per I'erogazione della prestazione professionale

Modalità didattiche

Lezioni frontali

PROGRAMMA/CONTENUTO

1) I1 tecnico della prevenzione e la complessità dei sistemi con i quali si interfaccia (razionalizzazione dell'organizzazione delle P.A. e revisione del pubblico impiego; processo evolutivo culturale ed evoluzione dell'ordinamento giuridico, economico ed organizzativo del sistema salute; processo di riforma degli ordinamenti didattici universitari; le organizzazioni: struttura organizzativa, meccanismi operativi, azione organizzativa; i sistemi organizzativi professionali; la disciplina delle professioni sanitarie, il concetto di responsabilità)

2) La storia e le origini del tecnico della prevenzione. Sistema sanitario. Il sistema salute, situazione pregressa, l'evoluzione e la situazione attuale: da ufficio di sanità pubblica incardinato nel Ministero degli Interni a idea di salute come fenomeno unitario, tutela dell'individuo lungo la catena orizzontale prevenzione-diagnosi-cura considerando i rapporti ambiente-salute

3) L'evoluzione del sistema salute. Le origini, il percorso, il significato (le indicazioni ed i principi dell'O.M.S.; la carta di Ottawa; la Carta di Lubjiana; L.E.A.; prerequisiti e determinanti della salute. I sistemi "new public management" e "governance" (cenni)

4) I1 sistema salute, l'articolazione della programmazione sanitaria attraverso il PSN e il PSR

5) Stato giuridico del personale appartenente al SSN: situazione pregressa ed attuale. La situazione contrattuale; significato efficacia erga omnes dei CCNL (cenni). Il significato etico, operativo e giuridico della scomparsa La scomparsa dei mansionari; la scomparsa del carattere di ausiliarietà e l'assunzione del carattere di professionalità. (DM 58/97; L 42199; D.Lgs 502192 smi; L 251100; L 43/06 Codici deontologici ed ordini professionali). Il significato etico e giuridico di competenza , il processo decisionale di valutazione e le relative fonti. (cenni)

6) I rapporti tra SSN e Università e la dottrina correlata (DPR 162182; L 341190 s.m.i; D.Lgs 502192 smi ; L 421192 smi; DM 509199; DM 2717100; DPR 220101; DM 27/7/00; DM 311 111 1 L 8/1/01 n.1)

7) La funzioni di ufficiale di polizia giudiziaria: conferimento, significato, i doveri informativo, investigativo, assicurativo; le fonti dottrinali correlate

8) La ricerca nell'ambito delle matrici professionali caratteri-ti il profilo: considerazioni pragmatiche per la determinazione della fattibilità di un programma di ricerca (cenni)

9) Gli sbocchi ed opportunità professionali: Le ASL, le ARPA; l'attività consulenziale ed assistenziale in regime di lavoro autonomo, attraverso la declinazione degli obblighi contrattuali dell'imprenditorialità in relazione alle varie matrici (ambientale, alimentare; luoghi lavoro)

10) Come costruire una professionalità riflessiva per una nuova epistemologia della pratica professionale (stile ed identità professionale, natura educativa della propria professione. Il processo di cambiamento: le spinte, le leve di attivazione, l'inerzia organizzativa; i processi di cambiamento, l'evoluzione strategico operativa secondo il modello Rebora/Meneguzzo (cenni) ).

11) La salute e sicurezza negli ambienti di lavoro: i doveri, i diritti, i principi comuni e la filosofia antropocentrica integrata al carattere tecnologico. Gli attori del sistema prevenzionistico; il loro ruolo le loro funzioni, i loro doveri ed i loro diritti; con particolare riferimento alle posizioni di garanzia correlate al ruolo del professionista sanitario (cenni)

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dispense fornite dal docente

 

TESTI D'APPROFONDIMENTO CONSIGLIATI:

- Atlan H., Complessità, disordine e autocreazione di significato. in G. Bocchi e M. Ceruti (a cura di), La sfida della complessità, Milano, Feltrinelli, 1985.

- Beccastrini S. Competenze Comunicative per gli Operatori della Salute, Torino, Centro Scientifico, 2000,

- Lantieri. et. al, Statistica Medica ed Elementi di Informatica, Milano, Mcgraw-Hi11.1994,

- Ovretveit J., La qualità nel Servizio Sanitario, Napoli, Edises S.r.l., 1996.

- Quaglino G.P., Casagrande S., Castellano A,, La leadership infermieristica, Milano, Cortina Editore, 1992

- Watzlawick P. Beavin J H e Jackson D.D., Pragmatica della comunicazione umana, Roma. Astrolabio,l971. Lewin K, I Conflitti sociali, Milano, F.Angeli, 1980,

- A. Guardavila e R. Pavanello Codice della Salute e Della Sicurezza sul Lavoro - Enciclopedia della Prevenzione Associazione Ambiente e Lavoro, Sesto S Giovanni (Mi)

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Tutti i giorni, previo appuntamento per e-mail (danilo.scotto@giustizia.it

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali

ESAMI

Modalità d'esame

Scritto