FONIATRIA II (CLINICA)

FONIATRIA II (CLINICA)

_
iten
Codice
65550
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
2 cfu al 3° anno di 9282 LOGOPEDIA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/32
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LOGOPEDIA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Sviluppare negli studenti la capacità di conoscenze relative alla metodologia clinica dal riconoscimento preventivo di segni e sintomi all'esame diretto del paziente ed alla sua cura.

Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà:

  • conoscere l’importanza delle diverse tipologie di prevenzione e le relative modalità operative
  • conoscere i principi della diagnosi medica, fisiopatologica, riabilitativa
  • conoscere le modalità operative per effettuare i bilanci delle funzioni nei disturbi fonatori, articolatori, deglutitori
  • conoscere i principi del progetto e del programma riabilitativo
  • riconoscere l’importanza di segni e sintomi che contraddistinguono i quadri patologici
  • conoscere i percorsi diagnostico-terapeutici ed assistenziali
  • sapersi orientare nei protocolli di valutazione multidisciplinare

Modalità didattiche

Lezioni frontali

PROGRAMMA/CONTENUTO

Disfagie o disturbi della deglutizione in età adulta

-anatomo-fisiologia della deglutizione

-fisiopatologia della deglutizione

-classificazione e tipologie delle disfagie

-penetrazione, aspirazione, reflusso, rigurgito

-elementi diagnostici: valutazione non strumentale, valutazione strumentale

- elementi terapeutici: il percorso rimediativo, la gestione delle problematiche correlate respiratorie, nutrizionali, relazionali, farmacologiche, posturali, comunicative

-la manovra di Heimlich

Disartrie o turbe da alterazione del I motoneurone nell’età adulta

- Classificazioni e tipologie

- Elementi diagnostici: esame della motricità generale, esame della motricità fonoarticolatoria

- Semeiologia diagnostica delle singole forme: disartria spastica, atassica, ipercinetiche con movimenti parassiti veloci, ipercinetiche con movimenti parassiti lenti, miste

- Elementi terapeutici: il fine del trattamento, la precocità dell’intervento logopedico, le fasi della progettazione e attuazione dell’intervento.

Turbe comunicative negli oligofrenici in età evolutiva

  • Problemi di definizione di ritardi di linguaggio
  • Classificazioni e tipologie
  • Fasce di età prestazionale
  • Elementi diagnostici: valutazione della prestazionalità generale, valutazione della comunicazione
  • Elementi terapeutici: promozione della prestazionalità, promozione della comunicazione e della verbalità.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

appunti presi durante le lezioni, materiale fornito in fotocopie sono suggeriti come testi di riferimento ma gli studenti possono comunque utilizzare anche altri testi di Clinica foniatrica di livello universitario:

Schindler O. Breviario di patologia della comunicazione 1° volume, Omega editore 1980

Schindler O. Breviario di patologia della comunicazione 2° volume 2^ parte Omega editore 1985

Schindler O. Breviario di patologia della comunicazione 2° volume 3^ parte Omega editore 1988

Vernero I., Gambino M., Schindler A., Schindler O. Cartella logopedica età adulta ed involutiva. Modulistica e protocolli per il bilancio logopedico. Omega editore, 2002

 Schindler O, Ruoppolo G.,Schindler A., Deglutologia. Omega editore, 2011

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento, previo contatto diretto o per email (beatrice.travalca@hsanmartino.it)

Commissione d'esame

ANTONELLA GIUSTI (Presidente)

BEATRICE TRAVALCA CUPILLO

FRANCESCO MORA

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali

INIZIO LEZIONI

I Semestre

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

FONIATRIA II (CLINICA)

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame si svolge in forma orale in sessione comune con i docenti del corso integrato.

Modalità di accertamento

Lo studente, rispetto alle patologie afferenti al catalogo nosologico foniatrico-logopedico,  dovrà dimostrare di conoscere le caratteristiche delle singole patologie, saperne inquadrare le rispettive alterazioni di funzioni e conseguenti disabilità dimostrando di aver compreso cosa debba essere valutato e con quali strumenti e come procedere all'impostazione del progetto e del programma riabilitativo.

ALTRE INFORMAZIONI

L’esame non può essere sostenuto se non è stata rispettata la relativa propedeuticità.

Trattandosi di esami di Corso Integrato, il non superamento di una singola  disciplina prevede la ripetizione dell’intero esame.