INFERMIERISTICA: EBN

INFERMIERISTICA: EBN

_
iten
Codice
67806
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
4 cfu al 1° anno di 9276 INFERMIERISTICA (L/SNT1) IMPERIA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/45
LINGUA
Italiano
SEDE
IMPERIA (INFERMIERISTICA)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L’insegnamento di Evidence Based Nursing riguarda la capacità di identificare le parole chiave utili a reperire le migliori, attuali ed efficaci informazioni che permettono di erogare interventi infermieristici sicuri, appropriati e di qualità con un elevato grado di personalizzazione.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Descrivere il significato di evidence- based- nursing; 
analizzare i problemi assistenziali attraverso un approccio EBN;
Pianificare interventi in linea con i principi EBN

 

Modalità didattiche

Lezioni in aula multimediale per l’interrogazione delle banche dai biomediche, PBL (Problem based learning).

Didattica interattiva e lavori per piccoli gruppi. 

PROGRAMMA/CONTENUTO

- Definizione di Evidence Based Nursing (EBN). Concetto di Evidence Based Nursing. Definizione del quesito clinico. Ricerca delle evidenze. Analisi e implementazione delle evidenze.

- Problemi di Alimentazione alla luce dell’evidence based nursing: caratteristiche della nutrizione normale e principali alterazioni della  nutrizione e loro significato; alterazioni dello stato nutrizionale: la malnutrizione; valutazione dello stato nutrizionale. L’equilibrio idro-elettrolitico ed i suoi principi; la nausea ed il vomito e le alterazioni dell’equilibrio idro- elettrolitico. Assistenza al paziente con problemi di deglutizione; assistenza al paziente sottoposto a nutrizione artificiale enterale.

- Fattori che influenzano la minzione e la diuresi; elementi di alterazione dell’eliminazione urinaria (incontinenza, ritenzione urinaria, anuria, oliguria, poliuria, stranguria, disuria,  nicturia, enuresi); accertamento del bisogno di eliminazione urinaria. Gestione e controllo della diuresi. Assistenza alla persona con incontinenza urinaria. Assistenza alla persona portatrice di catetere vescicale.

- La normale funzionalità intestinale, caratteristiche delle feci, fattori che influenzano l’eliminazione intestinale ed elementi di alterazione (stipsi, diarrea,incontinenza,melena). Accertamento del bisogno di eliminazione intestinale. Assistenza alla persona con incontinenza fecale, diarrea, stipsi.

- Problemi cardiovascolari, respiratori e di termoregolazione alla luce dell’evidence based nursing: Accertamento del funzionamento fisiologico e patologico del sistema cardiovascolare (F.C.; P.A), del sistema della termoregolazione (Temperatura),ed accertamento del dolore. La rilevazione della pressione arteriosa, della frequenza cardiaca,del respiro, della temperatura corporea, la valutazione del dolore: caratteristiche normali e patologiche (Ipertensione, ipotensione, bradicardia, tachicardia, aritmia, ipossia, apnea, ortopnea,cianosi, ipercapnia, bradipnea, tachipnea, iperpiressia, fasi della febbre, scale di valutazione del dolore). Assistenza alla persona con alterazioni della pressione arteriosa, del polso, del respiro e della temperatura corporea.

- L’evoluzione delle responsabilità delle competenze.

- Prevenzione e gestione del rischio clinico in particolare cadute, infezioni, LDD.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

L.Sasso, C. Gagliano, A. Bagnasco Infermieristica generale e clinica Mc Grow Hill 2015

Pio Lattarulo Bioetica e Deontologia Professionale Mc Grow Hill

P. Chiari et all Evidence Based Clinical Practice 2011

D. Doran Nursing Outcome Esiti sensibili alle cure infermieristiche McGraw Hill 2013

L.Sasso A.Bagnasco L. Ghirotto La ricerca qualitativa EDRA 2015

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Si riceve previo appuntamento via mail: gianluca.catania@unige.it

Ricevimento: Si riceve previo appuntamento via mail: roberta.centanaro@hsanmartino.it

Ricevimento: Il ricevimento studenti avverrà previo contatto tramite invio di posta elettronica a: giovanna.razeto@gmail.com

Commissione d'esame

PAOLO PEDEMONTE

GIANLUCA PETRICCIOLI

FRANCO PIU

ANTONIO PANSERA

MAURO PALUMBO

PATRIZIA MARENCO

BARBARA MASINI

GIOVANNA RAZETO

SONIA ROSSELLO

CLAUDIA TOGNETTI

LUCIA VASSALINI

MILKO ZANINI

PIERO STETTINI

ELENA SARCLETTI

STEFANIA SANNAZZARO

MARINELLA SANTACROCE

PAOLA LORENZANI

ANTONIO GUERCI

EMILIA BOSSI

VALERIO BRIANO

MARCO BRIGANTI

CHIARA BONGIOANNI

MARIA BOCCHIA

GIORGIO BADINO

MARTINA BARIOLA

LUCIA BACIGALUPO

ENRICA CANTINOTTI

LUCIANA FELLINI

MARCO GHIOZZI

BRUNA CREPALDI

MONICA CIRONE

ROBERTA CENTANARO

ISABELLA CEVASCO

GIANLUCA CATANIA

ANNAMARIA BAGNASCO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni in aula multimediale per l’interrogazione delle banche dai biomediche, PBL (Problem based learning).

Didattica interattiva e lavori per piccoli gruppi. 

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

INFERMIERISTICA: EBN

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame si svolge a livello dell'insegnamento integrato (Infermieristica nei modelli e nella relazione di cura).
Per gli insegnamenti delle discipline "infermieristiche" (Infermieristica: EBN, Infermieristica nella relaz. e negli aspetti antrop. e sociol.), sono previste le seguenti modalità:  

  • TRIPLO SALTO: Prova articolata nella presentazione di un caso clinico con abbondanza di dati che lo studente dovrà saper utilizzare per risolvere il problema assistenziale, anche con l’eventuale supporto di testi. Alla prova viene attribuito un punteggio da 0 a 5, che sarà sommato nella valutazione della prova successiva.
  • Test a risposta multipla comprendenti domande per l’insegnamento di Infermieristica nella relazione e negli aspetti sociali e antropologici e per l’insegnamento di Infermieristica EBN. Il test è composto da 30 domande a risposta multipla 1 punto ogni risposta corretta.

La valutazione complessiva dell’insegnamento di Infermieristica nella relazione e negli aspetti sociali e antropologici e di Infermieristica EBN sarà ottenuta dalla sommatoria del punteggio ottenuto nel test  (30 domande) a risposta multipla e nel triplo salto (da 0 a 5 punti). LAP (livello accettabile di performance) Lo studente dovrà raggiungere un punteggio complessivo (test e triplo salo) di almeno 29 punti su 35 complessivi.

Modalità di accertamento

Attraverso la prova del triplo salto verrà valutata la capacità dello studente di utilizzare le conoscenze acquisite per la comprensione di un problema assistenziale, l’utilizzo e l’interpretazione dei dati, la capacità di ricercare e analizzare le informazioni mancanti e formulare una soluzione.

Il test a risposta multipla permette di valutare le conoscenze cognitive delle tematiche affrontate in aula e approfondite attraverso i lavori di gruppo e in autonomia.