CHIRURGIA CARDIACA 4

CHIRURGIA CARDIACA 4

_
iten
Codice
84121
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
1 cfu al 3° anno di 9291 TECN.FISIOPATOL.CARDIOCIRCOLAT.E E PERFUS.CARDIOVASC (L/SNT3) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/23
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECN.FISIOPATOL.CARDIOCIRCOLAT.E E PERFUS.CARDIOVASC)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

La perfusione cardiocircolatoria oltre ad essere parte integrante dell’intervento cardiochirurgico standard sta attualmente attraversando una importante fase di innovazione tecnologica per l’importante impatto che presenta nel trattamento di patologie cardiovascolari e respiratorie ad alto impatto sociale e non sempre suscettibili di correzione chirurgica o interventistica

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Acquisire la conoscenza delle tecniche di perfusione cardiocircolatoria in relazione ai singoli quadri patologici su cui possono essere applicate ed alle specifiche tecniche chirurgiche ed interventistiche utilizzate.

Conoscere i supporti vitali utilizzabili secondo le indicazioni delle ultime linee guida (VAD-VAVD-ECMO-ECCOR-..) e delle possibili applicazioni.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso si propone di trasmettere allo studente

  • Conoscenza e capacità di comprendere i meccanismi eziopatogenetici ed fisiopatologici dello scompenso cardiaco e dell’ARDS  
  • Capacità di comprendere meccanismo fisiopatologico, iter diagnostico e approccio teraputico allo shock post-cardiotomia e alla sindrome da bassa portata
  • Capacità di collaborare in un lavoro di equipe per valutare l’idoneo percorso terapeutico per il paziente cardiovascolare soprattutto in relazione alle nuove procedure terapeutiche e al loro impatto sulla popolazione fragile ed anziana.

 

Modalità didattiche

Lezioni teoriche frontali, lezioni interattive

Esercitazioni con analisi di casi

Seminari con partecipazione attiva degli studenti (se possibile)

PROGRAMMA/CONTENUTO

Lo scompenso cardiaco,

la sindrome da distress respiratorio,

il contropulsatore aortico,

l’ecmo veno-venoso,

l’ecmo veno-arterioso,

il trapianto di cuore e le assistenze ventricolari

 

 

 

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dispense e slide power-point preparate dal docente. Per gli approfondimenti Braunwald textbook of cardiovascular disease

 

DOCENTI E COMMISSIONI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni teoriche frontali, lezioni interattive

Esercitazioni con analisi di casi

Seminari con partecipazione attiva degli studenti (se possibile)

ESAMI

Modalità d'esame

Prova orale

Modalità di accertamento

La verifica dell’apprendimento avviene attraverso il solo esame finale che mira ad accertare l’effettiva acquisizione da parte dello studente dei risultati di apprendimento attesi.

Lo studente per superare l’esame, riportare quindi un voto non inferiore a 18/30, dovrà dimostrare:

  • Conoscenza delle cause e dei meccanismi alla base dello scompenso cardiaco
  • Capacità di collaborare al riconoscimento di tale malattie ed alla scelta e pianificazione dell’iter diagnostico appropriato
  • Capacità di collaborare in un lavoro di equipe a valutare le possibilità di trattamento ed i rischi associati
  • Capacità di trasmettere le cognizioni ottenute ed acquisire criticamente ulteriori conoscenze, nonché effettuare approfondimenti relativi ai temi trattati.

Concorrono al voto finale espresso in trentesimi:

- Capacità di trattare in maniera trasversale e critica gli argomenti richiesti;

-Correttezza, chiarezza, sintesi e fluidità espositiva

-Adozione di  una terminologia  appropriata

-Padronanza della materia.

 

ALTRE INFORMAZIONI

Al termine dell’ultima lezione del Corso il docente rimarrà a disposizione degli allievi che vorranno ulteriori delucidazioni ed informazioni, oppure approfondimenti sugli argomenti trattati.Gli studenti sono ricevuti dal Docente previo appuntamento telefonico concordato con il rappresentante degli studenti del corso