BASI ANATOMICHE DELLA PATOLOGIA CARDIOCHIRURGICA

BASI ANATOMICHE DELLA PATOLOGIA CARDIOCHIRURGICA

_
iten
Codice
84055
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
1 cfu al 2° anno di 9291 TECN.FISIOPATOL.CARDIOCIRCOLAT.E E PERFUS.CARDIOVASC (L/SNT3) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/23
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECN.FISIOPATOL.CARDIOCIRCOLAT.E E PERFUS.CARDIOVASC)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L'esperienza diretta e la possibilità di verificare in Anatomia Patologica le alterazioni parafisiologiche e patologiche del cuore e dei vasi rappresenta l'obiettivo principale dell'insegnamento. Gli studenti apprenderanno le basi anatomiche e fisiopatologiche delle malattie cardiovascolari. Vedranno direttamente quelle lesioni e quelle condizioni patologiche intuite dallo studio dell'anamnesi patologica remota o prossima, identificate dalle indagini strumentali e confermate dai quadri clinici.

 

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’Anatomia Patologica viene affrontata da una particolare angolazione quale quella della patologia cardio-vascolare.

Verranno dapprima presentate le basi dell'embriologia del sistema cardio-vascolare e del cuore in particolare.

In un secondo momento, accanto alle modificazioni parafisiologiche proprie dell'età adulta, verranno presentate le alterazioni parafisiologiche o francamente patologiche della senilità.

La patologia cardiaca verrà trattata partendo dalle cardiomiopatie, dilatativa ed ipertrofica, e dalle conseguenti modificazioni strutturali del miocardio e dei sistemi valvolari che queste comportano.

La patologia dei sistemi valvolari, già impostata sulla base delle alterazioni involutive e senili, deve essere necessariamente completata con lo studio delle endocarditi e dalla classificazione morfologica ed etiologica delle stesse.

Le miocarditi, come pure tutta la patologia infiammatoria ed infettiva del miocardio e del pericardio, devono necessariamente completare il quadro sopra descritto.

Sulle basi sovra impostate sarà allora agevole inquadrare sia il tema della morte cardiaca improvvisa che tutte le turbe del ritmo conseguenti ad alterazioni dei sistema di conduzione.  Il tema della morte improvvisa cardiaca e della morte cardiaca in genere, deve necessariamente prevedere la trattazione dell'infarto del miocardio  ed ancor più i quadri evolutivi dello stesso e le complicanze a breve e lungo termine caratterizzate da un corteo di lesioni e di quadri anatomo-patologici estremamente variabili ma altrettanto compiutamente codificati. A completamento del percorso didattico deve essere contemplato uno spazio considerevole per lo studio dell'aterosclerosi in tutte le forme e in tutti i quadri evolutivi e delle flebiti e trombo flebiti, patologia estremamente comune, importante per le ricadute cliniche in termine di malattia persistente e cronica, di disabiltà e di morte.

Modalità didattiche

Attività didattica frontale:  Il programma viene svolto in  10  lezioni per un totale di  1 CFU.

Attività autoptica:  Partecipazione ad un riscontro diagnostico effettuato su feto di età gestazionale non inferiore alla 18° settimana o su neonato.

Attività autoptica mirata:  Dissezione di un blocco anatomico del cuore e del sistema aorto-cavale prelevato in corso di autopsia

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Formazione e sviluppo del cuore

Alterazioni involutive e senili del cuore

Patologie cardiache: quadri anatomo-patologici

Patologie vascolari: quadri anatomo-patologici

La tecnica autoptica. Legislazione.  Tempi dell'autopsia, esame esterno, eviscerazione, dissezione degli organi, epicrisi, diagnosi macroscopica.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

  • Beltrami C.A.. Apparato Vascolare. Sez 7. In:  Mariuzzi G.M.. Anatomia Patologica. Piccin. Padova 2006.
  • Sheppard M.N., Herrington C.S..  Apparato Cardiovascolare. Cap 6 in : Herrington C.S.. Anatomia Patologica di MUIR, Edizioni Medico Scientifiche Internazionali,  Roma, 2017.
  • Safitz J.E. Il cuore. Cap 1 in: Rubin R., Strayer D.S.. Anatomia Patologica – Patologia d’organo e molecolare. Piccin, Padova, 2014.
  • Gotlieb A.I., Liu A.. I vasi sanguigni . Cap 10  in: Rubin R., Strayer D.S.. Anatomia Patologica – Patologia d’organo e molecolare. Piccin, Padova, 2014.
  • Mitchell R.N., Schoen F.J.. Vasi sanguigni. Cap 11 in: Kumar V., Abbas A.K., Fausto N., Aster J.C.. ROBBINS E COTTRAN Le basi patologiche delle malattie. Elsevier Masson, Milano, 2010.
  • Schoen F.J.,. Mitchell R.N. Il cuore. Cap 12 in: Kumar V., Abbas A.K., Fausto N., Aster J.C.. ROBBINS E COTTRAN Le basi patologiche delle malattie. Elsevier Masson, Milano, 2010.

DOCENTI E COMMISSIONI

LEZIONI

Modalità didattiche

Attività didattica frontale:  Il programma viene svolto in  10  lezioni per un totale di  1 CFU.

Attività autoptica:  Partecipazione ad un riscontro diagnostico effettuato su feto di età gestazionale non inferiore alla 18° settimana o su neonato.

Attività autoptica mirata:  Dissezione di un blocco anatomico del cuore e del sistema aorto-cavale prelevato in corso di autopsia

 

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame consiste in una prova orale.

In caso di imprevista assenza del docente sono state predisposte 30 domande mirate, a riposta multipla, da somministrare ai candidati al momento dell'esame complessivo del Corso Integrato.

Modalità di accertamento

L'esame permetterà di verificare il raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi.

Si tratta, per ogni argomento, di verificare, come da programma, il livello di conoscenza, il tipo di competenza richiesta e l' abilità necessaria per rapportarsi con la tematica specifica. In ultima analisi il candidato deve essere in grado di dimostrare il raggiungimento della finalità strategica in termini di conoscere, saper fare, saper essere.

ALTRE INFORMAZIONI

RICEVIMENTO STUDENTI/LAUREANDI

Mercoledi - Orario: dalle 17.00  alle 18.00

Previo appuntamento con contatto e-mail

 

RECAPITI: UBICAZIONE STUDIO, TELEFONO, MAIL

Ospedale Policlinico San Martino - Pad  39  Anatomia Patologica

Via De Toni 14

010- 3537816

ezio.fulcheri@unige.it