FONDAMENTI DI PROGETTO INDUSTRIALE 1

FONDAMENTI DI PROGETTO INDUSTRIALE 1

_
iten
Codice
52511
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
6 cfu al 1° anno di 9017 SCIENZA E INGEGNERIA DEI MATERIALI (LM-53) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-IND/13
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZA E INGEGNERIA DEI MATERIALI )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il Progetto Industriale rappresenta la fase operativa di un processo di ingengeria che ha origine dall'dea di un prodotto e che temina con la sua realizzazione. Le fasi di progettazione seguono determinate regole e nel loro sviluppo si applicano metododologie e terminologie specifiche. L' allievo di Scienza dei materiali interagisce comunemente, in ambito professionale, con il mondo dell'ingegneria ed è opportuno che egli sappia interagire con i processi che guidano  il progetto industriale.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il modulo è proposto come base alle tematiche di progettazione industriale e si raccorda con le conoscenze di base della fisica, della chimica, della scienza e tecnologia dei materiali. Accanto ad un’impostazione metodologia della progettazione industriale si orienta l’allievo allo sviluppo di elementari procedure di progetto meccanico.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Lo scopo dellinsegnamento di Fondamenti di Progetto Industriale è quello di fornre elementi di base sulle tematiche di progettazione industriale, raccordandoli con le conoscenze di base della fisica, della chimica, della scienza e tecnologia dei materiali. Accanto ad un’impostazione metodologia della progettazione industriale si orienta l’allievo allo sviluppo di elementari procedure di progetto meccanico.

Al termine del corso lo studente avrà acquisito le conoscenze di  base per l'interpretazione di un progetto industriale meccanico. Nello specifico lo studente sarà in grado di:

  • comprendere elaborati semplici di progetto industriale
  • giustificare  le principali scelte progettuali
  • identificare le problematiche, di natura fisica e relative alla scelta e alla lavorazione di materiali, associate a semplici progetti industriali meccanici
  • redigere semplici elaborati grafici di progetto secondo le regole di rappresentazione convenzionale

 

PREREQUISITI

Non sono richiesti specifici prerequisiti, fatte salve le conoscenze di base della fisica fenerale e della chimica inorganica.

Modalità didattiche

L'insegnamento si compone di lezioni frontali, integrate con esercizi ed esempi, per un totale orientativo 48 ore a cui si sommano 12 ore dedicate all'impostazione di projects, relativi a sotto-sistemi meccanici semplici, che sono sviluppati dagli allievi organizzati in gruppi (solitamente due allievi per ogni project proposto). Nello sviluppo del project è richiesta, fra l'altro, la realizzazione di disegni costruttivi di componenti, redatti con supporto di codici CAD. Il project è parte fondamentale della prova d'esame.

La frequenza alle lezioni non è obbigatoria mentre è obbligatoria la stesura del project.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il modulo propone un primo livello di interconnessione fra discipline dell’ingegneria industriale e discipline proprie della chimico-fisicaed è così articolato:

  • Elementi di base per un approccio ingegneristico ai problemi di progettazione.Interazioni fra disegno, modello e progetto di componenti, sotto-sistemi e sistemi industriali.
  • Lettura ed interpretazione di disegni ed elaborati tecnici.
  • Elementi di disegno industriale.
  • Elementi di meccanica funzionale.
  • Principi di funzionamento di dispositivi tecnologici ad uso industriale.
  • Esigenze e necessità funzionali di organi di macchine ed impianti.
  • Criteri e procedure di scelta di componenti unificati di grande serie.
  • Scelta di materiali da costruzione ed interazioni col progetto.
  • Procedimenti di costruzione e fondamenti sulle lavorazioni tecnologiche.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Testi di consultazione:

  • Ghigliazza, R., Ferraro A. ed altri “Istituzioni di disegno industriale – Vol. 1”, Genova.
  • Chirone, E., Tornincasa, S., “Disegno tecnico industriale – Vol.1”, Ed. Il Capitello, Torino.
  • Luzzander, W.J., Duff, J.M. “Introduction to engineering drawing”, Prentice Hall, New Jersey, USA.
  • Ullmann, D.G., “The mechanical design process”, McGraw Hill, New York, USA

E' reso disponibile in AulaWeb materiale didattico a supporto dello svolgimento delle lezioni e delle esercitazioni. E' fornito materiale specifico a supporto del project. E' fornito materiale integrativo in itinere su specifiche problematiche trattate.

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

ENRICO RAVINA (Presidente)

SILVANA TERRENI

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento si compone di lezioni frontali, integrate con esercizi ed esempi, per un totale orientativo 48 ore a cui si sommano 12 ore dedicate all'impostazione di projects, relativi a sotto-sistemi meccanici semplici, che sono sviluppati dagli allievi organizzati in gruppi (solitamente due allievi per ogni project proposto). Nello sviluppo del project è richiesta, fra l'altro, la realizzazione di disegni costruttivi di componenti, redatti con supporto di codici CAD. Il project è parte fondamentale della prova d'esame.

La frequenza alle lezioni non è obbigatoria mentre è obbligatoria la stesura del project.

INIZIO LEZIONI

1 Ottobre (orientativo, in accordo con il calendario delle lezioni definito dal CCS).

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame prevede una prova orale. Si assume come riferimento l'elaborato di project svolto dall'allievo. L'allievo dovrà essere in grado di discutere il proprio elaborato giustificando e commentando le scelte progettuali proposte. A partite dai contenuti di tale elaborato saranno formulate all'allievo due ulteriori domende su tematiche fra quelle trattate nell'ambito delle lezioni.

 

Modalità di accertamento

L'esame orale accerterà l'effettiva acquisizione delle conoscenze di base sull'interpretazione di un semplice progetto industriale. Lo studente dovrà essere in grado di discutere le tematiche affrontate durante il corso e di correlare le stesse al tema specifico oggetto del project sviluppato dall'allievo stesso.

 

ALTRE INFORMAZIONI

Il docente è a disposizione per fornire indicazioni e riferimenti specifici.