MARGINALITÀ E RIABILITAZIONE

MARGINALITÀ E RIABILITAZIONE

_
iten
Codice
66970
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
1 cfu al 2° anno di 9286 TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/48
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICA DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso affronta aspetti psicosociali rivolti alle tipologie di comportamento che sviluppano dimensioni di disagio, marginalità e devianza. Esse condizionano la vita delle persone e di conseguenza la loro risposta  nei confronti delle richieste della società. Il lavoro di rete tra enti pubblici e privati, lo studio e sviluppo di strategie e tecniche cognitive comportamentali e l’inserimento dei pazienti in luoghi protetti sono risultati efficaci nella cura dei pazienti con patologie disfunzionali al vivere quotidiano.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento di pone l’obiettivo di :

 

-fornire agli studenti le nozioni base in materia di riabilitazione persone con disagio psichico e tossicomanico

- fornire agli studenti una generale comprensione del contesto lavorativo e de servizi di rete.

- introdurre le tematiche relative al ruolo del terp e al lavoro in contesto comunitario

- far acquisire agli studenti la capacità di utlizzo di tecniche e strategie volte alla riabilitazione degli utenti collocati in comunità terapeutica

- sviluppare negli studenti la capacità di riflessione su interventi in utenza minorile e tossicodipendente

-Sviluppare le conoscenze in materia di disagio deviana e marginalità

 

RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI:

Al termine dell’insegnamento, lo studente sarà in grado di comprendere gli aspetti e le differenze comportamentali dovute al disagio psichico/sociale in età evolutiva.

Cogliere la dimensione del lavoro di rete, attraverso le relazioni con i servizi di riferimento sia pubblici che

privati

Utilizzo di metodi e strumenti di intervento nel trattamento di utenza tossicodipendente e adolescenti con

distrurbi psichiatrici

Imparare a conoscere e utilizzare i principali strumenti di valutazione e osservazione nell’ambito della

tossicodipendenza e nell’area adolescenziale.

Apprendere le tecniche e le strategie cognitive comportamentali insegnate e saperle utilizzre in base alla tipologia di utenza con cui si lavora

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, suddivise in quattro parti, per un totale di 10 ore.

Utilizzo di Role Pay e simulate

Presentazione casi clinici e formulazioni interventi riabilitativi rispetto ad essi

PROGRAMMA/CONTENUTO

 

 

 

 

Differenze tra marginalità, devianza e disagio

 

La dipendenza in carcere e l’intervento riabilitativo in istituto penale

Tecniche e strategie: la bilancia decisionale, tecnica del surf, analisi funzionale, diario del carving situazioni a rischio e abc cognitivo e comportamentale, strategie per dire no, scheda per la registrazione dei pensieri automatici, tecnica del s.o.b.e.r.

Il lavoro con le dipendenze: trattamento e inserimento comunitario

Scheda di valutazione EuropASI, HoNOSCA, CANS, scheda autoefficacia nelle life skills, scheda autocontrollo

La comunità per adolescenti

I servizi territoriali

Tecniche e strategie cognitive-comportamentali, quali ad esempio il rinforzo,la token economy, il contratto comportamentale, l’utilizzo affermazioni positive, la negoziazione, le conseguenze naturali e le conseguenze logiche, allenamento all’assertività, il costo della risposta, l’ignorare selettivo, tecnica dell’inibizione dell’emissione della risposta d’evitamento, tecnica inibizione reciproca

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Le Slides utilizzate durante  le lezioni sono utili per la preparazione dell’esame finale. Si Consiglia di utilizzare,  ai fini della prova di esame, Il seguente libro di testo:  Mario Di Pietro e Elena Bassi, L’intervento cognitivo comportamentale per l’età evolutiva,strumenti per la valutazione e tecniche per il trattamento, Erickson

I libri sotto indicati sono suggeriti come testi di appoggio.

-Antonio Bimbo, Emanciparsi dalle dipendenze, strategie d’intervento per operatore ed educatori, FrancoAngeli

-Giacinto Froggio, Il trattamento della devianza giovanile, L’approccio psicosociale orientato in un senso ecologicoe cognitivo comportamentale, Franco Angeli

-Jon E. Grant, Marc N. Potenza, Il gioco d’azzardo patologico, Springer

-Mauro Palumbo, Mario Dondi e Claudio Torrigiani, La comunità terapeutica nella società delle dipendenze, Erickson

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

GABRIELE ROCCA (Presidente)

DEBORAH PREITI

FABIANO BARABINO

PAOLA CARDINALE

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali, suddivise in quattro parti, per un totale di 10 ore.

Utilizzo di Role Pay e simulate

Presentazione casi clinici e formulazioni interventi riabilitativi rispetto ad essi

INIZIO LEZIONI

II semestre, da Marzo a Maggio 2019.

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame verrà svolto in forma orale con domande aperte relative gli argomenti trattati durante le lezioni

 

Modalità di accertamento

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento di ogni argomento verranno dati nel corso delle lezioni.

L’esame orale verterà sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali e avrà lo scopo di valutare se lo studente ha conseguito un livello adeguato di conoscenze, dimostrando di aver sviluppato la capacità di analizzare criticamente le dinamiche psicopatologiche e le strategie comportamentali a disposizione del Terp che verranno affrontate durante l’insegnamento. Lo studente dovrà anche dimostrare di avere acquisito la capacità di descrivere gli argomenti trattati in modo chiaro e con una terminologia corretta.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
18/06/2020 14:30 GENOVA Orale Istituto Santa Caterina, Aula B (piano II)
15/07/2020 14:30 GENOVA Orale Istituto Santa Caterina, Aula B (piano II)
15/09/2020 14:30 GENOVA Orale Istituto Santa Caterina, Aula B (piano II)