CHIRURGIA GENERALE

CHIRURGIA GENERALE

_
iten
Codice
67506
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
7 cfu al 5° anno di 8745 MEDICINA E CHIRURGIA (LM-41) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/18
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (MEDICINA E CHIRURGIA)
periodo
1° Semestre
frazionamenti
Questo insegnamento è diviso in 2 frazioni: A, B. Questa pagina si riferisce alla frazione B
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il Corso Chirurgia I sviluppa specifiche Competenze Cliniche Basilari nella "prima parte" dei quadri morbosi di maggiore interesse: dagli Aspetti più Generali all'Addome Acuto, dalla Chirurgia dei Linfatici e dei Vasi Chiliferi alla Microchirurgia ed alla Chirurgia Video-Endoscopica, compresi i temi più importanti di Chirurgia Plastica ed Urologica.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Dopo l'acquisizione di nosografia, eziologia, fisiopatologia, segni e sintomi delle malattie, il corso è finalizzato allo sviluppo di specifiche competenze cliniche attraverso la presentazione di casi clinici, della problematica diagnostica-terapeutica, relativa ai quadri morbosi di maggior interesse e di più frequente riscontro nella pratica chirurgica. Al termine del corso, lo studente deve essere in grado di affrontare la discussione su problemi di rilevanza clinica, mostrandosi capace di impostare il ragionamento diagnostico differenziale, basato sull’osservazione, sulla conoscenza dei dati epidemiologici, sull’uso razionale delle indagini strumentali e di laboratorio, sulle possibilità di prevenzione delle patologie più comuni. Deve dimostrare la capacità di porre indicazioni terapeutiche corrette, di essere genericamente orientato sulle tecniche chirurgiche più comuni, sul "timing" chirurgico e sulla prognosi, tenendo presenti le caratteristiche psicofisiche e sociali del malato. E' inoltre richiesta un’adeguata conoscenza delle problematiche relative ai periodi pre- e post-operatorio, correlate sia agli interventi in regime di day-surgery, sia a quelli di chirurgia maggiore.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Al termine del Corso, lo Studente deve risultare in grado di saper affrontare la discussione su i problemi di rilevanza clinico-chirurgica, mostrandosi autonomamente capace ed abile nell’impostare il ragionamento diagnostico differenziale, basato sull’osservazione, sulla conoscenza dei dati epidemiologici, sull’uso razionale delle indagini strumentali e di laboratorio, nonche sulle possibilità di prevenzione delle patologie più comuni, in riferimento agli argomenti oggetto del programma del Corso, di seguito indicati .

Si richiede allo Studente la capacità di porre indicazioni terapeutiche corrette, di essere genericamente orientato sulle tecniche chirurgiche più comuni, sul "timing" chirurgico e sulla prognosi, tenendo presenti le caratteristiche psicofisiche e sociali del malato. E' inoltre richiesta un’adeguata conoscenza delle problematiche relative ai periodi pre- e post-operatorio, correlate sia agli interventi in regime di day-surgery, sia a quelli di chirurgia maggiore.

Modalità didattiche

 Lezioni Plenarie in Aula

- Didattica Seminariale (discussioni dei casi clinici)

- Didattica Professionalizzante (per piccoli  gruppi di studenti) in Corsia, in Ambulatorio ed  in Sala Operatoria / Diagnostica Radiologica  Strumentale

La frequenza è obbligatoria, con ore distribuite, a seconda delle tipologie di attività ed in rapporto ai Crediti previsti al 5° Anno – I Semestre, per la Disciplina di Chirurgia Generale MED/18 - Corso Integrato di Chirurgia I : 5 CFU (1 CFU = 25 ore).

Il Calendario dettagliato delle Attività Didattiche viene indicato, ogni Anno Accademico, nella Guida dello Studente pubblicata online.

PROGRAMMA/CONTENUTO

- Valutazione del Rischio Preoperatorio

- Complicanze tipiche del paziente anziano

- Fluidi, Elettroliti, Equilibrio Acido-Base ed  

  Aspetti nutrizionali nel Paziente Chirurgico

- Guarigione delle Ferite

- Infezioni e Sepsi in Chirurgia

- Emostasi e Trasfusioni

- Malattie Chirurgiche del Torace (compresa la

  Patologia Mammaria) e dell’Addome (diagnosi

  differenziale, principi di terapia e prognosi)

- Addome Acuto Peritonitico (diagnosi 

  differenziale, principi di terapia e prognosi)

- Emorragie Digestive Superiori (Multi-Disciplinary 

  Team Management)

- Obesità Patologica (indicazioni e principi di

  trattamento chirurgico)

- Chirurgia Mininvasiva / Video-Laparoscopica  

  (indicazioni e tecniche)

- Il Sistema Linfatico nella Chirurgia Generale

  (Diagnosi e Trattamento dei Linfedemi e delle

  Malattie dei Vasi Chiliferi): Ruolo della

  Microchirurgia e delle Nuove Tecniche

  Complementari

- Correlazioni inter-disciplinari tra Chirurgia

  Generale, Chirurgia Plastica e Chirurgia

  Urologica

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Bellantone R., De Toma G., Montorsi M. (Eds), Chirurgia Generale, Metodologia – Patologia – Clinica Chirurgica -  Edizioni Minerva Medica, Torino, 2009

Townsend C., Beauchamp RD., Evers BM.,  Mattox KL., Sabiston Textbook of Surgery: The Biological Basis of Modern Surgical Practice. 19th Ed. Elsevier, Philadelphia, USA, 2012.

Materiale aggiuntivo è messo a disposizione degli Studenti attraverso il Portale AulaWeb.

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Per ogni eventuale necessità, ulteriori dettagli o chiarimenti, lo studente potrà rivolgersi direttamente ai docenti di riferimento, attraverso la segreteria didattica del Corso di Studi.   francesco.boccardo@unige.it

Ricevimento: Contatto diretto con il docente tramite posta elettronica (camerini@unige.it).

LEZIONI

Modalità didattiche

 Lezioni Plenarie in Aula

- Didattica Seminariale (discussioni dei casi clinici)

- Didattica Professionalizzante (per piccoli  gruppi di studenti) in Corsia, in Ambulatorio ed  in Sala Operatoria / Diagnostica Radiologica  Strumentale

La frequenza è obbligatoria, con ore distribuite, a seconda delle tipologie di attività ed in rapporto ai Crediti previsti al 5° Anno – I Semestre, per la Disciplina di Chirurgia Generale MED/18 - Corso Integrato di Chirurgia I : 5 CFU (1 CFU = 25 ore).

Il Calendario dettagliato delle Attività Didattiche viene indicato, ogni Anno Accademico, nella Guida dello Studente pubblicata online.

ESAMI

Modalità di accertamento

La verifica dell’apprendimento avviene attraverso il solo esame finale orale, che mira ad accertare la  effettiva acquisizione da parte dello studente dei risultati di apprendimento attesi: Concorrono, pertanto, al voto finale espresso in trentesimi:

- Capacità di trattare in maniera trasversale e critica gli argomenti richiesti;

-Correttezza, chiarezza, sintesi e fluidità espositiva;

-Padronanza della materia;

Adozione di una terminologia appropriata.

Il voto di 30/30 con eventuale lode sarà conferito quando le conoscenze/competenze della materia sono risultati eccellenti.

 

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
18/12/2019 14:30 GENOVA Orale APPELLO RISERVATO SOLO AGLI STUDENTI DEL V ANNO IN CORSO ( FREQUENTANTI ATTUALMENTE LE LEZIONI) AULA DA DEFINIRSI