ANATOMIA APPARATO LOCOMOTORE

ANATOMIA APPARATO LOCOMOTORE

_
iten
Codice
80247
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
4 cfu al 1° anno di 8745 MEDICINA E CHIRURGIA (LM-41) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/16
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (MEDICINA E CHIRURGIA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Lo scopo del presente corso è di fornire una conoscenza della basi anatomiche dell’apparato locomotore.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Acquisizione di conoscenza e comprensione delle caratteristiche classificative, organizzative, funzionali e dei rapporti anatomici delle strutture che partecipano a formare l’apparato locomotore con riferimento ai sistemi scheletrico, muscolare, articolare e alle strutture nervose del compartimento motorio somatico.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento di Anatomia Umana dell’Apparato Locomotore si propone di portare gli studenti alla conoscenza dell’organizzazione anatomica e funzionale delle strutture che permettono il movimento del corpo umano. Queste strutture vengono presentate anche per il loro ruolo nella delimitazione degli spazi identificabili nel nostro organismo. La comprensione degli argomenti trattati a lezione dovrebbe permettere allo studente di approfondire ulteriormente specifici argomenti in completa autonomia.

Modalità didattiche

Lezioni teoriche frontali

PROGRAMMA/CONTENUTO

Introduzione allo studio dell’anatomia: terminologia anatomica

di posizione e di movimento.

Introduzione all’anatomia regionale con identificazione e limiti superficiali e profondi delle regioni in cui il corpo umano può essere suddiviso.

 

Apparato locomotore

Generalità e classificazione di ossa, muscoli scheletrici e articolazioni.

 

SCHELETRO OSSEO

Testa: Ossa del neurocranio (frontale, etmoide, sfenoide, occipitale, parietale, temporale).

Cranio in generale, configurazione esterna del cranio.

Configurazione interna del cranio (volta e base del cranio).

Cavità comuni al neurocranio e allo splancnocranio: cavità orbitarie, cavità nasali, fossa infratemporale, fossa pterigopalatina.

Ossa dello splancnocranio (mascellare, zigomatico, nasale, lacrimale, palatino, conca nasale inferiore, vomere,    mandibola, osso ioide).

Tronco: colonna vertebrale, osso sacro, coccige.

Torace: gabbia toracica, coste e sterno.

Arto superiore: clavicola, scapola, omero, radio, ulna, carpo, metacarpo e falangi.

Arto inferiore: ossa dell’anca, bacino nel suo insieme, femore, patella, tibia, fibula, scheletro del piede.

 

ARTICOLAZIONI

Articolazioni del cranio: sinartrosi, sincondrosi, articolazione tempora mandibolare.

Articolazione del tronco: articolazioni della colonna vertebrale, articolazione atlanto-occipitale, articolazione atlo-assiale laterale/mediana, articolazioni del sacro e del coccige.

Articolazione del torace: articolazioni costovertebrali, sternocostali, costocondrali, sternali.

Articolazione arto superiore: articolazione sternoclavicolare, acromionclavicolare, glenoomerale, del gomito, radio ulnare distale, articolazioni della mano.

Articolazioni dell’arto inferiore: articolazione del bacino, dell’anca,del ginocchio, tibiofibulare prossimale, del piede.

 

MUSCOLI

Origine, inserzione, innervazione e azione di:

muscoli della testa: muscoli della volta cranica, muscoli della faccia, muscoli masticatori;

muscoli del tronco: muscoli del dorso, muscoli del collo, fasce del collo;

muscoli del torace e fasce del torace;

muscoli dell’addome, fasce e dispositivi fibrosi dell’addome, tragitto inguinale;

muscoli dell’arto superiore: muscoli di spalla, braccio, avambraccio e mano, fasce dell’arto superiore;

muscoli dell’arto inferiore: muscoli di anca, coscia, muscoli della gamba, muscoli del piede.

Organizzazione delle principali strutture fasciali del corpo umano.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Anastasi - Trattato di anatomia umana.  Anatomia generale, apparato tegumentario, apparato locomotore Edi ermes

Anatomia del Gray. Le basi anatomiche per la pratica clinica.Susan Standring

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento studenti avviene per mezzo di un contatto mail con il quale viene fissato un appuntamento.

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni teoriche frontali

INIZIO LEZIONI

Ottobre 2018

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame è scritto svolto nell'ambito della verifica dei riusltati di apprendimento attesi dell'insegnamento integrato

Modalità di accertamento

La verifica dell’apprendimento avviene attraverso il solo esame finale che mira ad accertare l’effettiva acquisizione da parte dello studente dei risultati di apprendimento attesi