CHIMICA FISICA INDUSTRIALE

CHIMICA FISICA INDUSTRIALE

_
iten
Codice
65160
ANNO ACCADEMICO
2019/2020
CFU
7 cfu al 3° anno di 8757 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE (L-27) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
CHIM/02
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso prevede inizialmente l'approfondimento dei principi zero, uno e due della termodinamica e delle relazioni tra meccanica molecolare ed equazioni di stato come premessa per lo sviluppo di tecniche di progettazione per le piu' frequenti operazioni ausiliarie nell'industria di processo.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire una conoscenza di base dei principi e dei metodi chimico-fisici che possono essere usati come strumenti per comprendere ed investigare i processi chimici industriali. Verranno pertanto presentate potenzialita’ applicative delle leggi che regolano la termodinamica tecnica, la fluodinamica e la trasmissione del calore.Si forniranno i principi fondamentali della teoria cinetica delle reazioni chimiche (omogenee ed eterogenee) necessari per il dimensionamento dei reattori chimici

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Valutare la combinazione di equazioni di conservazione massa/energia con le equazioni costitutive termodinamiche/cinetiche per la progettazione  o  la verifica delle piu' importanti operazioni di servizio nell'industria di processo. Acquisire la necessaria familiarità nell'uso di tabelle e grafiche per le sostanze più importanti.

Modalità didattiche

Lezioni frontali.

Esercitazioni.

Verifica apprendimento.

PROGRAMMA/CONTENUTO

 Bilanci di massa, energia ed entropia in sistemi aperti non reattivi.
 Caratteristiche, prestazioni e rendimento di apparecchiature industriali.
 Elementi di psicrometria.
 Equazioni fondamentali della fluodinamica.
 Perdite di carico diffuse e localizzate.
 Camino con tiraggio spontaneo o forzato.
 Trasporto del calore conduttivo, convettivo ed attraverso irraggiamento.
 Resistenze termiche in serie ed in parallelo.
 Scambiatori di calore.
 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Testi utilizzabili:
 M. J. Moran, H. N. Shapiro, Fundamentals of Engineering Thermodynamics (Wiley, New
York, 1992).
 G. Cornetti, Macchine termiche (Il Capitello, Torino, 1994).
 G. Cornetti, Macchine idrauliche (Il Capitello, Torino, 1994).
 F. Kreith, Principi di trasmissione del calore (Liguori, Napoli, 1974).
 G. Guglielmini, C. Pisoni, Elementi di trasmissione del calore (Masson, Milano, 1996).
 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento, tramite contatto telefonico (329 2104532) o via e-mail.

Ricevimento: Sempre su appuntamento per via e-mail (servida@unige.it)

Commissione d'esame

ALBERTO SERVIDA (Presidente)

ANDREA REVERBERI (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali.

Esercitazioni.

Verifica apprendimento.

INIZIO LEZIONI

1 ottobre 2018

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame consiste in una prova orale e viene condotto dai due docenti titolari del corso. 

Modalità di accertamento

L’esame è finalizzato ad accertare il livello di apprendimento e la capacità di applicazione dei concetti appresi nella risoluzione dei problemi concernenti le tematiche trattate.

I parametri di valutazione riguarderanno la pertinenza delle risposte, la qualità dell’esposizione, la consequenzialità dello schema logico d’esposizione e la capacità di ragionamento critico.