L'insegnamento si prefigge di fornire allo studente un inquadramento di base della storia contemporanea dei paesi europei ed extraeuropei, attraverso una prospettiva che evidenzi la pluralità degli approcci metodologici nell'analisi storica. L'arco cronologico dell'insegnamento va dalla Rivoluzione francese (1789) alla fine della Guerra fredda (1989-91) e prevede l'analisi dei principali eventi storici e la trattazione delle questioni storiografiche più rilevanti per l'età contemporanea.

 

  • Obiettivi e contenuti
    • OBIETTIVI FORMATIVI

      Scopo dell'insegnamento è fornire un inquadramento di base dei principali fenomeni politici, sociali, economoci e culturali dell'età contemporanea (dalla Rivoluzione francese alla fine della Guerra fredda), in una prospettiva tanto nazionale quanto globale.

      OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

      Questo insegnamento (storia contemporanea frazione B) è rivolto agli studenti con le iniziali dei cognomi che vanno dalla lettera L alla lettera Z.

       

      Obiettivi Formativi

      Scopo dell’insegnamento è fornire un inquadramento di base dei principali fenomeni politici, sociali, economici e culturali dell’età contemporanea (dalla Rivoluzione francese alla fine della Guerra fredda), in una prospettiva tanto nazionale quanto globale.

       

      Risultati di apprendimento 

       

      Al termine dell’insegnamento, lo studente sarà in grado di:

       

      - dimostrare un solido orientamento di fronte ai principali snodi e processi della storia contemporanea (conoscenza e capacità di comprensione)

      -  sviluppare la capacità di costruire nessi fra fenomeni e proporre analisi in termini di processi e in termini comparativi (conoscenza e capacità di comprensione applicata)

      - riconoscere la natura delle fonti per la storia contemporanea ed essere in grado di vagliarne il rilievo rispetto agli specifici problemi affrontati (conoscenza e capacità di comprensione applicata)

      - sviluppare un approccio critico consapevole alle interpretazioni storiografiche (autonomia di giudizio).

      - utilizzare un appropriato linguaggio disciplinare articolando i problemi analizzati secondo i loro diversi aspetti (istituzionali, economici, culturali…) ed evidenziandone le connessioni (abilità comunicative scritte e orali)

      PROGRAMMA/CONTENUTO

      Questo insegnamento (storia contemporanea frazione B) è rivolto agli studenti con le iniziali dei cognomi che vanno dalla lettera L alla lettera Z.

      Per tutti i moduli (6, 9, 12 cfu) il programma si articola seguendo le scansioni tematiche del manuale di riferimento.

      I differenti moduli si differenziano per il diverso livello di approfondimento storiografico, connesso con lo studio di monografie specialistiche (1 per 6 cfu, 2 per 9 cfu, 3 per 12 cfu), oltre allo studio del manuale che è comune a tutti i moduli.

      Il programma è il medesimo per frequentanti e non frequentanti.

      Per il modulo da 6 cfu è richiesta allo studente la capacità di orientarsi rispetto alle principali articolazioni temporali dell’età contemporanea.

      Per il modulo da 9 cfu  è richiesta allo studente la capacità di orientarsi rispetto alle principali articolazioni temporali dell’età contemporanea; la comprensione dei nessi di causalità che determinano lo sviluppo dei processi storici.

      Per il modulo da 12 cfu  è richiesta allo studente la capacità di orientarsi rispetto alle principali articolazioni temporali dell’età contemporanea; la comprensione dei nessi di causalità che determinano lo sviluppo dei processi storici; di aver appreso i rudimenti del metodo storico e di sapersi orientare rispetto ai principali snodi storiografici.

      TESTI/BIBLIOGRAFIA

      Il programma è il medesimo per frequentanti e non frequentanti.


      Manuale di riferimento:
      A. M. Banti, L’età contemporanea, vol I (Dalle rivoluzioni settecentesche all’imperialismo) e vol. II (Dalla Grande Guerra a oggi), Laterza, Roma-Bari, 2012.

      Monografie a scelta

      Per il programma da 6 cfu lo studente deve preparare, oltre al manuale su cui viene esaminato nella prova scritta, una monografia a scelta dall’elenco sottostante.

      Per il programma da 9 cfu, lo studente deve preparare, oltre al manuale su cui viene esaminato nella prova scritta, due monografie a scelta dall’elenco sottostante.

      Per il programma da 12 cfu, lo studente deve preparare, oltre al manuale su cui viene esaminato nella prova scritta, tre monografie a scelta dall’elenco sottostante.

      (Gli studenti possono eventualmente scegliere di leggere le monografie nella lingua originale in cui sono state pubblicate.)

       

      Christophe Charle, Gli intellettuali nell’Ottocento: saggio di storia comparata europea, Il Mulino, Bologna, 2002 [1998].

      Wolfgang Reinhard, Storia del colonialismo, Torino, Einaudi, 2002 [1996].

      Alberto Mario Banti, La nazione del Risorgimento. Parentela, santità e onore alle origini dell’Italia unita, Einaudi, Torino, 2011 [2000].

      Eugen Weber, Da contadini a francesi. La modernizzazione della Francia rurale, 1870-1914, Il Mulino, Bologna, 1989 [1976].

      Robert Paxton, Il fascismo in azione. Che cosa hanno veramente fatto i movimenti fascisti per affermarsi in Europa, Mondadori, Milano, 2005.

      George L. Mosse, Sessualità e nazionalismo, Laterza, Roma-Bari, 1996 [1985].

      Arno J. Mayer, Il potere dell’Ancien Régime fino alla prima guerra mondiale, Laterza, Roma-Bari, 1999 [1981].

      George D. H. Cole, Storia del pensiero socialista, Laterza, Bari, 1973 (vol. 1 e vol. 2) [1953-1959].

      Sven Beckert, L’impero del cotone. Una storia globale, Einaudi, Torino, 2016 [2014].

      Benny Morris, Vittime. Storia del conflitto arabo-sionista.1881-2001, Rizzoli, Milano, 2003 [2001].

      Jay Winter, Il lutto e la memoria. La Grande guerra nella storia culturale europea, Laterza, Roma-Bari, 2014 [1995].

      Eric D. Weitz, La Germania di Weimar. Utopia e tragedia,Torino, Einaudi, 2008 [2007].

      Karl Polanyi, La grande trasformazione. Le origini economiche e politiche della nostra epoca, Einaudi, Torino, 2010 [1944].

      Ian Kershaw, Che cos'è il nazismo ? Problemi interpretativi e prospettive di ricerca, Torino, Bollati Boringhieri, 2003 [1985].

      Cristopher R. Browning, Le origini della Soluzione finale. L’evoluzione della politica antiebraica del nazismo. Settembre 1939 – Marzo 1942, il Saggiatore, Milano, 2012 [2004].

      Eric J. Hobsbawn, Il trionfo della borghesia (1848-1875), Roma-Bari, Laterza, 2003 [1975].

      Hannah Arendt, Le origini del totalitarismo, Torino, Einaudi, 2017 [1951].

      Filippo Focardi, Il cattivo italiano e il bravo tedesco. La rimozione delle colpe della seconda guerra mondiale, Laterza, Roma-Bari, 2016 [2013].

      Claudio Pavone, Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella Resistenza, Bollati Boringhieri, Torino, 2013 [1991].

      Federico Romero, Storia della guerra fredda. L’ultimo conflitto per l’Europa, Torino, Einaudi, 2009.

      Victoria de Grazia, L'impero irresistibile: la società dei consumi americana alla conquista del mondo, Torino, Einaudi, 2006 [2005].

      Tony Judt, Postwar. La nostra storia 1945-2005,Roma-Bari, Laterza, 2017 [2005].

      David S. Landes, Prometeo liberato. Trasformazioni tecnologiche e sviluppo industriale nell’Europa occidentale dal 1750 ai giorni nostri, Einaudi, Torino, 2016 [1969].

      URL Aula web
      STORIA CONTEMPORANEA
      https://2018.aulaweb.unige.it/course/view.php?id=5021
  • Chi
    • Docenti
    • Guri Schwarz
      tel. (+39) 010 2099825,interno 59825
      guri.schwarz@edu.unige.it
    • Commissione d’esame
      65234 - STORIA CONTEMPORANEA - Fraz. B
      Nicola Bassoni
      Francesco Cassata
      Guri Schwarz (Presidente)
  • Come
    • MODALITA' DIDATTICHE

      L’insegnamento si articola in lezioni frontali per un totale di 72 ore. È previsto l'impiego di documentazione e risorse in rete e di materiale audiovisivo nonché l’utilizzo di presentazioni in powerpoint. Saranno possibili interventi di studiosi ed esperti esterni per l’esemplificazione di percorsi interpretativi e di ricerca su specifici problemi. La continuità della frequenza è raccomandata.

       

      MODALITA' D'ESAME

      Per i NON FREQUENTANTI l'esame è solo orale. Sarà dedicato alla verifica delle conoscenze e della capacità di elaborazione critica dello studente, si articolerà nella discussione della/e monografie a scelta e dei due volumi del manuale.

      Ai frequentanti è invece offerta la possibilità di dimostrare la padronanza delle nozioni contenute nei due volumi del manuale attraverso due prove scritte che si svolgeranno in itinere. La prima prova si svolgerà a metà corso e verterà sul primo volume del manuale, mentre la seconda si terrà nell'ultima lezione del corso e riguarderà il secondo volume del manuale. Ciascuna prova è composta da due domande a risposta breve, ogni domanda vale un massimo di punti. Ciascuna prova si intende superata se si ottengono almeno 6 punti. 

      Chi supera tutte e due le prove scritte dovrà portare all'orale solamente i testi monografici a scelta. Chi supera una sola delle prove scritte dovrà portare all'orale i testi monografici a scelta, più il volume del manuele relativo alla prova NON superata. Ovviamente chi non supera nessuna delle due prove dovrà portare all'orale entrambi i volumi del manuale, più le monografie a scelta.


      Per i frequentanti, la prova orale è dedicata alla verifica delle conoscenze e della capacità di elaborazione critica dello studente, si articola nella discussione della/e monografie a scelta ed eventualmente di uno o entrambi i volumi del manuale, in relazione ai risultati ottenuti nelle prove scritte.

      MODALITA' DI ACCERTAMENTO

      La commissione d’esame verifica il raggiungimento degli obiettivi formativi, tenendo conto dei seguenti fattori: a) livello di padronanza delle nozioni fondamentali; b) capacità di applicare la conoscenza (analisi delle fonti); c) capacità di ragionamento critico sullo studio realizzato; d) capacità di organizzare discorsivamente la conoscenza, utilizzando il linguaggio specialistico della disciplina.

  • Dove e quando
  • ALTRE INFORMAZIONI
    • La frequenza è vivamente consigliata.

       

  • Contatti