DIRITTO COMMERCIALE

DIRITTO COMMERCIALE

_
iten
Codice
59823
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
9 cfu al 2° anno di 8697 ECONOMIA AZIENDALE (L-18) GENOVA

9 CFU al 2° anno di 8698 ECONOMIA DELLE AZIENDE MARITTIME, LOGISTICA E TRASP. (L-18) GENOVA

9 CFU al 2° anno di 8699 ECONOMIA E COMMERCIO (L-33) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/04
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (ECONOMIA AZIENDALE )
periodo
1° Semestre
frazionamenti
Questo insegnamento è diviso in 3 frazioni: A, B, C. Questa pagina si riferisce alla frazione C
propedeuticita
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso si propone i seguenti obiettivi: fornire una conoscenza sufficientemente ampia e approfondita dei profili istituzionali della materia; impostare uno studio in chiave critica, che sappia tenere conto dell'apporto della dottrina e della giurisprudenza, avendo sempre presenti le realtà molteplici in cui operano gli istituti del diritto commerciale.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

 

Modalità didattiche

Modalità didattiche

Lezioni frontali

Presente su Aulaweb

Si


 

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Prima parte:

L’imprenditore. Le categorie di imprenditori. L’acquisto della qualità di imprenditore. Lo statuto dell’imprenditore commerciale. L’azienda. Brevetti, marchi, opere dell’ingegno, licenze. Le società. La società semplice. La società in nome collettivo. La società in accomandita semplice.

Seconda parte:

La società per azioni. Le azioni. Le partecipazioni rilevanti. I gruppi di società. L’assemblea. L'amministrazione. I controlli. Il bilancio. Le modificazioni dello statuto. Le obbligazioni. Lo scioglimento delle società di capitali. La società in accomandita per azioni. La società a responsabilità illimitata. Le società cooperative. Trasformazione. Fusione. Scissione. La crisi dell’impresa e le procedure concorsuali (cenni)

TESTI/BIBLIOGRAFIA

G.F. CAMPOBASSO, Diritto commerciale, Utet, Torino, vol. 1, ultima edizione pubblicata, pp. 1-216; vol. 2, ultima edizione pubblicata, tutto (pp. 1-300, 305-438, 447-672)

oppure

F. GALGANO, Diritto Commerciale, Zanichelli, Bologna, vol. I, 2013, pp. 1-154; vol. II, 2013, pp. 1-429, 455-507)

Si consiglia inoltre l’utilizzo come supporto allo studio di un codice civile aggiornato (reperibile anche on line).

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: http://www.lingue.unige.it/?post_type=dipendente&p=3430

Commissione d'esame

FRANCESCA LETIZIA VERCELLINO (Presidente)

EUGENIA MACCHIAVELLO

ALESSANDRA DONATO

LEZIONI

Modalità didattiche

Modalità didattiche

Lezioni frontali

Presente su Aulaweb

Si


 

 

INIZIO LEZIONI

da Martedì 18/09/18 orario: Martedì 8.30-10.30; Giovedì 16.30-18.30; Venerdì 8.30-10.30 aula Doria

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

DIRITTO COMMERCIALE C

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

Modalità di accertamento

L’esame verrà svolto in forma orale attraverso cui saranno verificate la padronanza degli argomenti e la capacità di utilizzo della corretta terminologia giuridica. Potrà essere prevista una prova scritta intermedia facoltativa relativa alla prima parte del corso.

Ripetizione dell’esame

Non è previsto il salto d’appello.


 

 

ALTRE INFORMAZIONI

Eventuali propedeuticità e/o pre requisiti consigliati

Istituzioni di Diritto Privato e Istituzioni di Diritto Pubblico sono entrambi esami propedeutici al corso.

Risultati di apprendimento previsti

  • Conoscenza e comprensione Gli studenti devono acquisire adeguate conoscenze e un'efficace capacità di comprensione dei profili istituzionali della materia.
  • Capacità di applicare conoscenza e comprensione Gli studenti devono essere in grado di applicare le conoscenze acquisite e di comprendere e risolvere problemi riferiti alle molteplici realtà in cui operano gli istituti del diritto commerciale, per poter impostare uno studio in chiave critica, che sappia tenere conto dell’apporto di dottrina e giurisprudenza.
  • Autonomia di giudizio Gli studenti devono saper utilizzare sia sul piano concettuale che su quello operativo le conoscenze acquisite con autonoma capacità di valutazione e con abilità nei diversi contesti applicativi.
  • Abilità comunicative Gli studenti devono acquisire il linguaggio tecnico tipico della disciplina per comunicare in modo chiaro e senza ambiguità con interlocutori specialisti e non specialisti.
  • Capacità di apprendimento Gli studenti devono sviluppare adeguate capacità di apprendimento che consentano loro di continuare ad approfondire in modo autonomo le principali tematiche della disciplina soprattutto nei contesti lavorativi in cui si troveranno ad operare.

 

 

Obblighi

La frequenza non è obbligatoria, ma consigliata

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti

 

Modalità didattiche

 Non sono previste differenze di testi o svolgimento d’esame per gli studenti non frequentanti

Obblighi

 

Testi di studio

 

Modalità di accertamento

Esame    ☐ scritto ☐ orale  ☐   altro:

Ripetizione dell’esame