METODOLOGIA DELLA RICERCA SOCIALE

METODOLOGIA DELLA RICERCA SOCIALE

_
iten
Codice
94336
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
2 cfu al 1° anno di 10555 SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE (LM/SNT4) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
SECS-S/05
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE )
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Viene presentata agli allievi una serie di casi storici legati alla medicina in cui si evidenziano i caratteri scientifici della disciplina e le influenze che la società e le istituzioni hanno avuto nel contrasto e nell’affermarsi dei paradigmi. La metodologia della ricerca sociale è stata basata sulla descrizione del pensiero di Karl Popper e di Thomas Kuhn. Per quanto riguarda l’analisi del rapporto tra uomo e tecnologia è stata usata la teoria dei media introdotta da Marshall McLuhan.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Comunicare agli allievi l’importanza delle origini delle terminologie e delle scoperte biomediche, valutare l’importanza dei fattori sociali nell’affermarsi delle verità scientifiche, avere a disposizione elementi per giudicare la scientificità di una affermazione scientifica e biomedica.

Modalità didattiche

Lezioni frontali, discussione di casi, lettura e discussione di articoli scientifici.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Sono stati affrontati quattro casi storici: La scoperta empirica e scientifica dei batteri (Semmelweis, Lister, Pasteur), la storia dei vaccini (vaiolo e poliomielite), le tecnologie dell’informazione e la storia dell’omeopatia e altre truffe scientifiche nella ricerca biomedica.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Nuland, Il morbo dei dottori, Edizioni Codice.

Hellman, Le dispute della scienza, Cortina. (Salk e Sabin)

McLuhan, Dall’occhio all’orecchio, Armando Editore

Dobrilla, Cinquemila anni di placebo, Edra

Ossicini, L’universo è fatto di storie, non solo di atomi, Neri Pozza (capitolo su omeopatia)

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento, domenico.gallo@regione.liguria.it

Commissione d'esame

DANIELA AMICIZIA (Presidente)

GIORGIO SACCHI

GIAMBATTISTA RAVERA

DOMENICO GALLO

FILIPPO ANSALDI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali, discussione di casi, lettura e discussione di articoli scientifici.

ESAMI

Modalità d'esame

Valutazione in itinere attraverso colloquio sugli argomenti esposti a lezione e su proposte degli studenti.

 

Modalità di accertamento

L'esame permetterà di verificare il raggiungimento dei risultati di apprendimento attesi o attraverso interrogazione sugli argomenti del corso o attraverso la discussione di una tesina concordata.

ALTRE INFORMAZIONI

Ogni lezione presenta un riassunto della lezione precedente. A fine lezione vengono proposte domande sull’argomento svolto in giornata.