RIABILITAZIONE GENERALE IN ETÀ EVOLUTIVA

RIABILITAZIONE GENERALE IN ETÀ EVOLUTIVA

_
iten
Codice
73135
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
1 cfu al 2° anno di 9287 TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA' DELL'ETA' EVOL (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/48
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TERAPIA DELLA NEURO E PSICOMOTRICITA' DELL'ETA' EVOL)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Lo sviluppo fisiologico feto neonatale. La nascita prematura: evento a rischio di esiti neurologici maggiori, minori e di deficit sensoriali.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Conoscere i principi di riabilitazione funzionale delle patologie acute e croniche dell'età evolutiva. Conoscere le tecniche riabilitative specifiche per fasce di età e per singole fasi di sviluppo nelle disabilità neuropsicomotorie, psicomotorie e neuropsicologiche dell'età evolutiva. Conoscere i problemi e le metodologie di valutazione dello sviluppo neuropsicomotorio e e della riabilitazione neuropsicomotoria in età evolutiva.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Lo studente deve:

a.Raggiungere la consapevolezza delle problematiche abilitative connesse all’età neonatale e alla nascita pretermine

b.Conoscere le principali strategie abilitative volte alla promozione dello sviluppo neuro comportamentale del neonato attraverso un’assistenza personalizzata incentrata sulla famiglia.

Modalità didattiche

Lezioni frontali. Didattica interattiva. Esercitazioni pratiche e simulazioni in piccoli gruppi. Problem solving. Osservazione critica di filmati.

PROGRAMMA/CONTENUTO

  1. La comunicazione e la relazione genitore-neonato: il bonding e il processo di attaccamento
  2. Lo sviluppo cerebrale e sensoriale feto-neonatale
  3. La nascita prematura: ruolo del Riabilitatore in Terapia Intensiva Neonatale
  4. La valutazione neuro comportamentale: la teoria sinattiva dello sviluppo
  5. La valutazione della motricità spontanea del neonato: i General Movements
  6. La promozione dello sviluppo: developmental care, facilitazioni alla stabilità e sostegno alla famiglia (Family Centred Care)
  7. Il follow up neuro evolutivo 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

“Con Ragione e Sentimento-le cure neonatali a sostegno dello sviluppo” G. Colombo ed Biomedia s.r.l. ed. 2011

“Il neonato ci parla” Guida allo sviluppo del bambino ricoverato in Terapia Intensiva Neonatale. Vivere onlus 2010

“La teoria sinattiva dell’organizzazione comportamentale neonatale” H.Als Traduzione a cura di A.Davidson,G.Rapisardi,P.Sala 1999

 “La promozione dello sviluppo neuro comportamentale del nato pretermine” A.Davinson Riabilitazione Oggi, 12-1998

“Osservazione del neonato e prognosi neurologica” G.Cioni, F.Ferrari Medico e Bambino 16, 633-7, 1997.

“Il Newborn Individualized Developmental Care and Assessment Program (NIDCAP): un programma di cura e valutazione personalizzata dello sviluppo del neonato in Terapia Intensiva Neonatale” K.M.Smith ital j pediatr 2007;33:79-91

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: su richiesta tramite e-mail danielaspina@gaslini.org  

Commissione d'esame

ANDREA CESARI (Presidente)

FRANCESCA ROSSI

PATRIZIA CORSI

ELISABETTA ANTONINI

DANIELA SPINA

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali. Didattica interattiva. Esercitazioni pratiche e simulazioni in piccoli gruppi. Problem solving. Osservazione critica di filmati.

INIZIO LEZIONI

2° semestre 2° anno

ESAMI

Modalità d'esame

Esame orale oppure test di apprendimento a risposte multiple. Nel caso di test verranno proposti 15 quesiti a cui corrispondono 2 punti per ogni risposta esatta.

L’esame orale verterà sugli argomenti trattati durante le lezioni, verrà assegnato un voto parziale per ciascuna disciplina e il voto definitivo sarà il risultato della media di tutti i voti parziali. 

Modalità di accertamento

L’esame avrà lo scopo di valutare il raggiungimento di un adeguato livello di conoscenze e la capacità di analizzare criticamente i problemi. Lo studente dovrà, inoltre, dimostrare di aver acquisito una terminologia corretta e di saper collegare gli argomenti dei vari moduli tra loro.

ALTRE INFORMAZIONI

Possibilità di esperienza pratica durante il tirocinio presso la struttura riabilitativa in cui la docente presta Servizio