NUTRIZIONE PARENTERALE

NUTRIZIONE PARENTERALE

_
iten
Codice
66522
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
1 cfu al 3° anno di 9288 DIETISTICA (L/SNT3) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/18
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (DIETISTICA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Qualora il tubo digerente non sia accessibile o utilizzabile per l’alimentazione la nutrizione parenterale diviene indispensabile

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Essere in grado di gestire autonomamente un accesso venoso o un accesso enetrale per nutrizione artificiale. Conoscere approfonditamente le indicazioni, le modalità di somministrazione, le complicazioni e i limiti della nutrizione parenterale, della nutrizione enterale e del supporto nutrizionale.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso fornisce allo studente le conoscenze per essere in grado di:

  • partecipare alle scelte organizzative e operative del Team Nutrizionale
  • individuare il paziente destinato alla N.P e raccolta dati
  • monitorare il paziente in corso di NP
  • integrare, se necessario e possibile, la N.P. con alimentazione orale o N.E.

Modalità didattiche

L’insegnamento si articola di 10 ore di attività formative così strutturate:

  • Lezioni teoriche frontali
  • Problem-solving
  • Esercitazioni

PROGRAMMA/CONTENUTO

  • Definizioni di:  Alimentazione, Nutrizione, Nutrizione  Artificiale, Nutrizione Enterale, Nutrizione Parenterale (NP)
  • Indicazioni alla Np vs NE
  • Vie d’accesso alla NP: cateterismo venoso, cateteri periferici, cateteri centrali short e long-term esterni, cateteri totalmente impiantabili
  • Complicanze precoci e tardive del cateterismo venoso
  • Fabbisogni in relazione alla NP: idrico, calorico, azotato, minerale, vitaminico
  • Modalità di somministrazione di H2O, macro, micro e mininutrienti in NP
  • Composizione  di sacche “all in one”
  • NP in oncologia e Sindrome da intestino corto
  • Complicanze della NP
  • Definizione di Stomia. Stomie derivative. Stomie  nutrizionali
  • Conseguenze nutrizionali di alcuni interventi chirurgici sull’apparato gastroenterico

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dispense fornite dal docente

Linee Guida SINPE

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

RAFFAELLA GRADASCHI (Presidente)

LUCIA DEL MASTRO

ANTONIO EUGENIO COSTIGLIOLO

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si articola di 10 ore di attività formative così strutturate:

  • Lezioni teoriche frontali
  • Problem-solving
  • Esercitazioni

ESAMI

Modalità d'esame

 

Prova orale

Modalità di accertamento

La verifica dell’apprendimento avviene attraverso il solo esame finale che mira ad accertare l’  effettiva acquisizione da parte dello studente dei risultati di apprendimento attesi.

Lo studente per superare l’esame, riportare quindi un voto non inferiore a 18/30, dovrà dimostrare di essere in grado di:

  • partecipare alle scelte organizzative e operative del Team Nutrizionale
  • individuare il paziente destinato alla N.P e raccolta dati
  • monitorare il paziente in corso di NP
  • integrare, se necessario e possibile, la N.P. con alimentazione orale o N.E.

Concorrono al voto finale espresso in trentesimi:

- Capacità di trattare in maniera trasversale e critica gli argomenti richiesti;

-Correttezza, chiarezza, sintesi e fluidità espositiva;

-Padronanza della materia.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
11/09/2019 14:30 GENOVA Orale

ALTRE INFORMAZIONI

Gli studenti possono contattare il docente via mail o telefonicamente per un appuntamento per attività tutoriale