TECNICHE ECOGRAFICHE

TECNICHE ECOGRAFICHE

_
iten
Codice
73051
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
1 cfu al 2° anno di 9294 TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOT (L/SNT3) GENOVA
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOT)
periodo
1° Semestre
moduli
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il seminario ha come tematica principale l'Eco-color-doppler transcranico (TCCD), metodica diagnostica non invasiva, che utilizza gli ultrasuoni emessi tramite  una sonda settoriale e permette lo studio del parenchima cerebrale e dei principali vasi arteriosi e venosi cerebrali.

In questo seminario sarà presentata la metodologia di studio del TCCD nei quadri fisiologici e patologici del distretto vascolare cerebrale.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Al termine del Seminario lo studente dovrà:

-conoscere in modo approfondito l'anatomia e fisiologia dei vasi arteriosi e venosi del circolo intracranico, dimostrando di aver compreso i rapporti anatomici con le altre strutture cerebrali e l'emodinamica del flusso cerebrale.

-conoscere i limiti tecnici e anatomici della metodica;

-riconoscere gli artefatti;

-conoscere e gestire le caratteristiche tecniche e fisiche della sonda impiegata nel TCCD, conocscere i fodamenti fisici degli ultrasuoni; essere in grado di gestire ed impostare i parametri tecnici di  registrazione con particolare riferimento: Potenza degli ultrasuoni idonea all'applicazione, Pulse Ripetion Frequency (PRF), Common Frequency mode (CFM),Time Gain Compensation (TGM), angolo coseno di lavoro.

- Essere in grado di reperire le finestre acustiche ossee (Temporale, Occipitale, Orbitaria, Sottomandibolare).

Tramite ogni finestra  deve acquisire la capacità d'individuare le principali arterie-vene e comprendere le  tecniche d'esplorazione e comprensione  dei dati estrapolati dall'analisi spettrali dei flussi ematici ed ecografici. 1)Finestra Temporale: arteria cerebrale media, arteria cerebrale anteriore, arteria cerebrale comunicante anteriore e posteriore, arteria cerebrale posteriore; vene profonde. 2) Finestra sub Occipitale: arteria vertebrale dx e sn e arteria basilare; 3) Finestra Orbitaria: sifone carotideo e arteria oftalmica.

Conoscere le principali applicazioni cliniche del TCCD: Vasoreattivita’ Cerebrale,Forame Ovale Pervio,Stenosi dei vasi Intracranici,Monitoraggi ( Vasospasmo nell’ Esa   - Endarterectomia  Carotidea,  Stent carotideo e   altre procedure endovascolari ,  Interventi In Circolazione Extracorporea, - Ipertensione endocranica);    - Morte Cerebrale, Sickle Cells Anemia,   - Ictus Ischemico Acuto (e Trombolisi),   - Embolia Asintomatica.

Riconoscere i principali quadri patologici  e reperire dati oggettivi con valutazioni velocimetriche e misurazioni ecografiche  in applicazione delle line guida correnti (% di stenosi, analisi spettrale con calcolo della massima velocità al picco sistolica (PSV) e di fine diastolica (EDV) intergali di flusso (FVI), calcolo dell'Indice di Resistenza, Indice di asimmetria, Indice di Pulsatilità).

Modalità didattiche

L'insegnamento si compone in lezioni frontali suddiviso in quattro parti e per un totale di 8 ore.

Le lezioni saranno tenute dal prof. Vincenzo Primerano (docente a contratto)

PROGRAMMA/CONTENUTO

 

       Anatomia del circolo arterioso -venoso intracranico

  1. Le Sonde Ecografiche in uso

  2. Le finestre acustiche (occipitale, temporale, sottomandibolare, orbitaria)

  3. Tecniche d’insonorizzazione delle arterie cerebrali medie, anteriori, posteriori, vertebrali , basilare e vene profonde

  4. Analisi spettrale dei principali vasi intracranici

  5. Indice di Resistenza, Indice di pulsatilità, Indice di Asimmetria

  6. Impostazione dei parametri ecografici e Doppler (PW e CW)

  7. Vantaggi del TCCD

  8. Limiti del TCCD/artefatti

  9. Indicazioni ed impiego clinico del TCCD

  10. La valutazione della stenosi intracranica

  11. Il vasospasmo

  12. Il TCCD nell’accertamento di morte cerebrale

  13. Casi clicnici e discussione consuntiva

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutte  le slides utilizzate durante  le lezioni e altro materiale didattico saranno consegnati alla prima lezione. In generale, gli appunti presi durante le lezioni e il materiale consegnato  sono sufficienti per la preparazione dell'esame.

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

SIMONA CROSETTI (Presidente)

FEDERICO MASSONE

ADRIANA ORLANDO

MASSIMO GIAN ANDREA GIANNONI

ENNIO BISCALDI

GEROLAMA BUCONTE

VINCENZO PRIMERANO

ALESSANDRO GARLASCHI

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento si compone in lezioni frontali suddiviso in quattro parti e per un totale di 8 ore.

Le lezioni saranno tenute dal prof. Vincenzo Primerano (docente a contratto)

INIZIO LEZIONI

Dal 4 ottobre 2016

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

L’esame  verterà principalmente sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali e avrà lo scopo di valutare non soltanto se lo studente ha raggiunto un livello adeguato di conoscenze, ma se ha acquisito la capacità di analizzare ed identificare  i singoli vasi e di essere in grado di reperire  eventuali patologie a carico del distretto vascolare e di applicare idonee metodiche tecnico diagnostiche atte a misurare e documentare la patologia riscontrata.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
18/07/2019 15:00 GENOVA Scritto + Orale