TIROCINIO II ANNO

TIROCINIO II ANNO

_
iten
Codice
70731
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
24 cfu al 2° anno di 9293 TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO (L/SNT3) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/46
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (TECNICHE DI LABORATORIO BIOMEDICO)
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il  tirocinio del II anno di corso prevede 575 ore di attività dello studente presso Laboratori specialistici al fine di acquisire  competenze con l'attività puramente pratica prevista dal profilo del Tecnico di Laboratorio Biomedico. Il percorso di tirocinio è suddiviso per settori  in periodi che prevedono da due a cinque settimane di permanenza. Prima  del tirocinio professionalizzante gli studenti devono acquisire 1 CFU di  laboratorio propedeutico al tirocinio  con presenza obbligatoria.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Acquisire conoscenze e abilità pratiche legate a tecniche di chimica clinica, microbiologia, immunometria, batteriologia, micobatteriologia, istologia e citologia di base.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

ANATOMIA PATOLOGICA – tecniche istologiche di base

Registrazione e schedatura del materiale

Conservazione e fissazione del materiale

Campionatura

Tecniche di inclusione in paraffina

Tecniche di taglio

Preparazioni citologiche per citologia esfoliativa

Preparazioni citologiche di liquidi

Colorazioni istologiche di base

BATTERIOLOGIA

Nozioni sul sistema informatico gestionale  della microbiologia

Acquisizione di tecniche di laboratorio di batteriologia :

ambienti, camici,guanti monouso, occhiali e mascherina per manipolazioni particolari

Contenitori, raccolta , trasporto, accettazione e diritto di rifiuto del campione smistamento del campione

Terreni di cultura

Solidi, liquidi

Arricchiti, selettivi

Differenziali

Protocolli di semina dei materiali

Interpretazione delle crescite sulle piastre in relazione ai materiali seminati

Protocolli per identificazione ed antibiogramma

Morfologia delle colonie, reisolamento su terreni selettivi

Preparazione dei vetrini e colorazioni: Gram, Ziel Nilsen, Blu di metilene,inchiostro di china

Identificazione manuali ed automatiche ,significato di bionumero ed index identificazioni sierologiche 

Antibiogramma manuale, e con l’uso di sistemi automatici, MIC , Etest

Germi anaerobi: coltura in atmosfera priva di ossigeno, identificazione

Micologia lieviti e forme miceliali aeree riconoscimento

CHIMICA CLINICA

Caratteristiche del siero, plasma, anticoagulanti ed esercitazione pratica sul trattamento di tali materiali biologici

Caratteristiche e funzionamento delle apparecchiature automatizzate per determinazioni di chimica clinica con esercitazione pratica

Calibrazioni e Verifica quotidiana di qualità (QC)

Manutenzione ordinaria e straordinaria apparecchiature

Esame chimico del liquor

Dimostrazione dei criteri di validazione tecnica dei valori ottenuti, visualizzazione delle carte di controllo di qualità, delle metodiche e della linearità delle reazioni sugli analizzatori

Esercitazione sui metodi di pipettamento sia automatico che manuale

Gestione magazzino reagenti e consumabili

Corretto utilizzo dei DPI per la prevenzione degli infortuni derivanti dal trattamento di materiale biologico

ELETTROFORESI

Esecuzione dell’elettroforesi delle sieroproteine con metodo Capillarys in fase liquida.

Acquisizione del principio di funzionamento delle apparecchiature, preparazione dei reattivi e controlli di qualità

Visualizzazione dei tracciati elettroforetici serici, normali e patologici

Esecuzione dell’elettroforesi zonale delle urine su gel di agarosio

Deposizione di campioni di urine su appositi supporti

Preparazione ed utilizzo di tampone e colorante per elettroforesi su gel

Dimostrazione delle metodiche di immunofissazione serica e/o urinaria

Dosaggio delle proteine con metodo nefelometrico . Preparazione dei reagenti, calibrazioni,controlli di qualità e validazione dei risultati

Utilizzo del programma di gestione informatica dei campioni

IMMUNOMETRIA

Accettazione, stoccaggio e conservazione dei campioni ( valutazione della loro idoneità, analiti termolabili, tempo critico prelievo- consegna, ecc.)

strumentazione di base automatica e semiautomatica

Allestimento e preparazione Routine quotidiana e straordinaria

Significato dei test eseguiti

Conoscenza delle principali ricerche immunometriche del settore

Acquisizione delle principali tecniche applicate in immunometria

L’automazione in immunometria, uso di questa nella routine giornaliera

Importanza dell’accuratezza del dato trattato in funzione del controllo/calibrazione eseguiti  sulle apparecchiature in uso

Il computer come sistema integrato nell’analisi immunometrica: impostazione, integrazione, gestione e conclusione di un modello automatizzato di routine

Rilevazione e trattamento dei dati ottenuti dalle analisi, gestione autonoma dei risultati con conseguente sviluppo delle metodiche di controllo e/o conferma

Interpretazione dei dati ottenuti alla luce dei diversi test espletati e correlazione con eventuali risultati storicizzati

L’errore in immunometria: causa, trattamento e rimedio

Autoimmunità: celiachia e test allergici

MICOBATTERIOLOGIA (inclusa nel tirocinio Batteriologia

Protezione e sicurezza nelle culture per Micobatteri

Decontaminazione dei campioni e semina in terreni solidi e liquidi

Tecniche di amplificazione genica

Diagnostica delle malattie sessualmente trasmesse : 

                              Myc. H., Ureap. u.

                             Clamidya trachomatis

                              Trichomonas

 

PREREQUISITI

Aver completato il tirocinio del I anno e superato il relativo esame di sbarramento. Aver superato tutti gli esami del I anno tranne un Corso integrato non propedeutico come previsto dal regolamento didattico.

Modalità didattiche

Attività di apprendimento delle tecniche di Laboratorio specialistiche con frequenza obbligatoria del 100% delle ore pianificate dei Laboratori e apprendimento diretto attraverso l'utilizzo di strumentazioni con la guida di professionisti appartenenti allo stesso Profilo Professionale. Non sono previste ore di studio individuale.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma è stato esplicato nella voce "OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento DISC Anatomia Patologica via De Toni 14 Ufficio Coordinatore del Tirocinio a.signoretti@edu.unige.it

Commissione d'esame

SONIA SCHIAVO (Presidente)

CRISTINA CUSATO

MAURIZIO BARBARESI

ALESSANDRA SIGNORETTI

LEZIONI

Modalità didattiche

Attività di apprendimento delle tecniche di Laboratorio specialistiche con frequenza obbligatoria del 100% delle ore pianificate dei Laboratori e apprendimento diretto attraverso l'utilizzo di strumentazioni con la guida di professionisti appartenenti allo stesso Profilo Professionale. Non sono previste ore di studio individuale.

INIZIO LEZIONI

Il percorso di tirocinio pratico ha inizio dopo la fine delle Lezioni del I semestre dal mese Gennaio al mese Febbraio e dopo le lezioni del II semestre dal mese di Aprile-Maggio al mese di Settembre con una pausa nel mese di Agosto

ESAMI

Modalità d'esame

Verifica delle capacità di esecuzione di test di Laboratorio con decrizione delle modalità di svolgimento e delle finalità del test per accertamenti di tipo clinico -diagnostico.

Modalità di accertamento

L'esame ha luogo alla fine dell'espletamento del tirocinio annuale. Lo studente deve dimostrare di aver acquisito gli obiettivi previsti.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
26/09/2019 09:00 GENOVA Laboratorio
26/09/2019 09:00 GENOVA Laboratorio