RIABILITAZIONE NEUROLOGICA II

RIABILITAZIONE NEUROLOGICA II

_
iten
Codice
65543
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
1 cfu al 3° anno di 9282 LOGOPEDIA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/34
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LOGOPEDIA)
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Durante il corso verranno descritte le procedure assistenziali, diagnostiche e terapeutiche per patologie neurologiche da danno del sistema nervoso centrale. In particolare verranno illustrate le tecniche di Rieducazione neuromotoria (singola e di gruppo); verranno descritte le modalità di prescrizione e collaudo di ortesi e ausili per pazienti disabili, le principali tipologie di Terapie fisiche e verranno date nozioni sui trattamenti sintomatici dei punti riflessi.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Lo scopo dell’insegnamento è quello di fornire agli studenti conoscenze approfondite sulle principali tecniche di riabilitazione neurologica nell’ambito di patologie neurologiche da danno centrale.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Al termine dell’insegnamento lo studente dovrà:

-conoscere i meccanismi fisiopatologici che sono alla base delle patologie  neurologiche trattate,

-descrivere le principali tecniche riabilitative neurologiche illustrate,

-dimostrare una capacità di lavorare in team riabilitativo con gli altri operatori del settore (medici fisiatri e neurologi, nutrizionisti, foniatri, fisioterapisti, infermieri), con l’obiettivo comune di ripristino delle automie fisiche e psico-cognitive del paziente.

Modalità didattiche

Il corso viene tenuto nel primo semestre del terzo anno, attraverso lezioni frontali che si avvalgono di proiezioni di diapositive. Agli studenti viene rilasciato al termine di ogni lezione, il file contente le diapositive della lezione, su chiavetta USB.

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

1) Tecniche riabilitative manuali e strumentali.

    Terapia strumentale con agenti fisici:  utilizza effetti biologici del calore, della luce, dell’elettricità, dei campi magnetici. Comprende:

-Termo-terapia “esogena” (infrarossi, paraffina, fanghi) o “endogena”   (diatermia): marconi, radar, ultrasuoni.

- Elettro-terapiaà TENS, diadinamiche , ionoforesi, elettrostimolazioni

- Laser-terapia,  - Magnetoterapia,   - Ultrasuoni a onde d’urto,    - Tecarterapia.

-Riabilitazione respiratoria: manuale e strumentale.

-Linfodrenaggio e massoterapia.

-Fisio-chinesiterapia (FKT) passiva e attiva assistita.

-Riabilitazione cognitiva.

-Trattamenti sintomatici dei punti riflessi : agopuntura.

 

2)  Riabilitazione nelle Sindromi Extrapiramidali.

     -cenni di anatomia del Sistema extrapiramidale

     -cenni di fisiopatologia del sistema extrapiramidale

     -classificazione delle malattie extrapiramidali:

     sindromi distoniche ;      sindromi coreiche ;

     sindromi acinetico-ipertoniche: parkinsonismi.

    -Malattia di Parkinson: diagnosi e terapia.

Trattamento fisioterapico della Malattia di Parkinson.

Indicazioni al trattamento logopedico nella malattia di Parkinson.

 

3) Riabilitazione nelle malattie vascolari cerebrali.

Ischemia cerebrale, che comprende:

-sindrome del circolo anteriore (carotideo)

-sindrome del circolo posteriore (vertebro-basilare)

-sindrome lacunare

-encefalopatia multinfartuale.

Emorragia cerebrale ed emorragia subaracnoidea (ESA).

Neuroriabilitazione.

Indicazioni al trattamento logopedico nelle malattie cerebrovascolari.

 

4) Riabilitazione nella sclerosi multipla

Elementi di patogenesi della malattia demielinizzante.

Sintomatologia: sintomi di esordio e sintomi tardivi, nelle fasi evolutive della sclerosi multipla.

La diagnosi di sclerosi multipla.

Il trattamento riabilitativo fisioterapico.

Indicazioni al trattamento logopedico nella sclerosi multipla.

 

5)Riabilitazione nel trauma cranico e nelle gravi cerebrolesioni acquisite.

Fisiopatologia della lesione cerebrale.

Scala del coma di Glasgow.

Diagnostica per immagini.

Valutazione neurofisiologica.

Test neuropsicologici.

Riabilitazione in fase acuta, nel reparto di riabilitazione intensiva.

Riabilitazione della lesione cerebrale, in fase post-acuta.

Indicazioni al trattamento logopedico.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Lezione “malattie vascolari cerebrali:

-Neurologia II volume-C.Fazio,C.Loeb-Società Editrice Universo-Roma. Cap.22 ---Malattie vascolari.

-Medicina Fisica e Riabilitazione - Randall L. Braddom. Edizione italiana-A.Delfino Editore-Roma

-Manuale di fisioterapia -B.Kolster,G.Ebelt,Paprotny- edizione edi ermes-Cap.6 Neurologia.

-Fondamenti e tecniche per il recupero motorio -G.Megna,M.deMarco-EdiSES s.r.l. Napoli

-Trattato di medicina fisica e riabilitazione -G.N.Valobra-UTET-volume 2 e 3.

-Malattie demielinizzanti”. Neurologia,Volume secondo-C.Fazio,C.Loeb -Società Editrice Universo-Roma

Lezione “sclerosi multipla”:

-“Sclerosi multipla:aspetti di terapia occupazionale”-Il fisioterapista-Settembre 2008-Edi.Ermes s.r.l Milano

-Sclerosi multipla-Wikipedia.it

-“Personalizzare la riabilitazione. Sclerosi multipla:programma riabilitativo sperimentale”. Il fisioterapista-Settembre 2009.

-www.aism.it (associazione italiana sclerosi multipla).

-“Agopuntura e spasticità”. Il fisioterapista-Novembre 2004. E. Casanova,Y. Takeuchi - Università di Tokyo(JP)

-“Riabilitazione dei disturbi urinari”.Medina riabilitativa e Urologia -Università Tor Vergata-Roma. Il Fisioterapista, Maggio 2011.

Lezione “trauma cranico”

-Le Gravi Cerebrolesioni-Congresso SIRAS (Soc.Ital.Riabil. Alta Spec) 26-6-06, Pavia.

-Percorso assistenziale integrato nei pz con GCA-Nino Basaglia e al.-Progetto di ricarca finalizzata 2005

-Riabilitazione del traumatizzato cranico- Il fisioterapista, maggio 2000.Edi.Ermes.

-Stati vegetativi e stati di minima coscienza: aspetti clinici e valutativi; iter riabilitativo. Il fisioterapista,luglio 2009.

-Il disturbo neuropsicologico nei postumi di lesione cerebrale. Il fisioterapista. Marzo 2000.

-Riabilitazione neuropsicologica. Il fisioterapista. Gennaio 2004.

-La riabilitazione della memoria nel traumatizzato cranico. Il fisioterapista. Gennaio 2000.

-Trauma cranio-encefalico grave:il ruolo del logopedista nel programma riabilitativo. Il fisioterapista. Settembre 2003.

Lezione “Sindromi Parkinoniane”:

-Neurologia,volume secondo -C.Fazio,C.Loeb - Società Editrice Universo-Roma

-Gangli della base-Enciclopedia della Scienza e della Tecnica (2008) di Fabio Ferrarelli

-Sistema nazionale per le linee guida “Diagnosi e terapia della malattia di Parkinson”. -KNGF guidelines for physical therapy in patients with Parkinson’s disease. Supplement to the Dutch Journal oh Physiotherapy.Volume 114/issue 3/2004

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento via mail all'indirizzo laura.mori@unige.it 

Commissione d'esame

MARIA LAURA INGLESE (Presidente)

MATTEO PARDINI

CARLO SERRATI

LAURA MORI

MICHELE ABBRUZZESE

CRISTINA FLOSI

LEONARDO COCITO

LEZIONI

Modalità didattiche

Il corso viene tenuto nel primo semestre del terzo anno, attraverso lezioni frontali che si avvalgono di proiezioni di diapositive. Agli studenti viene rilasciato al termine di ogni lezione, il file contente le diapositive della lezione, su chiavetta USB.

 

INIZIO LEZIONI

Si rinvia alla voce: "Orario delle lezioni".

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

RIABILITAZIONE NEUROLOGICA II

ESAMI

Modalità d'esame

La verifica dell’apprendimento avviene in forma orale, nell’ambito della verifica del Corso Integrato “Neuroscienze applicate II” , di cui la disciplina “Riabilitazione neurologica II” fa parte.

Modalità di accertamento

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento di ogni argomento, verranno dati nel corso delle lezioni.

L’esame orale verterà principalmente sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali e avrà lo scopo di valutare non soltanto se lo studente ha raggiunto un livello adeguato di conoscenze, ma se ha acquisito la capacità di interagire in team con gli altri operatori coinvolti nella riabilitazione del paziente neurologico.

 

ALTRE INFORMAZIONI

1) L’esame non può essere sostenuto se non è stata rispettata la relativa propedeuticità.

2) Trattandosi di esami di Corso Integrato, il non superamento di una singola  disciplina prevede la ripetizione dell’intero esame.