TEORIE LOGOPEDICHE

TEORIE LOGOPEDICHE

_
iten
Codice
65486
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
1 cfu al 1° anno di 9282 LOGOPEDIA (L/SNT2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/50
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LOGOPEDIA)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Le teorie sullo sviluppo e sui costituenti  della funzione linguistica negli ultimi anni si sono arricchite di nuovi dati provenienti dalle Neuroscienze. Nella formazione di base del logopedista risulta fondamentale conoscere i modelli di architettura funzionale delle diverse sottocomponenti del linguaggio, per poter comprendere gli ambiti da indagare nel momento della valutazione ed individuare profili di funzionamento fisiologici e patologici delle abilità comunicativo-linguistiche.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Scopo dell'insegnamento è quello di far acquisire le conoscenze di base riguardanti i principali e recenti aspetti teorici dello sviluppo e dell’organizzazione anatomo-funzionale delle componenti del linguaggio secondo la prospettiva delle Neuroscienze (livello fonetico-fonologico, semantico-lessicale, morfo-sintattico, pragmatico-comunicativo). Particolare attenzione verrà dedicata al modello di organizzazione del sistema semantico-lessicale, del sistema a due vie di lettura ed all’organizzazione del sistema dei numeri e del calcolo.

I contenuti sono propedeutici allo studio delle diverse patologie del linguaggio, che verranno affrontate negli anni successivi.

 

Modalità didattiche

Lezioni frontali 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Neurolinguistica e teorie del linguaggio. Evoluzione del linguaggio nella specie umana.

Neuroni mirror, teorie sulla comunicazione e sul rapporto gesto-linguaggio orale.

Le componenti del linguaggio, modelli funzionali e correlati anatomici:

comunicativo-pragmatica

morfo-sintattica

semantico-lessicale

fonetico-fonologica

I processi di comprensione linguistica

I processi di produzione linguistica

Il modello di organizzazione del sistema semantico-lessicale (Caramazza, Hillis)

Il modello a due vie di lettura

I modelli del sistema del calcolo e del numero di McCloskey e Dehaene

TESTI/BIBLIOGRAFIA

 Marini A. (2008). Manuale di neurolinguistica. Fondamenti teorici, tecniche di indagine, applicazioni. Carocci Editore. Capitoli: 1, 4, 5, 13, 14, 15, 16.

Materiale integrativo verrà fornito a lezione dal docente.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento è su appuntamento. Gli Studenti potranno contattare i docenti ai seguenti indirizzi e-mail: graziamaria.santoro@hsanmartino.it    

Commissione d'esame

GRAZIA MARIA SANTORO (Presidente)

ELISA PELOSIN

ANNAMARIA BAGNASCO

CATERINA ANSUINI

MARIA LAURA INGLESE

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali 

INIZIO LEZIONI

Si rinvia alla voce Orario delle lezioni

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

TEORIE LOGOPEDICHE

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

Lo studente dovrà dimostrare di conoscere le implicazioni relative agli apporti forniti dalle Neuroscienze alle teorie sullo sviluppo del linguaggio, conoscere e differenziare le diverse sottocomponenti linguistiche, conoscere i modelli di organizzazione del sistema semantico-lessicale, del sistema a due vie di lettura ed all’organizzazione del sistema dei numeri e del calcolo.

ALTRE INFORMAZIONI

1) L’esame non può essere sostenuto se non è stata rispettata la relativa propedeuticità.

2) Trattandosi di esami di Corso Integrato, il non superamento di una singola  disciplina prevede la ripetizione dell’intero esame.