BIOLOGIA GENERALE ED ELEMENTI DI BOTANICA E ZOOLOGIA. MOD. II: ZOOLOGIA SISTEMATICA

BIOLOGIA GENERALE ED ELEMENTI DI BOTANICA E ZOOLOGIA. MOD. II: ZOOLOGIA SISTEMATICA

_
iten
Codice
84028
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
5 cfu al 1° anno di 9916 SCIENZE AMBIENTALI E NATURALI (L-32) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/05
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE AMBIENTALI E NATURALI )
periodo
1° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Acquisizione delle conoscenze di base concernenti gli aspetti della biologia animale. Acquisizione dei fondamenti della classificazione zoologica e delle caratteristiche dei principali gruppi di animali.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso si propone di introdurre il concetto di biodiversità e di fornire le conoscenze di base di sistematica animale attraverso lo studio dei moderni criteri di classificazione e dei principali gruppi di organismi

Modalità didattiche

Lezioni frontali ed esercitazioni in laboratorio (studio collezioni, visione preparati microscopici, dissezioni).

PROGRAMMA/CONTENUTO

La struttura gerarchica della classificazione. Le regole della nomenclatura; significato di

"classificazione biologica", di "tassonomia" e di "sistematica". Caratteri tassonomici.

Monofiletismo, polifiletismo, parafiletismo. Metodi di classificazione. Sistematica filogenetica

(cladistica). Metodo della parsimonia Concetti base della sistematica evolutiva tradizionale.

Caratteri che accomunano i protostomi. Caratteri che accomunano i deuterostomi. Animali

diblastici e triblastici. Schema dell'origine del celoma.

I Protozoi: caratteri morfologici e sistematica. Limiti dell’organizzazione di un organismo

unicellulare. I Poriferi e i loro diversi modelli di organizzazione. Gli Eumetazoi. Cnidari: modello

organizzativo del polipo, della medusa, sistematica. Gli Ctenofori e la situazione triblastica. La

comparsa della simmetria bilaterale. Lofotrocozoi ed Ecdisozoi. I vermi acelomati (Acelomorfi,

Catenulidi e Rabditofori), adattamenti alla vita parassitaria ed esempi di cicli vitali. Caratteri

principali dei Rotiferi e partenogenesi. Comparsa del celoma e vantaggi della presenza di una cavità

del corpo: i Nemertini. La metameria e i suoi vantaggi. Anellidi: descrizione dell’organizzazione

del corpo e aspetti del ciclo vitale in Policheti, Oligocheti, Irudinei. Descrizione dell’organizzazione

del corpo nel mollusco ancestrale. Filogenesi dei molluschi. Caratteri principali di Poliplacofori,

Monoplacofori, Gasteropodi, Bivalvi, Scafopodi e Cefalopodi. Nematodi: descrizione

dell’organizzazione del corpo. Il processo di artropodizzazione e la muta. Caratteristiche principali

dei Chelicerati. Organizzazione del corpo nei crostacei e tendenze evolutive. Gli Unirami. Gli

Insetti, morfologia del capo, del corpo e delle appendici. L’ala degli insetti: posizione, morfologia, e

tendenze evolutive. I deuterostomi: Echinodermi: organizzazione e funzioni del sistema acquifero.

Crinoidei, Asteroidei, Ofiuroidei, Echinoidei e Oloturoidei. Il piano organizzativo dei Cordati:

corda dorsale, tubo neurale e faringe branchiale. Caratteri degli Urocordati; filtrazione interna e

metamorfosi nelle ascidie; esempi di organizzazione coloniale; Larvacei e Taliacei. Caratteri degli

Emicefalocordati: organizzazione dell’anfiosso. Differenze nella bocca tra Agnati e Gnatostomi.

Morfologia interna ed esterna degli Agnati viventi. I Condritti e gli Osteitti. Morfologia interna ed

esterna degli Anfibi e sviluppo larvale. I Rettili. Adattamenti alla vita terrestre e annessi embrionali

dell’uovo degli amnioti. Gli Uccelli. Adattamenti al volo. I Mammiferi, caratteristiche di prototeri,

metateri ed euteri.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Hickman et al., Zoologia, McGraw Hill Education

Per approfondimenti si possono consultare:

Brusca R.C., Brusca G.J, Invertebrati, Zanichelli

F. Harvey Pough, C.M. Janis, J.B. Heiser, Zoologia dei Vertebrati, Zanichelli

Tutte le immagini mostrate durante lezioni ed esercitazioni, divise per argomento e corredate da un breve testo, sono scaricabili da Aula WEB.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Concordato direttamente con il docente.

Ricevimento: Concordato direttamente con il docente.

Commissione d'esame

LAURA CORNARA (Presidente)

GIORGIO BAVESTRELLO (Presidente)

GIUSEPPINA ALBINA BARBERIS (Presidente)

MARCO BERTOLINO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali ed esercitazioni in laboratorio (studio collezioni, visione preparati microscopici, dissezioni).

INIZIO LEZIONI

A partire dal 25 settembre 2017

ESAMI

Modalità d'esame

Scritto, Orale

Modalità di accertamento

Due verifiche scritte (sulla prima e seconda parte del programma) che assieme a quelle previste per gli altri moduli concorrono al voto assegnato dopo l’esame orale finale (su un argomento a scelta dello studente

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
02/09/2019 09:30 GENOVA Orale
02/09/2019 09:30 GENOVA Orale
16/09/2019 09:30 GENOVA Orale
16/09/2019 09:30 GENOVA Orale

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza alle lezioni ed alle esercitazioni è vivamente raccomandata.