ANATOMIA COMPARATA

ANATOMIA COMPARATA

_
iten
Codice
84441
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
5 cfu al 3° anno di 9916 SCIENZE AMBIENTALI E NATURALI (L-32) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
BIO/06
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE AMBIENTALI E NATURALI )
periodo
2° Semestre
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L’insegnamento di Anatomia comparata fornisce conoscenze teoriche e pratiche riguardanti principi di embriologia, anatomia, funzione ed evoluzione di sistemi ed apparati nei Vertebrati.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso di Anatomia Comparata (5CFU) intende fornire agli studenti una preparazione di base utile per poter effettuare una ‘comparazione’ fra le strutture anatomiche dei diversi gruppi di vertebrati. Particolare attenzione sarà rivolta all’individuazione e all’analisi delle cause della forma, dell’organizzazione strutturale e degli adattamenti evolutivi nei diversi organi ed apparati.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento si propone di formare lo studente al linguaggio dell’anatomia, ai metodi dell’analisi morfo-funzionale e alla storia evolutiva dei sistemi dei Vertebrati. Man mano che si procederà nello studio di un organo o di un sistema si analizzeranno sia la struttura dell’organo adulto, sia il suo processo di sviluppo al fine di fornire un metodo morfologico di ricostruzione dei rapporti evolutivi tra i vari gruppi di vertebrati.

PREREQUISITI

Nessuno

Modalità didattiche

Lezioni frontali con l’ausilio di proiezioni Power Point.

Esercitazioni in laboratorio: osservazione al microscopio di preparati istologici, di pezzi scheletrici e di modelli. Le proiezioni utilizzate per i laboratori saranno rese disponibili agli studenti su Aulaweb.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Definizione della disciplina, metodo e oggetto di studio. Forma, funzione, evoluzione. Piano strutturale dei Vertebrati. Piani e assi del corpo. La similarità biologica: omologia e analogia. Adattamento. Convergenza. Introduzione all’approccio comparativo. Embriologia comparata dei vertebrati; le tappe dello sviluppo embrionale; i derivati dei foglietti embrionali. Apparato tegumentario: epidermide, derma, cromatofori, annessi cutanei, termoregolazione. Sistema scheletrico assile, appendicolare e del cranio. Apparato respiratorio: branchie, polmoni, vescica natatoria nei pesci. Apparato circolatorio: circolazione arteriosa e venosa. Studio di modelli di cuore in Vertebrati. Studio di modelli di cuore in Vertebrati. Apparato escretore: componenti dell’apparto escretore. Struttura ed evoluzione del nefrone.  Prorene, mesorene, metarene e dotti escretori. Apparato riproduttore: modalità di riproduzione, sviluppo delle gonadi, organizzazione del testicolo e dell’ovario, spermatogenesi ed ovogenesi. Asse ipotalamico-ipofisario. Ghiandole endocrine: ipofisi, pancreas endocrino, epifisi, tiroide, paratiroidi, surrene. Controllo endocrino della riproduzione. Sistema nervoso: funzione ed evoluzione del neurone e dei circuiti nervosi. Midollo spinali e nervi spinali. Evoluzione dell’encefalo. Cervelletto. Mesencefalo ed evoluzione delle vie ottiche. Diencefalo. Evoluzione del telencefalo. Organizzazione del sistema periferico. Organi di senso. Morfogenesi di tutti gli organi, apparati e sistemi affrontati durante il corso.

Argomenti delle esercitazioni in laboratorio: Vertebre e colonne, Arti e cinti, Crani, Cute (identificazione del preparato microscopico, descrizione delle sue componenti e diagnosi), Branchie e polmoni (identificazione del preparato microscopico, descrizione delle sue componenti e diagnosi), Ovario sacciforme e parenchimatoso (identificazione del preparato microscopico, descrizione delle sue componenti e diagnosi), Testicolo a lobuli, ampolle e tubuli (identificazione del preparato microscopico, descrizione delle sue componenti e diagnosi), Modelli di cuore dei Vertebrati.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

-  Stingo V - Anatomia Comparata - EDI-ERMES

-  Giavini – Menegola – Manuale di Anatomia Comparata. EDISES

- Scott F. Gilbert Biologia dello sviluppo - ZANICHELLI

A disposizione (scaricabili da Aula WEB) copia delle diapositive utilizzate  durante i laboratori.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento degli studenti sarà concordato direttamente con il docente. ​

Commissione d'esame

ALBERTA MANDICH (Presidente)

SARA FERRANDO

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali con l’ausilio di proiezioni Power Point.

Esercitazioni in laboratorio: osservazione al microscopio di preparati istologici, di pezzi scheletrici e di modelli. Le proiezioni utilizzate per i laboratori saranno rese disponibili agli studenti su Aulaweb.

INIZIO LEZIONI

II semestre

ESAMI

Modalità d'esame

Test a risposta multipla alla fine di ogni laboratorio e prova orale finale. Per l’attribuzione del voto finale verrà considerata anche la votazione media ottenuta nei test a risposta multipla somministrati alla fine di ogni laboratorio.

Modalità di accertamento

Test a risposta multipla somministrati alla fine delle 8 esercitazioni tematiche in laboratorio per la valutazione della capacità di acquisizione delle conoscenze di base. Il test con 20 domande viene considerato valido se con almeno 12 risposte corrette su 20. In caso contrario la prova è considerata negativa e deve essere ripetuta al momento dell’esame orale.

La prova orale è finalizzata a valutare la conoscenza della materia, la capacità di collegamenti tra i vari argomenti e la padronanza degli aspetti comparativi.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
05/09/2019 09:00 GENOVA Orale
19/09/2019 09:00 GENOVA Orale

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza costante e regolare alle lezioni e alle correlate esercitazioni di laboratorio è fortemente raccomandata.