SISMOLOGIA APPLICATA E MICROZONAZIONE

SISMOLOGIA APPLICATA E MICROZONAZIONE

_
iten
Codice
61922
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 1° anno di 9022 SCIENZE GEOLOGICHE (LM-74) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
GEO/10
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE GEOLOGICHE )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

La sismologia applicata e la microzonazione sismica rappresentano un aspetto estremamente importante nelle Scienze Geologiche Applicate. Lo studio dei terremoti (sorgente e propagazione delle onde sismiche) riveste un ruolo fondamentale sia all'interno di ambiti scientifici sia in tutte quelle analisi finalizzate alla corretta valutazione del rischio sia nell'ambito dell'esplorazione del sottosuolo.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

ll corso ha come obiettivo l’acquisizione delle conoscenze necessarie per lo studio approfondito dei terremoti, per  il monitoraggio della attività sismica e per la valutazione della pericolosità sismica a scala regionale e locale.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

i principali obbiettivi formativi del corso in esame possono essere riassunti nei seguenti punti:

  • studio della propagazione delle onde sismiche e delle principali tecniche di esplorazione del sottosuolo
  • studio della sorgente sismica
  • la localizzazione dei terremoti e la stima della magnitudo
  • studi di pericolosità sismica
  • tecniche di analisi nell'ambito della microzonazione sismica

Il corso ha l'obbiettivo di formare sismologi in grado di affrontare sia gli aspetti teorici legati allo studio dei terremoti sia gli aspetti applicativi e professionali utili per affrontare le problematiche connesse con la valutazione e la mitigazione del rischio sismico.

Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà conoscere i principali aspetti teorici legati alla sismologia, saper descrivere a livello teorico i principali fenomeni che interessano lo studio dei terremoti e conoscere i metodi e gli strumenti di misura più opportuni da impiegare nelle analisi pratiche finalizzate alla valutazione della pericolosità sismica

Modalità didattiche

Lezioni frontali corredate da alcune esercitazioni in aula e in laboratorio ove verranno impiegati strumenti e software per l'acquisizione e l'elaborazione di dati sismici

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

Deformazione e Sforzo (teoria della deformazione infinitesimale e meccanica dei continui - deformazione o strain – caratteristiche del tensore deformazione - forze di superficie e di volume – sforzo o stress – caratteristiche del tensore degli sforzi – equazione di equilibrio

Elasticità (Leggi costitutive e comportamento reologico dei materiali – comportamento fragile e duttile – legge di Hooke e relazione stress/strain – caratteristiche del tensore delle costanti elastiche – approssimazioni e costanti di Lamè – relazione stress/strain semplificata – definizione delle costanti elastiche principali

Moto (Equazione del moto – caso materiale infinito, isotropo, elastico e omogeneo – caso non omogeneo – onde P ed S – caso monodimensionale - caso 3D – polarizzazione delle onde P ed S – sismogramma)

Propagazione (Definizione di raggio sismico e fronte d’onda - teoria del raggio – percorso di un raggio sismico e tempo di tragitto - equazione iconale equazioni del raggio sismico e della travel time – principio di Fermat – legge di Snell – dromocrone e parametro del raggio – caso doppio strato – caratteristiche principali delle dromocrone in caso di modello a multistrati e a gradiente di velocità –raggi in un modello a simmetria sferica –riflessione e rifrazione di onde sismiche piane)

Anaelasticità (spreading geometrico di onde di volume, definizione di scattering e multipathing – attenuazione anaelastica – fattore Q)

Onde di superficie (Onde di Rayleigh e onde di Love – dispersione – modi di vibrazione – velocità di fase e di gruppo)

Localizzazione e Magnitudo (definizione di localizzazione di un terremoto – metodi di localizzazione - definizione di Intensità macrosismica – magnitudo locale – magnitudo Md, Ms e mb – saturazione strumentale e intrinseca - spettro sorgente – momento sismico e magnitudo momento)

Sorgente sismica (Funzione di Green e teorema della rappresentazione – modello cinematico – momento sismico – relazione fra forze equivalenti, momento sismico e vettore di slip - tensore densità di momento e tensore momento – sorgente puntuale e momento – cenni su metodi di inversione momento – funzioni di Green empiriche – radiation pattern – meccanismo focale e tipologie di meccanismi - direttività)

Pericolosità e Microzonazione Sismica (pericolosità sismica e rischio, approccio deterministico e probabilistico – leggi di attenuazione - effetti locali - frane sismoindotte, liquefazione, densificazione e cedimenti – effetti di amplificazione sismica locale – effetti litostratigrafici e topografici – definizione della risposta sismica locale – metodi principali di indagine - criteri per la definizione di mappe di microzonazione sismica di livello I, II e III – normativa)

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Appunti distribuiti durante il corso
“Modern Global Seismology” di Thorne Lay e Terry C. Wallace (Ed: Academic Press)

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Concordato direttamente con il docente.

Commissione d'esame

GABRIELE FERRETTI (Presidente)

MASSIMO VERDOYA

DANIELE SPALLAROSSA

SIMONE BARANI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali corredate da alcune esercitazioni in aula e in laboratorio ove verranno impiegati strumenti e software per l'acquisizione e l'elaborazione di dati sismici

 

INIZIO LEZIONI

Per inizio lezioni ed orari consultare il seguente link:

http://www.distav.unige.it/ccsgeo/orario-lezioni

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

SISMOLOGIA APPLICATA E MICROZONAZIONE

ESAMI

Modalità d'esame

Esame orale (domande aperte)

Modalità di accertamento

L’esame orale permetterà di verificare il livello di conoscenza degli argomenti trattati durante il corso attraverso domande aperte. La valutazione verrà effettuata sulla base delle conoscenze maturate, della qualità dell’esposizione,dell’utilizzo corretto del lessico specialisticoe della la capacità di ragionamento critico

ALTRE INFORMAZIONI

Frequenza facoltativa