METODI DI INDAGINE DI MINERALI E ROCCE

METODI DI INDAGINE DI MINERALI E ROCCE

_
iten
Codice
84611
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 1° anno di 9022 SCIENZE GEOLOGICHE (LM-74) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
GEO/09
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE GEOLOGICHE )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

I Metodi di Indagine di Minerali e Rocce forniscono le conoscenze teoriche e pratiche necessarie per la formazione di figure professionali nell’ambito delle Scienze Geologiche, sia nella ricerca sia in campo applicativo. La conoscenza delle tecniche di base ed avanzate per lo studio mineralogico e petrografico di rocce, sedimenti e materiali artificiali consente un corretto approccio metodologico per il campionamento, lo studio dei campioni, la produzione e l'elaborazione dei dati analitici.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso intende fornire allo studente le conoscenze necessarie per l’utilizzo delle principali tecniche analitiche per la caratterizzazione di rocce e minerali e per l’interpretazione e la restituzione dei dati analitici strumentali. Il programma è volto a fornire conoscenze e competenze fruibili sia nell'ambito della ricerca di base che in ambito professionale, anche in considerazione delle norme e leggi vigenti. Le diverse tecniche presentate verranno discusse evidenziando le potenzialità e i limiti di applicazione. Verranno trattati i seguenti aspetti: 1) Strategie di campionamento di rocce coerenti, sedimenti incoerenti e volumi mineralizzati per la realizzazione di indagini mineralogiche e petrografiche. 2) Metodi di indagine di base ed avanzati per la caratterizzazione di rocce e minerali. 3) Strategie analitiche per lo sviluppo di indagini in campo ambientale, applicativo e di ricerca. Indagini e criteri analitici per la certificazione a norma di legge dei materiali naturali. 4) Raccolta, elaborazione e restituzione dei dati. 5) Esempi specifici ed esercitazioni pratiche in laboratorio e sul terreno.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

La frequenza e la partecipazione alle attività formative previste (lezioni frontali, esercitazioni in laboratorio e sul terreno) consentiranno allo studente di acquisire le conoscenze generali dei Metodi di Indagine di Minerali e Rocce necessarie per affrontare studi nel campo della professione geologo e ricerche scientifiche negli ambiti delle Scienze della Terra.

Nello specifico lo studente sarà in grado di:

  • conoscere e descrivere le principali tecniche analitiche mineralogico-petrografiche;
  •  selezionare i corretti metodi di studio per risolvere problemi specifici;
  • interpretare i risultati analitici e rappresentarli in termini qualitativi e quantitativi;
  • applicare le conoscenze e le competenze teoriche e pratiche acquisite a campioni di rocce e sedimenti;
  • valutare criticamente i dati raccolti durante le attività di rilevamento, campionamento e analisi di laboratorio per sviluppare uno studio di tipo scientifico o professionale;
  • produrre relazioni scientifiche e/o professionali.

PREREQUISITI

Per affrontare efficacemente i contenuti dell’insegnamento sono necessarie le seguenti conoscenze di base della mineralogia e della petrografia: 1) sistematica e proprietà chimico-fisiche dei minerali, 2) sistematica, struttura e composizione di rocce e sedimenti.

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali e di esercitazioni teorico-pratiche sul terreno e in laboratorio. Essendo previsti test di apprendimento, attività per l’applicazione delle conoscenze acquisite, attività pratiche e metodologiche, la frequenza a lezioni ed esercitazioni di  laboratorio è fortemente consigliata.

Le lezioni frontali in aula sono erogate mediante presentazioni multimediali.

Le esercitazioni di laboratorio sono mirate all’applicazione pratica delle conoscenze teoriche acquisite durante le lezioni frontali. In particolare saranno sviluppati:

  • esercitazioni sul terreno per la definizione di strategie di campionamento e raccolta campioni di rocce e sedimenti incoerenti;
  • esercitazioni a gruppi per la preparazioni dei campioni per le fasi analitiche minerologiche, petrografiche e per la determinazione della composizione chimica. Saranno utilizzati campioni prelevati dagli studenti durante le esercitazioni di terreno;
  • esercitazioni con posto individuale al microscopio ottico in luce polarizzata trasmessa per la determinazione qualitativa e quantitativa della composizione mineralogica e delle caratteristiche petrografiche;
  • esercitazioni collettive al microscopio elettronico a scansione per la determinazione della composizione chimica dei minerali e delle caratteristiche microtessiturali e microstrutturali dei campioni
  • esercitazioni in aula per l'elaborazione e la restituzione dei dati raccolti.

Le esercitazioni di laboratorio si svolgono in aule attrezzate con microscopi e illuminazione specifica e nel laboratorio di microscopia elettronica del DISTAV.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del corso prevede la presentazione e la discussione dei seguenti argomenti

  • Strategie di campionamento di rocce coerenti, sedimenti incoerenti e volumi mineralizzati per la realizzazione di indagini mineralogiche e petrografiche.
  • Tecniche analitiche di base ed avanzate per la caratterizzazione di minerali e rocce
  • Strategie analitiche per lo sviluppo di indagini in campo ambientale, applicativo e di ricerca.
  • Indagini e criteri analitici per la certificazione a norma di legge dei materiali naturali.
  • Raccolta, elaborazione e restituzione dei dati.
  • Esempi specifici e casi di studio

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutte le slides utilizzate durante le lezioni, i report analitici prodotti durante le esercitazionii e altro materiale didattico saranno disponibili su AulaWeb al termine di ogni ciclo di lezioni/esercitazioni di laboratorio. 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento degli studenti sara concordato direttamente con il docente

Ricevimento: Il ricevimento degli studenti sarà concordato direttamente con il docente.

Commissione d'esame

MARCO SCAMBELLURI (Presidente)

PIETRO MARESCOTTI (Presidente)

ROBERTO CABELLA

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni frontali e di esercitazioni teorico-pratiche sul terreno e in laboratorio. Essendo previsti test di apprendimento, attività per l’applicazione delle conoscenze acquisite, attività pratiche e metodologiche, la frequenza a lezioni ed esercitazioni di  laboratorio è fortemente consigliata.

Le lezioni frontali in aula sono erogate mediante presentazioni multimediali.

Le esercitazioni di laboratorio sono mirate all’applicazione pratica delle conoscenze teoriche acquisite durante le lezioni frontali. In particolare saranno sviluppati:

  • esercitazioni sul terreno per la definizione di strategie di campionamento e raccolta campioni di rocce e sedimenti incoerenti;
  • esercitazioni a gruppi per la preparazioni dei campioni per le fasi analitiche minerologiche, petrografiche e per la determinazione della composizione chimica. Saranno utilizzati campioni prelevati dagli studenti durante le esercitazioni di terreno;
  • esercitazioni con posto individuale al microscopio ottico in luce polarizzata trasmessa per la determinazione qualitativa e quantitativa della composizione mineralogica e delle caratteristiche petrografiche;
  • esercitazioni collettive al microscopio elettronico a scansione per la determinazione della composizione chimica dei minerali e delle caratteristiche microtessiturali e microstrutturali dei campioni
  • esercitazioni in aula per l'elaborazione e la restituzione dei dati raccolti.

Le esercitazioni di laboratorio si svolgono in aule attrezzate con microscopi e illuminazione specifica e nel laboratorio di microscopia elettronica del DISTAV.

INIZIO LEZIONI

Le lezioni inizieranno a partire dalla prima settimana di Marzo 2019. Per inizio lezioni e orario consultare il seguente link

http://www.distav.unige.it/ccsgeo/orario-lezioni

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame consiste in una parte parte scritta e una orale.

L'esame scritto comporta la redazione di una relazione su argomento a scelta tra quelli  sviluppati durante le esercitazioni di laboratorio e sul terreno. La relazione deve comprendere 1) inquadramento geologico e geografico; 2) stato dell'arte con riferimenti bibliografici; 3) metodi di indagine utilizzati; 4) descrizione e restituzione dei dati analitici; 5) commenti conclusivi adeguati ad una relazione scientifica o professionale.. L'esame scritto è superato se lo studente ha ottenuto un voto maggiore o uguale a 18.

L'esame orale consiste nell'esposizione di un argomento a scelta dello studente e nella risposta a domande poste dal docente su argomenti trattati durante l'insegnamento.

Il voto finale è dato dalla media aritmetica tra il voto della prova scritta e della prova orale. La prova orale può essere sostenuta sia nello stesso appello della prova scritta sia negli appelli successivi pubblicati sul sito di UNIGE. Saranno disponibili 3 appelli nella sessione invernale (gennaio-febbraio) e 3 appelli nella sessione estiva (giugno, luglio, settembre).

Modalità di accertamento

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento richiesto per ogni argomento saranno forniti nel corso delle lezioni.

L’esame scritto verificherà l’effettiva acquisizione delle conoscenze dei metodi di indagine e dell'applicazione delle tecniche diagnostiche per lo studio e la determinazione della composizione di minerali e rocce. Lo studente dovrà essere in grado di collegare e integrare le conoscenze apprese nel corso delle attività laboratoriali con quelle fornite durante le lezioni frontali applicandole a casi di studio specifici sviluppati durante le esercitazioni sul terreno e in laboratorio

L’esame orale verterà principalmente sugli argomenti trattati durante le lezioni frontali e avrà lo scopo di valutare non soltanto se lo studente ha raggiunto un livello adeguato di conoscenze, ma anche se ha acquisito la capacità di richiamare le nozioni teoriche applicandole a semplici contesti concreti. Sarà anche valutata la capacità di esporre gli argomenti in modo chiaro e con una terminologia corretta.

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza costante e regolare alle lezioni e alle correlate esercitazioni di laboratorio è fortemente raccomandata.