IGIENE AMBIENTALE, TUTELA DELLA SALUTE

IGIENE AMBIENTALE, TUTELA DELLA SALUTE

_
iten
Codice
80802
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
3 cfu al 2° anno di 8756 BIOTECNOLOGIE (L-2) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
MED/42
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (BIOTECNOLOGIE )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L'Igiene è la scienza della prevenzione: essa mira a tutelare, proteggere e promuovere la salute (intesa come stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non solo assenza di malattie), rimuovendo cause e fattori di rischio delle malattie e potenziando i fattori protettivi, con azioni sul singolo individuo e sulla popolazione nell'ambiente (insieme dei fattori fisici, chimici, biologici e sociali che hanno un effetto sulla salute e sul benessere dell'individuo e della comunità).

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire le conoscenze essenziali relative a: - concetto di salute, tutela e promozione della salute, educazione sanitaria; - identificazione e controllo delle cause di malattia e dei fattori di rischio nell'ambiente; - epidemiologia e prevenzione delle principali patologie infettive e cronico-degenerative.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso si propone di fornire le conoscenze di base che il biotecnologo deve possedere, relativamente a:

- concetto di salute e sua evoluzione

- tutela e promozione della salute mediante differenti strategie di prevenzione ed educazione sanitaria

- identificazione, controllo e rimozione delle principali cause di malattia o fattori di rischio presenti nelle differenti matrici ambientali, nei luoghi di lavoro o nello stile di vita

- epidemiologia delle principali malattie trasmissibili (batteriche, virali, etc.) e relative strategie di prevenzione

- epidemiologia delle principali patologie cronico-degenerative (malattie cardiovascolari, malattie neoplastiche, malattie neurodegenerative, diabete, etc.) e relative strategie di prevenzione

Modalità didattiche

Lezioni frontali con proiezione di materiale didattico (presentazioni PowerPoint, video, etc.)

PROGRAMMA/CONTENUTO

  1. Concetti introduttivi e inquadramento della disciplina. Epidemiologia generale e prevenzione delle malattie.
  2. Inquinamento atmosferico. Rischi per la salute, patologie correlate e strategie preventive.
  3. Inquinamento degli ambienti confinati. Rischi per la salute, patologie correlate e strategie preventive.
  4. Luce solare e artificiale. Rischi per la salute. Illuminazione negli ambienti di lavoro.
  5. Radiazioni ionizzanti e non ionizzanti. Rischi per la salute, patologie correlate e strategie preventive.
  6. Rumore. Rischi per la salute e patologie correlate.
  7. L'acqua e i problemi connessi (inquinamento e rischi per la salute; potabilizzazione).
  8. Rifiuti solidi e liquidi. Smaltimento. Rischi per la salute.
  9. Epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive.
  10. Epidemiologia e prevenzione delle malattie cardiovascolari.
  11. Epidemiologia e prevenzione delle malattie neoplastiche.
  12. Alimentazione e rischi per la salute.
  13. Rischio in ambito professionale.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dispense e materiale didattico delle lezioni

 

Per approfondimenti:

Buffoli, Capolongo, Odone, Signorelli - Salute e ambiente - EdiSES (2017)

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Tutti i giorni, previo appuntamento telefonico o per e-mail

Commissione d'esame

FRANCESCO D'AGOSTINI (Presidente)

ROSAGEMMA CILIBERTI (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali con proiezione di materiale didattico (presentazioni PowerPoint, video, etc.)

INIZIO LEZIONI

Marzo 2018

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

IGIENE AMBIENTALE, TUTELA DELLA SALUTE

ESAMI

Modalità d'esame

Orale

Modalità di accertamento

L'esame orale consiste nella discussione di almeno due argomenti trattati a lezione e mira a verificare che lo studente non solo abbia acquisito le nozioni teoriche ma sia in grado di individuare collegamenti ed esprimere concetti autonomi