PROGETTAZIONE TECNOLOGICA DEL VERDE IN ARCHITETTURA

PROGETTAZIONE TECNOLOGICA DEL VERDE IN ARCHITETTURA

_
iten
Codice
84631
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 1° anno di 8694 SCIENZE DELL'ARCHITETTURA (L-17) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ICAR/12
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE DELL'ARCHITETTURA )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Considerando l’importanza di tecnologia e sostenibilità ambientale per la progettazione degli spazi aperti e del verde in architettura, il corso mira ad un approfondimento circa il rapporto fra tecnologia e progetto, attraverso lo studio di sistemi per l’integrazione della vegetazione in architettura e l’impiego degli elementi naturali per il controllo delle condizioni ambientali, ecologiche e micro-climatiche degli spazi aperti e degli edifici.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il modulo mira ad un approfondimento circa l’impiego degli elementi naturali per il controllo delle condizioni ambientali, ecologiche e micro-climatiche degli spazi aperti e degli edifici. Principali argomenti: impiego della vegetazione per il controllo della radiazione solare, della velocità e direzione del vento, dell’umidità relativa e delle condizioni microclimatiche di un sito, dell’inquinamento atmosferico e acustico; coperture e facciate verdi; acqua come risorsa ed elemento progettuale per il controllo climatico naturale; infrastrutture verdi per la riduzione degli squilibri ecologici ed ambientali in ambito urbano e strategie di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’obiettivo è fornire gli strumenti per affrontare un progetto di architettura (del paesaggio) consapevole dal punto di vista tecnologico e ambientale (limitatezza delle risorse, inquinamento, etc.).

Il modulo Progettazione tecnologica del verde in architettura mira ad un approfondimento circa il rapporto fra tecnologia e progetto, attraverso lo studio di sistemi per l’integrazione della vegetazione in architettura, la progettazione di piccole strutture e l’impiego degli elementi naturali per il controllo delle condizioni ambientali, ecologiche e micro-climatiche degli spazi aperti e degli edifici. L’obiettivo è fornire gli strumenti per affrontare un progetto di architettura (del paesaggio) consapevole dal punto di vista tecnologico e ambientale (limitatezza delle risorse, inquinamento, etc.).

 

Modalità didattiche

Il corso prevede lezioni frontali svolte anche con l’intervento di esperti. Lo svolgimento di piccole esercitazioni e la visita a progetti di interesse nel corso dell’anno consente l’approfondimento dei principali argomenti trattati.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Principali argomenti del modulo Progettazione tecnologica del verde in architettura: il verde in architettura, aspetti percettivi ed estetici; tecnologia e progetto, esigenze, requisiti e prestazioni; spazi verdi al suolo e infrastrutture verdi per il controllo delle condizioni microclimatiche e la riduzione degli squilibri ecologici in ambito urbano; un approccio prestazionale per la scelta delle specie vegetali; coperture e facciate verdi, tipologie, casi studio, aspetti strutturali e di sostenibilità ambientale ed economica; analisi di piccole strutture in acciaio, legno, bambù e vetro per il controllo delle condizioni microclimatiche di un sito; rapporto fra progettazione, energia e ambiente in architettura.

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

K.Perini (2013). Progettare il verde in città. Franco Angeli, Milano

Alla fine del corso verranno messe a disposizione dispense e slide. Per ciascun argomento affrontato verrà fornita a lezione una specifica bibliografia.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Su appuntamento  e-mail: kperini@arch.unige.it tel.: 0102095861

Commissione d'esame

KATIA PERINI (Presidente)

FAUSTO NOVI

ADRIANO MAGLIOCCO

ANDREA GIACHETTA

LEZIONI

Modalità didattiche

Il corso prevede lezioni frontali svolte anche con l’intervento di esperti. Lo svolgimento di piccole esercitazioni e la visita a progetti di interesse nel corso dell’anno consente l’approfondimento dei principali argomenti trattati.

INIZIO LEZIONI

17-10-2016

ESAMI

Modalità d'esame

L'esame finale concerne la verifica circa la preparazione degli allievi, in termini teorico-metodologici e applicativi, su quanto trattato durante le comunicazioni e sul programma del corso. Comprende anche una discussione sulle esercitazioni svolte.