BIOLOGIA MARINA

BIOLOGIA MARINA

_
iten
Codice
80670
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
4 cfu al 3° anno di 8762 SCIENZE BIOLOGICHE (L-13) GENOVA
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (SCIENZE BIOLOGICHE )
periodo
1° Semestre
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso vuole dare un contributo alla conoscenza di base delle principali problematiche che interessano la ricerca biologica in mare. 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

La Biologia Marina descrive le relazioni tra l'ambiente mare e gli organismi che lo popolano. Il corso sintetico tratta gli strumenti e metodi di campionamento e di studio, indirizzati rispettivamente a plancton, necton e benthos, esamina i principali fattori ambientali, abiotici e biotici, gli adattamenti specifici sviluppati dagli organismi (esempio: luce in mare, visione, colorazioni, produzione di luce biologica e suoi usi), descrive le comunità di organismi marini, con particolare riferimento agli ambienti mediterranei.

Modalità didattiche

lezioni frontali

PROGRAMMA/CONTENUTO

Introduzione

Storia della esplorazione del mare

Fisica e chimica delle acque

Specie ed adattamenti

Evoluzione degli organismi marini

Strategie trofiche, difensive e riproduttive

Biocostruttori e biodemolitori

Life hystories

Benthos, Plancton, Necton

Pesca e aquacoltura

Biogeografia marina

Protezione ambiente marino

TESTI/BIBLIOGRAFIA

R. Danovaro (2013), Biologia marina. Biodiversità e funzionamento degli ecosistemi marini. Ed. CittàStudi. 1-451.

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

RICCARDO CATTANEO VIETTI (Presidente)

PAOLO POVERO

MARIACHIARA CHIANTORE

GIORGIO BAVESTRELLO

LEZIONI

Modalità didattiche

lezioni frontali

INIZIO LEZIONI

Primo semestre 2018, si prega di consultare il seguente link http://www.distav.unige.it/ccsbio/orario-lezioni-triennale

ESAMI

Modalità d'esame

Esame Orale

Modalità di accertamento

L’esame è orale e verte sulla capacità dello studente di dimostrare le sue conoscenze di base e la capacità di effettuare collegamenti logici tra diversi aspetti delle varie problematiche 

ALTRE INFORMAZIONI

Frequenza consigliata ma non obbligatoria