PERCORSI DI LETTURA DELL'OPERA D'ARTE

PERCORSI DI LETTURA DELL'OPERA D'ARTE

_
iten
Codice
94680
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 1° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-ART/02
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

I ‘percorsi di lettura’ affrontati durante le lezioni riguarderanno la percezione dell’opera d’arte dal Rinascimento al Novecento, indagata, sul piano del linguaggio, del gusto e dei metodi di approccio, attraverso la produzione di letteratura artistica e il progressivo fenomeno delle esposizioni.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento, attraverso un breve inquadramento teorico e la presentazione di casi esemplificativi, offre informazioni generali sui principali metodi della ricerca storico-artistica nel corso dei secoli. Il ‘percorso’ privilegiato sarà quello della percezione del linguaggio figurativo, procedendo dalle modalità di lettura dell’opera nella storiografia di età rinascimentale e barocca e giungendo alle applicazioni sui versanti della connoisseurship e dell’analisi stilistica entro le tendenze formalistiche e filologiche maturate nel contesto della critica europea di primo Novecento. In particolare si affronteranno le diverse modalità di lettura ai fini della pratica del riconoscimento di autori, scuole e ambiti culturali, dall’impiego del taccuino al mezzo fotografico. Si approfondirà, infine, il fenomeno delle esposizioni e delle mostre storiche sia come strumento per la definizione di nodi critici e di apporti conoscitivi sia in rapporto all’evolversi del gusto, tra Otto e Novecento, con particolare riguardo all’ambito genovese.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento, attraverso un breve inquadramento teorico e la presentazione di casi esemplificativi, offre informazioni generali sui principali metodi della ricerca storico-artistica nel corso dei secoli, tenendo conto che ogni testo di letteratura artistica è frutto di un complesso processo di riflessione e viene filtrato dalle correnti di pensiero dominanti.

Il ‘percorso’ privilegiato sarà quello della percezione del linguaggio figurativo, procedendo dalle modalità di lettura dell’opera nella storiografia di età rinascimentale e barocca e giungendo alle applicazioni sui versanti della connoisseurship e dell’analisi stilistica entro le tendenze formalistiche e filologiche maturate nel contesto della critica europea di primo Novecento. In particolare si affronteranno le diverse modalità di lettura ai fini della pratica del riconoscimento di autori, scuole e ambiti culturali, dall’impiego del taccuino al mezzo fotografico. Si approfondirà, infine, il fenomeno delle esposizioni storiche sia come strumento per la definizione di nodi critici e di apporti conoscitivi sia in rapporto all’evolversi del gusto, tra Otto e Novecento.

Al termine dell’insegnamento lo studente avrà compreso le dinamiche basilari dell’approccio critico all’opera d’arte nel corso dei secoli.

Modalità didattiche

Lezioni frontali con l’ausilio di presentazioni in PowerPoint (o PDF).

La partecipazione alle lezioni è vivamente consigliata.

Si raccomanda inoltre l’iscrizione al corso su aul@web per ricevere informazioni e per scaricare il materiale didattico visionato durante le lezioni.

 

PROGRAMMA/CONTENUTO

L’insegnamento si propone di fornire una panoramica sulla percezione critica dell’opera d’arte antica (medievale e moderna) dall’età Rinascimentale al Novecento. Si affronteranno quindi, attraverso la successione delle periodizzazioni, alcuni ‘percorsi di lettura’ alla ricerca del punto di vista dei contemporanei. Si insisterà sulla nomenclatura artistica, sulla formula dei medaglioni biografici, sulla tipologia della periegetica, sulla letteratura barocca e illuminista, sull’utilizzo dei taccuini da parte dei conoscitori per giungere, tra Otto e Novecento, alla pratica della connoisseurship con i suoi rappresentanti di spicco. Il fenomeno delle mostre del primo Novecento costituirà il ‘percorso’ conclusivo di lettura dell’opera d’arte. La cultura figurativa genovese sarà spesso utilizzata per esemplificare alcune delle tematiche affrontate.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

1) Testi di riferimento

  • La storia delle storie dell’arte, a cura di O. Rossi Pinelli, Torino, Einaudi, 2014. (Le seguenti pagine: pp. 3-19; pp. 20-37; pp. 65-84; pp. 98-126; pp. 131-142; pp. 180-198; pp. 210-215; pp. 244-274; pp. 285-296; pp. 320-381)
  • G.C. Sciolla, Studiare l’arte. Metodo, analisi e interpretazione delle opere e degli artisti, Torino, Utet, 2010

  • F. Haskell, La nascita delle mostre. I dipinti degli antichi maestri e l’origine delle esposizioni d’arte, Milano, Skira, 2008.

2) Approfondimenti

Un testo a scelta tra (per i non frequentanti due testi a scelta tra):

  • B. Agosti, Giorgio Vasari. Luoghi e Tempi delle Vite, Milano, Officina Libraria, 2016.
  • C. Gauna, La Storia Pittorica di Luigi Lanzi. Arti, storia e musei nel Settecento, Roma, Leo S. Olschki, 2003.
  • R. Longhi, Carlo Braccesco, a cura di S. Facchinetti, Parma, Ugo Guanda Editore, 2008.
  • M.J. Friedlander, Il conoscitore d’arte, Torino, Einaudi, 1955.
  • G. Previtali, La fortuna dei Primitivi dal Vasari ai Neoclassici, Torino, Einaudi, 1989.
  • M. Baxandall, Pittura ed esperienze sociali nell’Italia del Quattrocento, Torino, Einaudi, 1978

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Giovedì ore 10.00-12.00 (previa mail al seguente indirizzo: daniele.sanguineti@unige.it) - Via Balbi 4, V piano (DIRAAS - Sezione Arti)  

Commissione d'esame

DANIELE SANGUINETI (Presidente)

LAURA STAGNO

LAURO GIOVANNI MAGNANI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali con l’ausilio di presentazioni in PowerPoint (o PDF).

La partecipazione alle lezioni è vivamente consigliata.

Si raccomanda inoltre l’iscrizione al corso su aul@web per ricevere informazioni e per scaricare il materiale didattico visionato durante le lezioni.

 

INIZIO LEZIONI

- data di inizio insegnamento: mercoledì 27 febbraio
- orari lezioni: mercoledì 9-11 e giovedì 15-17

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame prevede una prova orale sotto forma di colloquio nel corso della quale lo studente dovrà dimostrare di aver compreso almeno tre esemplificazioni (scaturite da relative domande) di momenti salienti nella storia della percezione dei fatti artistici o di testi fondativi di storiografia artistica dal Quattrocento al Novecento.

Quindi lo studente illustrerà, argomentandolo, l’approfondimento costituito dalla scelta di un saggio (se frequentante) o due saggi (se non frequantante) elencati nell’apposita sezione della voce Bibliografia. Quindi gli studenti non frequentanti dovranno preparare la stessa bibliografia prevista per i frequentanti con l’aggiunta di un testo supplementare tra quelli di Approfondimento.

Modalità di accertamento

Il metodo di valutazione dell’accertamento del grado di apprendimento raggiunto tiene conto della seguente scala di valore:

  1. nel caso in cui lo studente, attraverso una padronanza espressiva, dimostrerà di aver profondamente compreso i testi proposti, le periodizzazioni affrontate e le tematiche presentate a lezione attraverso una visione organica, l’esame sarà valutato con voti tra l’ottimo e l’eccellente (da 28 a 30 con lode);
  2. una conoscenza esclusivamente mnemonica (quindi priva di una profonda comprensione), l’analisi superficiale e un linguaggio corretto ma non sempre appropriato porteranno a una valutazione compresa tra buono (25-27) e soddisfacente (23-24);
  3. una conoscenza approssimativa, una comprensione superficiale e modalità espressive non appropriate potranno essere considerate sufficienti (18-22);
  4. lacune formative, linguaggio inappropriato, mancanza di orientamento all’interno dei materiali bibliografici e delle tematiche presentate a lezione saranno valutate negativamente.

ALTRE INFORMAZIONI

ORARI LEZIONI

mercoledì 9-11 (Albergo dei Poveri, aula 19)

giovedì 15-17 (Polo didattico Via delle Fontane, Aula Magna)