METODOLOGIE CHIMICO-FISICHE PER I BENI CULTURALI

METODOLOGIE CHIMICO-FISICHE PER I BENI CULTURALI

_
iten
Codice
53102
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 2° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
CHIM/02
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI )
periodo
1° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Le “Metodologie chimico fisiche per i Beni Culturali” sono caratterizzate da  un approccio sperimentale e strumentale allo studio materiale  del bene artistico archeologico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L'insegnamento di “Metodologie chimico fisiche per i Beni Culturali” si pone come obiettivo di fornire gli strumenti chimico fisici necessari per la caratterizzazione e la diagnostica dei diversi materiali costituenti i Beni archeologici e i Beni artistici allo scopo di una migliore valorizzazione, fruizione e conservazione.

Modalità didattiche

Lezioni frontali con proiezioni PPT ed utilizzo intensivo di aula web

PROGRAMMA/CONTENUTO

Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

Il corso è articolato secondo le linee A-B-C (più la linea D riservata agli studenti frequentanti) come segue:
Linea A- Introduzione su:
1-lettura e comprensione del significato di grafici, diagrammi e tabelle
2- analisi del significato di alcune formule di fisica
3- l'effetto di alcune reazioni chimiche sul degrado dei beni culturali
Linea B- I Materiali:
1 Descrizione chimica e chimico fisica di alcuni materiali di interesse per i Beni Culturali. in particolare verranno considerati: materiali metallici, materiali ceramici, lapidei, malte, materiali pittorici (affreschi, pittura su legno, su tela…)
2- Cause di degrado e principali prodotti di alterazione dei materiali considerati.
3- Metodi di studio e obiettivi.(qui viene presentato un progetto diagnostico conservativo)
Linea C- I Metodi di indagine chimico fisica e loro caratteristiche (non distruttive, non invasive, paradistruttive, microdistruttive...)
a. esame macro e microscopico.
b. microscopia ottica ed elettronica
c. esame fotografico
d. tecniche fotografiche speciali (UV, IR..)
e spettrofotometria per riflessione in luce visibile
f. esame radiografico
g. metodi di diffrattometria dei Raggi X
h. fluorescenza dei Raggi X
i analisi termica e termogravimetrica
Linea D-(riservata agli studenti frequentanti) Elaborazione da parte degli studenti, eventualmente divisi in gruppi, di un progetto diagnostico-conservativo come parte integrante del corso. Il progetto sarà preceduto da due esercitazioni di Laboratorio tra le seguenti esercitazioni possibili:
Esercitazioni : L'esame macro e microscopico;  La ricerca bibliografica sui materiali (ad es. legno, ardesia, bronzi, patine, materiali ceramici, affreschi, ecc.);  Indagine spettrofotometrica per riflessione in luce visibile;  Indagine attraverso diffrattometria X;  Indagine tramite analisi termica e termogravimetrica;  Studi sulla corrosione; o Indagine attraverso la fluorescenza dei Raggi X.
ATTENZIONE! Le Esercitazioni di Laboratorio verranno effettuate presso il DCCI (Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale) - Via Dodecaneso 31-16146 GENOVA

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

- M. MATTEINI, A. MOLES, Scienza e restauro. Metodi di indagine, Firenze, Nardini Editore, 2002. attenzione, questo testo è ormai disponibile solo in biblioteca o come remainder. Può essere complicato procurarselo. In sostituzione, come supporto, al termine del corso è prevista la pubblicazione di un quaderno di appunti
- P.ATKINS - J DE PAOLA Chimica Fisica 2011 Zanichelli Bologna (Esclusivamente per le parti indicate a lezione e su aula web).
- Appunti ad hoc distribuiti in Aula.
- Documentazione varia, Dispense e problemi risolti distribuiti su Aula Web.

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

PIETRO MANFRINETTI (Presidente)

SILVIA VICINI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali con proiezioni PPT ed utilizzo intensivo di aula web

INIZIO LEZIONI

29 settembre 2017

ESAMI

Modalità d'esame

Esame Orale

Modalità di accertamento

. L'esame verte sugli argomenti del programma.Le domande di esame sono codificate secondo un documento pubblicato su aula WEB nella sezione MI PREPARO ALL'ESAME
e sono volte alla verifica del raggiungimento degli obiettivi formativi. (vedi sotto) La durata dell'esame è di almeno 30 minuti.
ATTENZIONE! Gli esami si svolgeranno presso il DCCI - Via Dodecaneso 31-16146 GENOVA. In aula di volta in volta indicata da apposita palina presente all'ingresso del DCCI
 

 

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
26/09/2019 15:00 GENOVA Orale