LETTERATURA LATINA

LETTERATURA LATINA

_
iten
Codice
84424
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
9 cfu al 1° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1)
9 CFU al 2° anno di 8455 FILOSOFIA (L-5)
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-FIL-LET/04
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI )
periodo
2° Semestre
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso si propone di fare acquisire agli studenti una buona conoscenza della storia letteraria e della cultura di Roma antica. Attraverso la lettura diretta dei testi antichi e di una selezione di pagine critiche, si ripercorreranno i grandi temi della letteratura latina, con una particolare attenzione alle tematiche d'interesse per gli iscritti al corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali. 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire metodi e strumenti per l’interpretazione di testi letterari latini; fare individuare i caratteri salienti della letteratura latina attraverso la collocazione degli autori nella trama generale della storia letteraria, i diversi generi letterari, le tradizioni di modelli e di stile; far riconoscere gli apporti di pensiero, di categorie mentali e di linguaggio fornite dalla letteratura latina alla formazione letteratura e della cultura europea.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Lo scopo di questo insegnamento di Letteratura latina è esporre gli studenti a un contatto diretto con due delle principali trattazioni antiche sulla storia dell'arte: i libri 34-35 della Naturalis historia di Plinio il vecchio e il De architectura di Vitruvio. Una parte delle lezioni sarà dedicata alla lettura delle Metamorfosi di Ovidio, con particolare attenzione ai miti destinati a trovare maggior fortuna nell'arte moderna. Le lezioni frontali verteranno sulla lettura di questi testi, mentre sarà a cura dello studente lo studio della storia letteraria latina, così da raggiungere una conoscenza complessiva del panorama letterario di Roma antica.

Al termine del corso lo studente avrà acquisito familiarità con la lingua e la letteratura latina, e avrà ottenuto una conoscenza di prima mano della trattatistica superstite sulla storia dell'arte in lingua latina.
Nello specifico lo studente sarà in grado di:
• leggere, tradurre, e commentare testi in latino di media difficoltà.
• collocare i testi nel rispettivo contesto storico-letterario.
• dedurre dai testi le peculiarità del lessico tecnico della storia dell'arte.
• ragionare criticamente sulle classificazioni proposte dai trattatisti antichi, per valutarne la fortuna e la persistenza nelle trattazioni moderne.

PREREQUISITI

Le lezioni prevedono la lettura e la traduzione dei testi dal latino. Per affrontare efficacemente queste attività, è indispensabile una conoscenza completa della morfologia e della sintassi della lingua latina, oltre a un'approfondita conoscenza della sintassi della lingua italiana. Gli studenti che ritengano di non possedere questi prerequisiti sono invitati a frequentare il lettorato di latino per principianti.

Modalità didattiche

Lezioni frontali, basate sulla lettura, la traduzione e il commento critico dei testi.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il corso, principalmente diretto agli studenti del Corso di Laurea in Conservazione dei Beni Culturali, si concentrerà sulle uniche due opere latine dedicate alla storia dell'arte che ci siano pervenute dall'antichità. Le lezioni verteranno su una selezione di brani tratti dai libri 34-35 della Naturalis Historia di Plinio il Vecchio, e su una selezione di passi dal De architectura di Vitruvio. Inoltre, parte delle lezioni sarà dedicata alla lettura di un'antologia di testi tratti dalle Metamorfosi di Ovidio, soggetto particolarmente fortunato nell'arte moderna. Tutti i testi saranno letti in latino. Sarà a cura dello studente preparare l'intero programma di storia della letteratura latina (una lista dei principali autori sarà fornita all'inizio delle lezioni)

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Programma d'esame per 9 CFU:

1: Storia letteraria di Roma: lo studente dovrà essere preparato sulla letteratura latina, dall'età arcaica al V secolo d.C. La prova d'esame mirerà ad accertare la conoscenza dei profili degli autori, dell'evoluzione di temi e generi letterari, e dei principali testi della storia letteraria di Roma antica.

2: Plinio, Naturalis Historia 34-35: lo studente dovrà tradurre e analizzare una selezione di passi scelti dai libri 34-35 della Naturalis Historia di Plinio il vecchio. La prova d'esame mirerà ad accertare la capacità dello studente di interpretare il testo latino, le competenze linguistiche e grammaticali connesse, nonché la conoscenza complessiva di questa sezione dell'opera. Gli specifici passi saranno indicati nel corso delle lezioni e saranno tratti dal volume: Plinio il Vecchio. Storia delle arti antiche, a cura di S. Ferri, Milano: BUR.

3: Ovidio, Metamorfosi: lo studente dovrà tradurre e analizzare una selezione di passi scelti dalle Metamorfosi di Ovidio. La prova d'esame mirerà ad accertare la capacità dello studente di interpretare il testo latino, le competenze linguistiche e grammaticali connesse, nonché la conoscenza complessiva dei miti di volta in volta affrontati. Gli specifici passi saranno indicati nel corso delle lezioni e saranno tratti dal volume: Ovidio, Le Metamorfosi, a cura di G. Rosati, Milano: BUR.

4: Vitruvio, De architectura 1-7: lo studente dovrà tradurre e analizzare una selezione di passi scelti dai libri 1-7 del De architectura di Vitruvio. La prova d'esame mirerà ad accertare la capacità dello studente di interpretare il testo latino, le competenze linguistiche e grammaticali connesse, nonché la conoscenza complessiva di questa sezione dell'opera. Gli specifici passi saranno indicati nel corso delle lezioni e saranno tratti dal volume: Architettura (dai libri I-VII), a cura di S. Ferri, Milano: BUR.

Programma d'esame per 6 CFU:

Punti 1 (Storia letteraria), 2 (Plinio) e 3 (Ovidio) del programma per 9 CFU sopra riportato.

Programma d'esame per 12 CFU:

Ai punti 1 (Storia letteraria), 2 (Plinio), 3 (Ovidio) e 4 (Vitruvio) del programma per 9 CFU sopra riportato si aggiunga:

5: Cicerone, Pro Archia: lo studente dovrà tradurre e analizzare integralmente l'orazione Pro Archia di Cicerone. La prova d'esame mirerà ad accertare la capacità dello studente di interpretare il testo latino, le competenze linguistiche e grammaticali connesse, nonché la conoscenza complessiva dell'opera. Per la preparazione di questo testo si potrà usare una qualsiasi edizione/traduzione. Si consiglia: Il poeta Archia, a cura di E. Narducci, Milano: BUR, 1992 (e ristampe successive).

DOCENTI E COMMISSIONI

Biagio Santorelli

Martedì e mercoledì, dalle 12:00 alle 13:30, previo appuntamento via e-mail.

Commissione d'esame

GABRIELLA MORETTI

BIAGIO SANTORELLI (Presidente)

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali, basate sulla lettura, la traduzione e il commento critico dei testi.

INIZIO LEZIONI

Martedì 12 febbraio 2019

ESAMI

Modalità d'esame

Esame orale

Modalità di accertamento

La prova finale è orale e consiste nella lettura, traduzione e commento dei testi proposti e nella verifica delle conoscenze di letteratura latina in programma.

 

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
07/06/2019 09:00 GENOVA Orale
25/06/2019 09:00 GENOVA Orale
16/07/2019 09:00 GENOVA Orale
04/09/2019 09:00 GENOVA Orale