La materia di Legislazione dei beni culturali tende a forninre una preparazione giuridica fondamentale idoena a comprendere le tematiche del diritto speciale dei beni culturali oggetto di approfondimento.

  • Obiettivi e contenuti
    • OBIETTIVI FORMATIVI
      L'insegnamento di “Legislazione dei beni culturali” si pone l'obiettivo di fornire agli studenti un quadro complessivo della disciplina dei beni culturali e paesaggistici così come contenuta nel D.Lgs. n.42/2004 e ss.mm.ii. Fornirà altresì i necessari presupposti per inquadrare la disciplina anche in chiave diacronica con aperture comparatistiche ed al diritto internazionale e comunitario.
      OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

      Nel particolare si parte dalle leggi del '39 (Legge Bottai), la 1089 del 1 giugno del 1939 che è la legge sulla tutela dei beni culturali, la 1497 del 29 giugno del 1939, quella sulla tutela dei beni paesistici. Codice Urbani 2004. Le figure pianificatorie con allegato DVD. La difficile problematica del contesto in Italia e Unione Europea, con un breve escursus sui paesi dell'Est Europa.

      PROGRAMMA/CONTENUTO

      Profili storici, nozione e natura giuridica del bene culturale.

      Profili costituzionali.

      Il vincolo indiretto e diretto: la tutela giuridica del contesto.

      La circolazione dei beni culturali in ambito nazionale e internazionale.

      La disciplina dei beni paesaggistici (i beni ambientali e la definizione di paesaggio, evoluzione del concetto di ambiente).

      TESTI/BIBLIOGRAFIA

      COFRANCESCO G., Principi di diritto pubblico, Giuffré, ult. ed.

      COFRANCESCO G., Legislazione dei beni culturali, Ecig.

      COFRANCESCO G.-FRULIO P., La difficile problematica del contesto, Ecig, ult. ed.

      URL Aula web
      LEGISLAZIONE PER I BENI CULTURALI
      https://2018.aulaweb.unige.it/course/view.php?id=2414
  • Come
  • Dove e quando