ALTRI ORDINAMENTI E COMPARAZIONE GIURIDICA

ALTRI ORDINAMENTI E COMPARAZIONE GIURIDICA

_
iten
Codice
64987
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 2° anno di 7996 GIURISPRUDENZA (LMG/01) IMPERIA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/02
LINGUA
Italiano
SEDE
IMPERIA (GIURISPRUDENZA)
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Approfondimento del diritto nell'estremo oriente, del diritto indiano, del diritto islamico e dell'America Latina. Teoria dei flussi giuridici e la sua rilevanza per la comparazione. Rilettura dei fenomeni di comunicazione giuridica nell’esperienza storica e nel tempo presente.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’analisi della situazione giuridica nell’ambito del continente europeo a partire dal rinascimento giuridico dopo l’anno mille. Particolare attenzione verrà dedicata ai modelli francese e  tedesco, alla formazione storica del sistema giuridico inglese e alla sua attuale struttura, offrendo inoltre un quadro degli sviluppi del common law negli Stati Uniti e delle sue principali caratteristiche. Verranno inoltre studiate le tradizioni giuridiche islamica, indiana e africana, che sfuggono alla tradizionale dicotomia common law-civil law. Particolare attenzione verrà dedicata ai modelli giuridici sviluppatisi nell’Asia orientale. Durante il secondo modulo si procederà all’analisi di fonti, soprattutto giurisprudenziali, con riferimento ai singoli ordinamenti studiati durante il corso

Modalità didattiche

 

Il corso si svolgerà attraverso lezioni frontali.

Durante l'anno accademico, la cattedra organizzerà seminari e convegni ai quali gli studenti saranno invitati a partecipare al fine di approfondire alcuni argomenti oggetto d'esame.

Il professore utilizzerà il portale "aulaweb" per annunci relativi a lezioni, seminari e convegni caricando materiali utili tra cui le slide aventi a oggetto le tematiche affrontate a lezione.

PROGRAMMA/CONTENUTO

L’analisi della situazione giuridica nell’ambito del continente europeo a partire dal rinascimento giuridico dopo l’anno mille. Particolare attenzione verrà dedicata ai modelli francese e  tedesco, alla formazione storica del sistema giuridico inglese e alla sua attuale struttura, offrendo inoltre un quadro degli sviluppi del common law negli Stati Uniti e delle sue principali caratteristiche. Verranno inoltre studiate le tradizioni giuridiche islamica, indiana e africana, che sfuggono alla tradizionale dicotomia common law-civil law. Particolare attenzione verrà dedicata ai modelli giuridici sviluppatisi nell’Asia orientale. Durante il secondo modulo si procederà all’analisi di fonti, soprattutto giurisprudenziali, con riferimento ai singoli ordinamenti studiati durante il corso

TESTI/BIBLIOGRAFIA

frequentanti

II modulo

G. Ajani, D. Francavilla, B. Pasa, Diritto Comparato. Lezioni e materiali, Giappichelli, Torino, 2018, Parte Prima (Cap. 1,2,3) e Parte Terza (Cap. 12,13,14,15) 

A. Fusaro, Tendenze del diritto privato in prospettiva comparatistica, II Edizione, Giappichelli, Torino, 2017, i saggi numero 1, 2, 3, 11, 12, 13, 14, 15, 16

Per un totale di circa 300 pagine.

non frequentanti

G. Ajani, D. Francavilla, B. Pasa, Diritto Comparato. Lezioni e materiali, Giappichelli, Torino, 2018, Parte Prima (Cap. 1,2,3) e Parte Terza (Cap. 12,13,14,15) 

A. Fusaro, Tendenze del diritto privato in prospettiva comparatistica, II Edizione, Giappichelli, Torino, 2017, i saggi numero 1, 2, 3, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 29.                                            

Per un totale di 400 pagine circa.

 

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento si svolge nei giorni di lezione e durante le sessioni d'esame solo su appuntamento.

Commissione d'esame

GIORGIA CORSI (Presidente)

ELENA ANNA GRASSO (Presidente)

GIULIA SPELTA (Presidente)

MAURO GRONDONA

GIACOMO MUNARI

LEZIONI

Modalità didattiche

 

Il corso si svolgerà attraverso lezioni frontali.

Durante l'anno accademico, la cattedra organizzerà seminari e convegni ai quali gli studenti saranno invitati a partecipare al fine di approfondire alcuni argomenti oggetto d'esame.

Il professore utilizzerà il portale "aulaweb" per annunci relativi a lezioni, seminari e convegni caricando materiali utili tra cui le slide aventi a oggetto le tematiche affrontate a lezione.

INIZIO LEZIONI

I semestre dal 17 settembre al 7 dicembre 2018
II semestre dal 25 febbraio al 17 maggio 2019

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

ALTRI ORDINAMENTI E COMPARAZIONE GIURIDICA

ESAMI

Modalità d'esame

Modalità di svolgimento dell’esame per  studenti frequentanti 
Sono considerati frequentanti gli studenti che abbiano raggiunto i 2/3 delle presenze accertate mediante appelli periodici. L’esame avrà ad oggetto il programma svolto durante il corso, comprensivo degli approfondimenti su specifici argomenti ed integrato dai materiali che saranno utilizzati a lezione. Gli studenti sosterranno l'esame in forma orale a partire dal primo appello della sessione estiva, successivo alla fine del corso.  La commissione esaminatrice è composta dai docenti titolari dell'insegnamento e da loro assistenti che verificheranno il raggiungimento degli obiettivi formativi previsti attraverso la formulazione di più domande, muovendo da temi generali per arrivare ad altri specifici, inoltre collegando la parte generale- rivolta al metodo della comparazione, alla cornice delle famiglie di sistemi e degli ordinamenti- ai singoli temi di diritto privato comparato.


    Modalità di svolgimento dell’esame per  studenti non frequentanti Gli studenti non frequentanti svolgeranno un esame orale negli appelli previsti dal calendario della Scuola, a partire dal primo appello della sessione stiva, successivo alla fine del corso. Per sostenere l’esame è tassativamente richiesta la preventiva iscrizione, con le modalità telematiche predisposte e regolate dall’Ateneo. La commissione esaminatrice è composta dai docenti titolari dell'insegnamento e da loro assistenti che verificheranno il raggiungimento degli obiettivi formativi previsti attraverso la formulazione di più domande, muovendo da temi generali per arrivare ad altri specifici, inoltre collegando la parte generale- rivolta al metodo della comparazione, alla cornice delle famiglie di sistemi e degli ordinamenti- ai singoli temi di diritto privato comparato.