ALTRI ORDINAMENTI E COMPARAZIONE GIURIDICA

ALTRI ORDINAMENTI E COMPARAZIONE GIURIDICA

_
iten
Codice
64928
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 2° anno di 7995 GIURISPRUDENZA (LMG/01) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/02
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (GIURISPRUDENZA)
periodo
2° Semestre
frazionamenti
Questo insegnamento è diviso in 2 frazioni: A, B. Questa pagina si riferisce alla frazione A
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il corso è articolato in due moduli, che si svolgono rispettivamente nel I e nel II semestre. Dopo una introduzione dedicata alla comparazione giuridica, le lezioni trattano delle principali esperienze di civil e di common law. Saranno oggetto del corso anche esperienze come quella cinese o islamica. Durante entrambi i moduli si procederà all’analisi di fonti in lingua, soprattutto giurisprudenziali.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Presentazione istituzionale dei principali sistemi giuridici di common law e di civil law, così come degli ordinamenti orientali e del diritto islamico. Acquisizione della terminologia giuridica specifica, nonché della gestione e comprensione delle fonti straniere.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Scopo del II modulo è ampliare e completare la conoscenza dei sistemi affrontando lo studio e la disamina di ordinamenti molto differenti rispetto al nostro e segnatamente, quello cinese, quello giapponese nonché il diritto islamico, grazie anche al contributo di docenti di altre Università profondi studiosi e degli argomenti trattati, sempre nell'ottica di formazione di un professionista che possa interagire con operatori del diritto appartenti a differenti tradizioni giuridiche.

Specifiche tematiche (come ad esempio il multiculturalismo) potranno essere oggetto di approfondimento in seminari. Grazie a questi approfondimenti e all'analisi di casi concreti, svolti nell'ambito del corso, gli studenti ampliano il proprio panorama giuridico, ma anche culturale e acquisiscono la capacità di comprendere ed utilizzare materiali di diritto straniero.

Al termine del modulo lo studente dovrà aver compreso il metodo comparatistico, dovrà avere acquisito sufficiente conoscenza delle principali caratteristiche degli ordinamenti analizzati e dovrà anche aver sviluppato capacità di valutazione critica delle diverse soluzioni studiate, avendo compreso schemi mentali e regole operative estranee alla nostra esperienza.

 

 

Modalità didattiche

L'insegnamento si svolge mediante lezioni frontali, anche con ricorso a supporti multimediali, seminari ed eventuali approfondimenti da parte degli studenti. Specifiche tematiche potranno essere oggetto di approfondimento in seminario o conferenze tenute anche da Docenti di altre Università.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il secondo modulo verte sulla disamina dei sistemi estranei alle classificazioni common law e civil law, come ad esempio l'esperienza cinese e quella islamica, grazie all’intervento di specialisti delle singole materie. Oltre all'evoluzione storica dei sistemi, si tratterà delle fonti del diritto, delle tecniche di ragionamento giuridico e degli istituti più significativi dei diversi ordinamenti studiati.

Specifiche tematiche (come ad esempio il multiculturalismo) potranno essere oggetto di approfondimento da parte degli studenti.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Studenti frequentanti

Appunti e materiali pubblicati su aulaweb supportati dalla lettura di V. Varano – V. Barsotti, La tradizione giuridica occidentale, vol. I, Testo e materiali per un confronto civil law common law, 6° ed, Torino, 2018, cap. V (escluse appendici)

 

Studenti non frequentanti

V. Varano – V. Barsotti, La tradizione giuridica occidentale, vol. I, Testo e materiali per un confronto civil law common law,6° ed, Torino, 2018, cap. V (escluse appendici)

R. Cavalieri (cur.), Diritto dell’Asia Orientale, 2° ed, Venezia, 2009

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Gli studenti e i laureandi si ricevono in Via Balbi 22, 4° piano, sezione di Diritto Privato, nella giornata di mercoledì  (15.30 -17.30 ) o in altri giorni su appuntamento. E' in ogni caso gradita una mail (Francesca.Brunetta@unige.it) per meglio organizzare gli appuntamenti. Durante le sessioni d'esame solo su appuntamento, previa mail all'indirizzo Francesca.Brunetta@unige.it.

Commissione d'esame

FRANCESCA BRUNETTA D'USSEAUX (Presidente)

ANDREA PERELLI

MATTEO PATRONE

UMBERTO DE MAGISTRIS

ALESSANDRO CAPROTTI

ELENA ANNA GRASSO

LEZIONI

Modalità didattiche

L'insegnamento si svolge mediante lezioni frontali, anche con ricorso a supporti multimediali, seminari ed eventuali approfondimenti da parte degli studenti. Specifiche tematiche potranno essere oggetto di approfondimento in seminario o conferenze tenute anche da Docenti di altre Università.

INIZIO LEZIONI

I semestre dal 17 settembre al 7 dicembre 2018
II semestre dal 25 febbraio al 17 maggio 2019

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

ALTRI ORDINAMENTI E COMPARAZIONE GIURIDICA A

ESAMI

Modalità d'esame

Studenti Laurea Magistrale in Giurisprudenza

Si rimanda a quanto indicato nella scheda dell'insegnamento "padre".

Per sostenere l’esame è tassativamente richiesta la preventiva iscrizione (entro il termine di 48 h prima dell’appello), con le modalità telematiche predisposte e regolate dall’Ateneo.

 

Modalità di accertamento

L'esame valuterà se lo studente abbia acquisito la conoscenza dei principali tratti caratteristici degli ordinamenti analizzati e verificherà se lo studente abbia acquisito la proprietà del linguaggio tecnico giuridico specifico dell'insegnamento.

Eventuali lavori di approfondimento svolti dagli studenti permettereanno anche di valutare  se lo studente abbia la capacità di orientarsi rispetto alle fonti del diritto oggetto di analisi. Si verificherà infine la capacità di correlare  i diversi argomenti trattati.