MOD. 1 DIRITTO PUBBLICO COMPARATO

MOD. 1 DIRITTO PUBBLICO COMPARATO

_
iten
Codice
67105
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 2° anno di 7995 GIURISPRUDENZA (LMG/01) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/21
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (GIURISPRUDENZA)
periodo
1° Semestre
frazionamenti
Questo insegnamento è diviso in 2 frazioni: A, B. Questa pagina si riferisce alla frazione A
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento si propone di fornire agli studenti strumenti conoscitivi per la comprensione del diritto pubblico comparato, nel suo sviluppo storico e nelle sue tendenze attuali, in riferimento alle più significative esperienze costituzionali e al processo di integrazione europea.

Scopo dell’insegnamento è in particolare quello di far acquisire agli studenti conoscenze approfondite relativamente all’analisi comparata di principi, istituti e norme appartenenti a sistemi costituzionali differenti, sia nella prospettiva sincronica che in quella diacronica.

La frequenza delle lezioni e lo studio individuale consentiranno allo studente di:

- acquisire il lessico specifico della disciplina, anche al fine di poter esaminare e comprendere la letteratura scientifica in lingua straniera;

- identificare i valori e i principi fondamentali che hanno caratterizzato l’evoluzione storica dallo Stato liberale a quello democratico;

- acquisire una visione razionale di modelli, istituti e categorie concettuali di analisi, propri degli ordinamenti di civil law e di common law, in riferimento soprattutto alle forme di Stato, alle forme di governo, ai diritti fondamentali, alle fonti del diritto e alle garanzie giurisdizionali;

- acquisire gli strumenti conoscitivi indispensabili alla lettura e comprensione delle fonti costituzionali, legislative e giurisprudenziali di alcuni ordinamenti stranieri, al fine di una efficace comparazione fra settori del diritto pubblico;

- utilizzare la conoscenza degli elementi teorici per una valutazione critica del rapporto fra dimensione normativa e funzionamento concreto dei sistemi costituzionali.

Modalità didattiche

L’insegnamento si sviluppa attraverso lezioni frontali, per un totale di 54 ore (pari a 9 CFU), nel corso delle quali verranno esposti analiticamente gli argomenti del programma. Alcune lezioni, che potranno assumere carattere seminariale, verranno svolte dalla docente eventualmente insieme ad esperti italiani o stranieri, per approfondire tematiche di particolare interesse o attualità.

PROGRAMMA/CONTENUTO

L’insegnamento sviluppa in chiave comparatistica le seguenti tematiche:

- Finalità e metodo della comparazione nel diritto pubblico

- Costituzioni, costituzionalismo e dinamiche della Costituzione

- Classificazione delle forme di Stato

- Forme istituzionali di distribuzione territoriale del potere (con particolare attenzione al federalismo, al regionalismo e all’ordinamento dell’Unione europea)

- Le forme di governo

- Aspetti specifici relativi all’organizzazione costituzionale (Parlamento, Governo, Capo dello Stato)

- Istituti di democrazia diretta

- Diritti e libertà fondamentali

- Giustizia costituzionale

Particolare attenzione verrà dedicata alle esperienze statali storicamente più rilevanti (Regno Unito, Stati Uniti d’America, Francia, Repubblica Federale Tedesca, Svizzera, Spagna) le quali costituiscono i modelli costituzionali di riferimento delle democrazie contemporanee.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

I libri di testo per gli studenti frequentanti (che hanno partecipato ad almeno il 75% delle lezioni) sono:

- G. Morbidelli, L. Pegoraro, A. Rinella, M. Volpi, Diritto Pubblico Comparato, G. Giappichelli Editore, Torino, 2016 (nelle sole parti che verranno comunicate dalla docente nel corso delle lezioni, sulla base degli argomenti trattati).

- F. Furlan, S. Gianello, M. Iacometti, C. Martinelli, G. E. Vigevani, M. P. Viviani Schlein, Costituzioni comparate, G. Giappichelli Editore, Torino, 2017.

 

Gli studenti non frequentanti sosterranno l’esame sulla base dello studio integrale dei seguenti volumi:

- G. Morbidelli, L. Pegoraro, A. Rinella, M. Volpi, Diritto Pubblico Comparato, G. Giappichelli Editore, Torino, 2016.

- F. Furlan, S. Gianello, M. Iacometti, C. Martinelli, G. E. Vigevani, M. P. Viviani Schlein, Costituzioni comparate, G. Giappichelli Editore, Torino, 2017.

 

I materiali didattici (slides utilizzate dalla docente a lezione, materiale normativo, dispense e testi oggetto di approfondimento) saranno disponibili sulla piattaforma di Aulaweb.

Volumi alternativi per gli studenti stranieri verranno segnalati dalla docente all’inizio delle lezioni. Ulteriori testi di approfondimento verranno segnalati nel corso dell’insegnamento.

 

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: La professoressa Magarò riceve gli studenti il mercoledì, dalle ore 14.00 alle ore 16.00 (e, in altri giorni e/o orario, su appuntamento, previo messaggio di posta elettronica), presso l’Albergo del Poveri, torre centrale, quinto piano.

Commissione d'esame

PATRIZIA MAGARO' (Presidente)

MARIA ANGELA ORLANDI

ADRIANO GIOVANNELLI

NICOLO' FUCCARO

OMAR CARAMASCHI

SIMONE FREGA

FRANCESCA BAILO

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si sviluppa attraverso lezioni frontali, per un totale di 54 ore (pari a 9 CFU), nel corso delle quali verranno esposti analiticamente gli argomenti del programma. Alcune lezioni, che potranno assumere carattere seminariale, verranno svolte dalla docente eventualmente insieme ad esperti italiani o stranieri, per approfondire tematiche di particolare interesse o attualità.

INIZIO LEZIONI

I semestre dal 17 settembre al 7 dicembre 2018
II semestre dal 25 febbraio al 17 maggio 2019

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

MOD. 1 DIRITTO PUBBLICO COMPARATO A

ESAMI

Modalità d'esame

Per gli studenti frequentanti e non frequentanti l’esame si svolge in forma orale e si articola in una serie di quesiti (circa quattro).  Gli studenti dovranno iscriversi telematicamente all’esame, entro i tempi previsti. La mancata iscrizione comporta l’impossibilità di sostenere la prova.

La Commissione di esame è presieduta dalla docente titolare dell’insegnamento.

Modalità di accertamento

L’esame orale è volto ad accertare la conoscenza delle tematiche oggetto dell'insegnamento, con particolare riferimento ai principi e agli istituti inerenti l’organizzazione costituzionale degli ordinamenti stranieri presi in considerazione.

La valutazione del livello di apprendimento avverrà con voto finale espresso in trentesimi, attribuito alla luce del colloquio volto alla verifica della comprensione degli argomenti oggetto dell’insegnamento, della qualità dell’esposizione (chiarezza, precisione, padronanza del linguaggio giuridico, organizzazione del discorso), delle capacità di analisi critica e rielaborazione personale dei temi studiati.

 

ALTRE INFORMAZIONI

Per ogni ulteriore indicazione, contattare il docente (patrizia.magaro@unige.it).