LABORATORIO SPERIMENTALE DI INGEGNERIA CHIMICA

LABORATORIO SPERIMENTALE DI INGEGNERIA CHIMICA

_
iten
Codice
90665
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
5 cfu al 3° anno di 10375 INGEGNERIA CHIMICA E DI PROCESSO (L-9) GENOVA

5 CFU al 2° anno di 10376 INGEGNERIA CHIMICA E DI PROCESSO (LM-22) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
ING-IND/25
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (INGEGNERIA CHIMICA E DI PROCESSO )
periodo
2° Semestre
moduli
Questo insegnamento è un modulo di:
materiale didattico

PRESENTAZIONE

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il modulo si propone di offrire agli studenti le basi sperimentali per la determinazione delle proprietà chimico fisiche della materia e per la valutazione dei parametri operativi delle principali operazioni unitarie.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento ha l’obiettivo di descrivere e mostrare con prove sperimentali in laboratorio alcuni tra gli impianti impiegati nei principali processi dell’industria chimica. Gli studenti acquisiranno inoltre le basi per potersi muovere correttamente in un laboratorio chimico e di processo.

Al termine dell’insegnamento lo studente dovrà essere in grado di:

  • redigere relazioni di laboratorio sulle esperienze viste durante il corso;
  • progettare semplici esperimenti impiegando impianti su scala di laboratorio sapendoli allestire e monitorare;
  • ottenere mediante la tecnica più appropriata misure significative per la corretta valutazione degli esperimenti;
  • interpretare e contestualizzare dati sperimentali;
  • conoscere le basi delle buone pratiche di laboratorio e di sicurezza dei laboratori chimici.

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni che si svolgono in aula con l’ausilio di presentazioni, finalizzate al corretto svolgimento delle successive prove sperimentali (25 ore) e di esercitazioni nei laboratori didattici dove gli studenti possono partecipare alle attività sperimentali proposte (25 ore). Gli studenti potranno lavorare in gruppi e individualmente acquisendo in tal modo competenza trasversali in termini di autonomia di giudizio e cooperazione.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma dell’insegnamento prevede:

  • introduzione alle buone pratiche di laboratorio e sicurezza nei laboratori chimici (5 ore);
  • descrizione delle attività di laboratorio con richiami di teoria di operazioni unitarie (macinazione, setacciatura, bioreattori, sedimentatori, impianti di filtrazione e colonne di distillazione) (15 ore);
  • laboratorio sperimentale su macinazione e vagliatura di solidi granulari (5 ore
  • laboratorio sperimentale su sedimentatori discontinui e filtrazione a membrana (5 ore);
  • laboratorio sperimentale sull’avviamento e la gestione di un bioreattore con relative analisi (5 ore);
  • laboratorio sperimentale sulla produzione di biodiesel e successiva caratterizzazione chimico-fisica dello stesso(5 ore);
  • avviamento e gestione di una colonna di distillazione (5 ore).

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutto il materiale presentato durante le lezioni pratiche e teoriche verrà fornito agli studenti. In generale, gli appunti presi durante le lezioni, durante le prove di laboratorio e le slide sono sufficienti per la preparazione ed il superamento dell’esame.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Gli studenti possono richiedere di incontrare il docente previo appuntamento.

Commissione d'esame

PATRIZIA PEREGO (Presidente)

PAOLA COSTAMAGNA (Presidente)

ALESSANDRO ALBERTO CASAZZA

LEZIONI

Modalità didattiche

L’insegnamento si compone di lezioni che si svolgono in aula con l’ausilio di presentazioni, finalizzate al corretto svolgimento delle successive prove sperimentali (25 ore) e di esercitazioni nei laboratori didattici dove gli studenti possono partecipare alle attività sperimentali proposte (25 ore). Gli studenti potranno lavorare in gruppi e individualmente acquisendo in tal modo competenza trasversali in termini di autonomia di giudizio e cooperazione.

INIZIO LEZIONI

Le lezioni si svolgono nel secondo semestre, secondo il calendario della scuola politecnica.

ESAMI

Modalità d'esame

L’esame consiste nella redazione di relazioni periodiche di laboratorio, una per ogni prova sperimentale, e in una prova orale, durante la quale verranno commentate le relazioni redatte dagli studenti. Saranno disponibili 3 appelli per la sessione invernale e 4 appelli per la sessione estiva.

Modalità di accertamento

La preparazione degli studenti viene accertata mediante superamento dell’esame scritto e della prova orale. Con la prima verrà valutata la capacità da parte degli studenti di scrivere correttamente relazioni di laboratorio, mentre con la seconda verrà verificata la comprensione da parte degli studenti degli argomenti affrontati durante il corso. Inoltre, vengono valutate la qualità dell’esposizione, l’utilizzo corretto della terminologia tecnica e la capacità di ragionamento critico.

ALTRE INFORMAZIONI

Per favorire le esperienze di laboratorio gli studenti verranno suddivisi in due gruppi in base all’elenco alfabetico.

La frequenza è fortemente consigliata e viene verficata per le attività di laboratorio (70% necessario per superare l'esame)

Per gli studenti lavoratori sono concordate modalità specifiche con il docente

Per esigenze specifiche gli studenti sono invitati a contattare il docente prima dell’inizio del corso.

Per l’attività di laboratorio è richiesto che lo studente si doti di camice da laboratorio chimico in cotone mentre i dispositivi di protezione individuale verranno forniti dal docente durante le esercitazioni pratiche.