STORIA CONTEMPORANEA

STORIA CONTEMPORANEA

_
iten
Codice
55879
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
6 cfu al 1° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
M-STO/04
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LINGUE E CULTURE MODERNE )
periodo
1° Semestre
frazionamenti
Questo insegnamento è diviso in 3 frazioni: A, B, C. Questa pagina si riferisce alla frazione C
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L’insegnamento affronta i principali avvenimenti e le fondamentali trasformazioni della storia mondiale in campo politico, economico, sociale e culturale nell’Ottocento e nel Novecento. Particolare attenzione è dedicata alle possibili periodizzazioni della storia contemporanea e a tre diverse epoche nell’assetto del sistema mondiale: l’ascesa della primazia europea nell’Ottocento, la centralità degli Stati Uniti nel Novecento e l’avvento di un mondo post-americano all’alba del Terzo Millennio.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso consiste in una introduzione alla storia dei secc. XIX e XX con l’obiettivo di fornire agli studenti, in una prospettiva globale e comparativa, un quadro delle grandi trasformazioni economiche, politiche, sociali, culturali e di costume che si sono susseguite dalla Rivoluzione Industriale alle Twin Towers evidenziando processi particolarmente significativi in alcune aree dell’Europa, dell’America, dell’Asia e dell’Africa

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L’insegnamento intende affrontare i principali avvenimenti e le fondamentali trasformazioni della storia mondiale in campo politico, economico, sociale e culturale durante l’Ottocento e il Novecento in chiave comparata. Particolare attenzione sarà dedicata alle possibili periodizzazioni della storia contemporanea, con i suoi momenti di svolta, dalla rivoluzione industriale agli attentati terroristici dell’11 settembre 2001, nonché a tre diverse epoche nell’assetto del sistema mondiale: l’ascesa e il consolidamento della primazia europea nell’Ottocento, la centralità degli Stati Uniti nel Novecento e l’avvento di un mondo post-americano all’alba del Terzo Millennio. Al termine dell’insegnamento gli studenti avranno acquisito la conoscenza dei principali avvenimenti e delle fondamentali trasformazioni della storia mondiale in campo politico, economico, sociale e culturale durante l’Ottocento e il Novecento in chiave comparata. Inoltre, saranno in grado di definire le possibili periodizzazioni della storia contemporanea, con i suoi momenti di svolta, dalla rivoluzione industriale agli attentati terroristici dell’11 settembre 2001. Avranno anche sviluppato adeguate competenze per elaborare giudizi critici e procedere a valutazioni autonome sulle questioni e le problematiche più rilevanti inerenti a questa epoca. Infine, avranno maturato un linguaggio appropriato e gli strumenti analitici opportuni per discutere ed esaminare tali tematiche.

PREREQUISITI

Nessuno.

Modalità didattiche

Lezioni frontali con supporti audio-video.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Da un mondo eurocentrico a un mondo post-americano. La convenzione accademica vuole che la storia contemporanea sia incentrata sull’Ottocento e sul Novecento. Lo statista e storico indiano Kavalam Madhava Panikkar ha suggerito una contrapposizione tra l’epoca moderna, segnata dal dominio europeo nel mondo, e l’era contemporanea, caratterizzata dall’ascesa delle società extraeuropee, con l’indipendenza dell’India dal colonialismo britannico nel 1947 quale cesura tra questi due periodi. Il sociologo Giovanni Arrighi ha indicato nel Novecento il secolo dell’egemonia statunitense all’interno del sistema capitalistico così come l’Ottocento era stato contraddistinto dalla primazia britannica, una preminenza che entrò in decadenza nell’ultimo quarto del secolo a seguito dell’emergere degli Stati Uniti e della Germania quali nuove potenze economiche. Tale interpretazione è in sintonia con la visione tradizionale del Novecento quale secolo americano, per citare la nota definizione dell’editore Henry Luce. Dopo la vittoria di Washington nella guerra fredda, secondo l’analista politico Charles Krauthammer, la leadership statunitense nell’arena mondiale si rafforzò nell’ultimo decennio del secolo con l’instaurazione di un momento unipolare lungo un decennio, ma si esaurì con gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001 e l’avvento di quello che il giornalista e autore Fareed Zakaria ha chiamato un “mondo post-americano”. Quelle appena sintetizzate sono solo alcune delle possibili periodizzazioni della storia contemporanea. Dopo aver passato in rassegna quelle più significative, l’insegnamento si propone di affrontate i principali avvenimenti e le fondamentali trasformazioni della storia mondiale in campo politico, economico, sociale e culturale durante l’Ottocento e il Novecento in prospettiva comparata, sulla falsariga di una tripartizione temporale dell’assetto del sistema mondiale: l’ascesa e il consolidamento della primazia europea nell’Ottocento, la centralità degli Stati Uniti nel Novecento e l’avvento di un mondo post-americano all’alba del Terzo Millennio. Le questioni e gli argomenti discussi a lezione includeranno, pur senza esservi limitati, l’industrializzazione, il Congresso di Vienna e la Restaurazione, le rivoluzioni europee, l’imperialismo e il colonialismo, la prima guerra mondiale, la rivoluzione bolscevica, i regimi totalitari negli anni tra le due guerre mondiali, la seconda guerra mondiale, le origini della guerra fredda e l’edificazione del blocco occidentale, la coesistenza pacifica e la distensione, la rivoluzione cinese, la decolonizzazione e il movimento dei Paesi non allineati, le crisi del Medio Oriente, la fine della guerra fredda e il collasso dell’Unione Sovietica, il momento unipolare, il processo di integrazione europea, gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001 e il mondo post-americano.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Lucio Caracciolo e Adriano Roccucci, Storia contemporanea. Dal mondo europeo al mondo senza centro, Milano, Mondadori Education, 2017, ISBN 978-88-00-74473-7;

Claudio Pavone, Prima lezione di storia contemporanea, Roma-Bari, Laterza, 2007, pp. 142-222, ISBN 978-88-420-7991-0.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Martedì 14:45-15:45, DISFOR, Corso Podestà 2, stanza 1A 14 (solo nei giorni in cui si svolge la didattica - nel dubbio, chiedere conferma al docente attraverso la posta elettronica).

Commissione d'esame

STEFANO LUCONI (Presidente)

ROBERTO MACCARINI

LEZIONI

Modalità didattiche

Lezioni frontali con supporti audio-video.

INIZIO LEZIONI

Le lezioni inizieranno martedì 02 ottobre alle ore 14:00 e si svolgeranno il martedì dalle 14:00 alle 15:00 (aula 4 Albergo dei Poveri) e il mercoledì dalle 15:00 alle 17:00 (aula 17 Albergo dei Poveri).

ESAMI

Modalità d'esame

Sia per gli studenti frequentanti, sia per gli studenti non frequentanti: colloquio orale e prova scritta, entrambi rigorosamente individuali e privi di alcun sussidio (salvo che per gli studenti che hanno diritto ad ausili come, per esempio, le mappe concettuali sulla base di apposita certificazione). Gli studenti che lo desiderino avranno la possibilità di sostenere una prova scritta sugli argomenti discussi a lezione. La prova scritta sarà collocata tra la fine delle lezioni e la data del primo appello. Gli studenti che sosterranno la prova scritta potranno integrarne l’esito attraverso un colloquio orale nelle date degli appelli. L’esito della prova scritta rimarrà valido fino all'ultimo appello dell’a.a. 2018-2019. L’esame orale verterà sul contenuto integrale delle letture elencate nella sezione “testi/bibliografia”.

Modalità di accertamento

La prova scritta – della durata massima di due ore – consisterà in dodici domande a risposta aperta: tre richiederanno un elaborato di 20-28 righe e nove potranno essere completate in 1-3 righe. Ciascun colloquio orale avrà una lunghezza indirettamente proporzionale alla preparazione dello studente. Le domande, sia per la prova scritta sia per il colloquio orale, saranno orientate a verificare la dimestichezza degli studenti con le possibili periodizzazioni della storia contemporanea nonché la conoscenza e la comprensione principali avvenimenti e le fondamentali trasformazioni della storia mondiale in campo politico, economico, sociale e culturale durante l’Ottocento e il Novecento. La chiarezza nell’esporre le proprie idee e argomentazioni costituirà un ulteriore criterio di valutazione. Il voto finale sarà costituito dall’insieme delle valutazioni di tutti questi fattori. Si sconsiglia una preparazione nozionistica e mnemonica su nomi e date.