DIRITTO COMMERCIALE

DIRITTO COMMERCIALE

_
iten
Codice
65268
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
9 cfu al 2° anno di 8709 GIURISTA DELL'IMPRESA E DELL'AMMINISTRAZIONE (L-14) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
IUS/04
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (GIURISTA DELL'IMPRESA E DELL'AMMINISTRAZIONE )
periodo
1° Semestre
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

Il diritto commerciale è, nell'ambito del corso di Giurista dell'impresa e dell'amministrazione, una delle materie preminenti. Il Giurista di impresa, infatti si occupa prevalentemente di questioni che hanno a che fare, appunto con l'impresa, svolgendo per essa attività di consulenza legale, traducendo, in termini giuridici, le scelte di politica dell'impresa e valutando le conseguenze legali di ogni singola scelta gestionale. La materia commercialistica, quindi, assume in questo contesto un rilevo particolare.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso introduce alle tematiche generali del diritto commerciale. E' suddiviso in tre parti, rispettivamente dedicate all'impresa, alle società di persone ed alle procedure concorsuali. Nell'ambito della disciplina generale dell'impresa si esaminano le sue diverse articolazioni, con particolare riferimento allo statuto dell'impresa commerciale, alla disciplina dell'azienda, dei segni distintivi e delle opere dell'ingegno. Per quanto concerne le società di persone sono approfonditi i lineamenti delle varie tipologie, con particolare riferimento alle vicende relative alla costituzione, all'ordinamento patrimoniale, all'esercizio dell'attività sociale ed allo scioglimento del rapporto individuale e collettivo. Infine, nell'ambito dei lineamenti generali delle procedure concorsuali previste per la crisi dell'impresa, è dedicata particolare attenzione all'istituto del fallimento dell'imprenditore e delle società.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

In particolare, l’insegnamento di diritto commerciale si propone, di fornire agli studenti nozioni di base con specifico riferimento ai seguenti argomenti:
Inquadramento del concetto di imprenditore, di impresa commerciale e agricola, di piccola impresa e di azienda
Segni distintivi, con particolare attenzione alla disciplina del marchio, e quindi delle sue caratteristiche principali, dell'uso e dell'abuso del marchio
Società di persone e di capitali
Concorrenza sleale e diritto della regolazione dei mercati e antitrust
Pubblicità

Diritto della crisi di impresa
Lo studio individuale, la frequenza e la partecipazione alle attività formative proposte consentiranno allo studente di:
Comprendere e ricordare la disciplina posta a base dei rapporti interni ad una impresa, sia essa individuale che collettiva, i rapporti con i terzi, la dinamica della concorrenza e delle pratiche collusive anticoncorrenziali.
Allenarsi al problem solving in questioni pratiche, attinenti alle più frequenti criticità rilevabili all'interno di un'impresa
Comprendere la struttura e il meccanismo di funzionamento degli strumenti di risoluzione della crisi di un'impresa, con particolare riferimento a quelli contenuti nella legge fallimentare, nella legge sull'amministrazione straordinaria delle grandi imprese e alle novità che sono in corso di approvazione con la nuova legge di riforma.
Esprimersi in linguaggio tecnico giuridico appropriato.

Modalità didattiche

La didattica verrà diversificata in lezioni frontali tenute dal docente, seminari che prevedono la partecipazione in aula di esperti di particolari tematiche inerenti al corso, ed esercitazioni esercitazioni. Le esercitazioni, tre in tutto, saranno svolte nelle ore di lezione e costituiranno uno strumento utile per approcciare i problemi pratici più correnti per i giuristi di impresa come la comprensione di una sentenza, la risposta a domande specifiche poste loro da terzi, la soluzione di casi pratici e la preparazione di una campagna promozionale per un prodotto. Lo svolgimento delle esercitazioni avverrà a gruppi, per stimolare il dibattito e il confronto che, in un'impresa, soprattutto pluripersonale come una società, sono sempre il metodo migliore per risolvere ogni tipo di problema.

PROGRAMMA/CONTENUTO

  1. Impresa – Azienda – segni distintivi (sopratutto marchio e brevetto)

  2. Concorrenza e antitrust

  3. Società di persone e di capitali (elementi fondamentali)

  4. Pubblicità

  5. Crisi di impresa

TESTI/BIBLIOGRAFIA

La frequenza al corso è senza dubbio lo strumento migliore per giungere preparati all'esame. In caso di frequenza, oltre alla partecipazione ai seminari e alle esercitazioni, lo studente avrà a disposizione gli appunti presi a lezione e dovrà studiare tre articoli di approfondimento concordati con il docente.

Per gli studenti non frequentanti è richiesto lo studio di V. Buonocore (a cura di), Diritto Commerciale, XIV° edizione, Giappichelli, 2017, nelle seguenti parti:

Parte Prima, Parte Seconda, Parte Sesta.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento del docente avverrà nei seguenti orari: Lunedì dalle 9,00 alle 10,00 presso il Dipartimento di Giurisprudenza, via Balbi 22 secondo piano Mercoledì dalle 9 alle 10 nello studio n. 7, livello 2, Darsena, via Vivaldi. 

LEZIONI

Modalità didattiche

La didattica verrà diversificata in lezioni frontali tenute dal docente, seminari che prevedono la partecipazione in aula di esperti di particolari tematiche inerenti al corso, ed esercitazioni esercitazioni. Le esercitazioni, tre in tutto, saranno svolte nelle ore di lezione e costituiranno uno strumento utile per approcciare i problemi pratici più correnti per i giuristi di impresa come la comprensione di una sentenza, la risposta a domande specifiche poste loro da terzi, la soluzione di casi pratici e la preparazione di una campagna promozionale per un prodotto. Lo svolgimento delle esercitazioni avverrà a gruppi, per stimolare il dibattito e il confronto che, in un'impresa, soprattutto pluripersonale come una società, sono sempre il metodo migliore per risolvere ogni tipo di problema.

INIZIO LEZIONI

I semestre dal 17 settembre al 7 dicembre 2018
II semestre dal 25 febbraio al 17 maggio 2019

ORARI

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

Vedi anche:

DIRITTO COMMERCIALE

ESAMI

Modalità d'esame

Modalità di svolgimento dell’esame:

l'esame si svolgerà in forma orale. Sono previste tre domande. Per i frequentanti una domanda sarà a scelta dei candidati e le altre due a scelta del docente. Per i non frequentanti tutte le domande saranno a scelta del docente. Le domande verteranno su tutto il programma svolto in aula, compresi i seminari e le esercitazioni e saranno volte a verificare sia la capacità esplicativa e argomentativa dello studente, sia la possibilità di risolvere, sul momento, una questione pratica che gli venga proposta.

Modalità di accertamento

Tanto l’esame orale quanto l’esame scritto mirano a verificare l’effettiva conoscenza e acquisizione da parte delle studente delle nozioni teoriche di base come pure la sua capacità di individuare ed applicare le norme di riferimento a specifici casi concreti. Attraverso quesiti di carattere teorico generale e la proposta di casi e problemi di carattere pratico – che per gli studenti frequentanti traggono sempre spunto dall’attività didattica svolta in classe –  si verificherà se lo studente è in grado di: 
- individuare e definire i concetti giuridici utilizzando un linguaggio tecnico appropriato;
individuare, distinguere, conoscere ed applicare le principali disposizioni normative che regolano lo svolgimento dei rapporti di impresa;
comprendere e interpretare, con spirito critico e autonomia di giudizio, i principali testi normativi nonché i testi di alcune fondamentali sentenze discusse in classe;
individuare autonomamente ed applicare, anche a partire da casi pratici ed esempi, le fattispecie di riferimento e i relativi effetti.