LINGUA ARABA I

LINGUA ARABA I

_
iten
Codice
55868
ANNO ACCADEMICO
2018/2019
CFU
9 cfu al 1° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) GENOVA

6 CFU al 1° anno di 9265 LINGUE E LETTERATURE MODERNE PER I SERVIZI CULTURALI (LM-37) GENOVA

6 CFU al 1° anno di 9265 LINGUE E LETTERATURE MODERNE PER I SERVIZI CULTURALI (LM-38) GENOVA

8 CFU al 1° anno di 10177 SCIENZE INTERNAZIONALI E DELLA COOPERAZIONE (LM-52) GENOVA

8 CFU al 2° anno di 10177 SCIENZE INTERNAZIONALI E DELLA COOPERAZIONE (LM-52) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE
L-OR/12
LINGUA
Italiano
SEDE
GENOVA (LINGUE E CULTURE MODERNE )
periodo
Annuale
propedeuticita
materiale didattico

PRESENTAZIONE

L'insegnamento è annuale e si compone di Lettorato e Modulo Teorico. Esso introduce gli studenti sia alla variante moderna della varietà scritta (Lettorato) sia alla variante damascena della varietà mediorientale parlata in Siria, Libano, Giordania e Palestina (Modulo Teorico), rispondendo all'esigenza, fondamentale nei settori dell'assistenza dei migranti, sicurezza, sanità, relazioni diplomatiche e commerciali, di disporre di strumenti atti a comunicare nella lingua parlata.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso annuale si prefigge come obiettivo il raggiungimento del livello A2 (Common European Framework) di competenza linguistica a partire dal livello pre-A1. Attraverso il Modulo Teorico e le esercitazioni grammaticali, al termine del corso lo studente avrà acquisito la conoscenza dei fondamenti della lingua araba nei suoi aspetti fonologico, morfologico, sintattico e semantico, come pure l’abilità di riconoscere e interpretare le strutture fondamentali dell’arabo scritto antico e moderno. Grazie al supporto di attività mirate all’acquisizione della competenza comunicativa (linguistica, sociolinguistica e pragmatica) di livello A1-A2, al termine del corso lo studente avrà acquisito l’abilità della comprensione e produzione orali in arabo colloquiale (livello A2: “Elementary”), nonché l’abilità della lettura, della scrittura e della traduzione di testi elementari (livello A2: “Elementary”). Al termine del corso annuale, lo studente saprà utilizzare le nozioni teoriche nella pratica linguistica, così come avrà sviluppato una consapevolezza di base della variazione linguistica nell’arabo contemporaneo.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il Lettorato si prefigge di introdurre gli studenti alla variante moderna della varietà scritta, fornendo loro gli strumenti grammaticali e lessicali, nonché le attività formative interattive, necessari alla lettura, alla comprensione, alla traduzione dall’arabo all’italiano e dall’italiano all’arabo e alla produzione di testi scritti elementari.

Il Modulo Teorico mira ad introdurre gli studenti all’arabo come lingua eterogenea, al complesso linguistico arabo e alla variazione nell’arabo contemporaneo e prevede l’iniziazione ad una delle varianti, i.e. la lingua parlata a Damasco, della varietà araba parlata in Siria, Libano, Giordania e Palestina, che ha peraltro la caratteristica di risultare comprensibile nel resto del mondo arabofono contemporaneo. Oltre a quelli teorici, linguistici e sociolinguistici, il modulo si prefigge di fornire agli studenti gli strumenti pratici necessari per la comunicazione elementare in una delle varianti della lingua parlata, abilità imprescindibile nella formazione odierna di un arabista.

Al termine dell'insegnamento annuale di Lingua Araba I (9 CFU), la frequenza continuativa e la partecipazione attiva alle attività formative proposte (lezioni frontali e attività interattive) e lo studio individuale intrapreso con costanza anche durante il periodo di svolgimento dell'insegnamento stesso consentiranno allo studente di

  • conoscere le strutture fondamentali della variante moderna della varietà araba scritta e della variante damascena della varietà parlata mediorientale negli aspetti fonologico, morfologico e sintattico;
  • applicare le nozioni teoriche nella pratica linguistica di livello elementare;
  • leggere testi elementari;
  • comprendere testi scritti elementari;
  • tradurre dall’arabo all’italiano testi scritti elementari;
  • tradurre dall’italiano all’arabo testi scritti elementari;
  • produrre testi scritti elementari;
  • comprendere testi elementari in lingua parlata (variante damascena);
  • comprendere testi elementari in lingua parlata (varietà mediorientale: Siria, Libano, Giordania e Palestina);
  • interpretare testi elementari dalla lingua parlata a Damasco all’italiano;
  • interpretare testi elementari dalla varietà parlata in Siria, Libano, Giordania e Palestina all’italiano;
  • interpretare testi elementari dall’italiano alla lingua parlata a Damasco;
  • comunicare a livello elementare nella lingua parlata a Damasco;
  • conversare a livello elementare nella varietà parlata in Siria, Libano, Giordania e Palestina;
  • concettualizzare l’eterogeneità dell’arabo;
  • interiorizzare il concetto di complesso linguistico;
  • apprezzare la variazione linguistica nell’arabo contemporaneo.

Modalità didattiche

Il Lettorato (primo e secondo semestre) include 100 ore di lezione frontale, attività interattive e esercitazioni grammaticali volte a sviluppare le abilità linguistiche della lettura e della scrittura.

Il Modulo Teorico (secondo semestre) include 30 ore di lezione frontale e/o seminariale e attività interattive (brainstorming, presentazioni), anche a piccoli gruppi, volte a favorire la configurazione del quadro linguistico e sociolinguistico, nonché lo sviluppo delle abilità linguistiche dell'ascolto e della conversazione.

La frequenza sia del Lettorato sia del Modulo Teorico è fortemente raccomandata.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Il programma del Lettorato consiste nei testi, lessico, grammatica ed esercizi delle prime dieci lezioni del primo volume del manuale di arabo moderno di Luc-Willy Deheuvels (2010). Il programma di grammatica della variante moderna della varietà scritta comprende:

  • L’alfabeto;
  • Le vocali;
  • Sintassi della frase;
  • Coniugazione verbale a prefissi (aspetto verbale: imperfettivo): al-fiʿl al-muḍāriʿ al-marfūʿ;
  • Segni ortografici: la šadda;
  • La frase interrogativa: e māḏā;
  • Le vocali lunghe;
  • Il vocativo;
  • L’annessione o stato costrutto: al-ʾiḍāfa;
  • La hamza;
  • L’articolo: la waṣla;
  • La marca del femminile: la tāʾ marbūṭa;
  • Le grafie della ʾalif;
  • Il pronome isolato;
  • Radici e schemi;
  • La flessione;
  • Definito e indefinito;
  • Le particelle monolittere;
  • Lettere solari e lunari, assimilazione dell’articolo;
  • L’aggettivo;
  • Cifre arabe e cifre indiane;
  • Il verbo kāna yakūnu;
  • I nomi terminanti in ʾalif maqṣūra;
  • La punteggiatura;
  • Il pronome suffisso: al-ḍamīr al-muttaṣil;
  • La preposizione li-; come esprimere la nozione di possesso;
  • Attributo e ʾiḍāfa;
  • Il pronome suffisso di prima persona singolare;
  • Il plurale sano o plurale esterno: al-ğamʿ al-sālim;
  • L’accordo al plurale;
  • La frase interrogativa: ʾa- e hal; ʾayy;
  • Coniugazione verbale a suffissi (aspetto verbale: perfettivo): al-fiʿl al-māḍī;
  • La ʾalif maqṣūra seguita da pronome suffisso;
  • ʾInna e ʾillā ʾanna;
  • Il nome di luogo: ism al-makān;
  • Plurale sano maschile e ʾiḍāfa;
  • Duale di nomi e aggettivi;
  • Gli accordi al duale.

Il programma del Modulo Teorico consiste in:

Parte Prima "Il quadro linguistico e sociolinguistico":

a) Quadro linguistico: l'arabo lingua semitica; l'arabo lingua plurale; la diglossia; i dialetti arabi; origini della diglossia.

b) Sociolinguistica dell'arabo contemporaneo: i livelli di lingua; i parametri di variazione; oltre la diglossia; le altre lingue in gioco, la commutazione di codice, l'interazione interpersonale.

Parte Seconda "La variante damascena della varietà mediorientale parlata in Siria, Libano, Giordania e Palestina":

Presentazione e utilizzo degli elementi lessicali, grammaticali e sintattici necessari per la resa dei testi scritti delle prime dieci lezioni del primo volume del manuale di arabo moderno di Luc-Willy Deheuvels (2010) nella lingua parlata oggi a Damasco, anche attraverso un’analisi contrastiva delle caratteristiche della varietà scritta e di quella parlata. Il programma di grammatica della variante damascena della varietà parlata mediorientale comprende:

  • Fonologia;
  • Sintassi della frase;
  • Coniugazione verbale a prefissi (aspetto verbale: imperfettivo);
  • Il marcatore verbale b-;
  • Il marcatore verbale ʿam;
  • Il marcatore verbale laḥ, raḥ;
  • La frase interrogativa;
  • Il vocativo;
  • L’articolo; assimilazione dell’articolo;
  • Definito e indefinito;
  • Come esprimere la nozione di possesso;
  • La marca del femminile;
  • Il pronome soggetto;
  • Schemi morfolessicali;
  • L’assenza della flessione;
  • Particelle (preposizioni, congiunzioni); avverbi;
  • L’aggettivo;
  • I numerali; l’ora;
  • Il verbo kān ykūn;
  • Il pronome complemento;
  • Il plurale;
  • L’accordo al plurale;
  • La frase interrogativa;
  • Coniugazione verbale a suffissi (aspetto verbale: perfettivo);
  • Il marcatore verbale ʾām;
  • ʾInnu e la-ʾinnu;
  • Il nome di luogo;
  • Il duale;
  • Gli accordi al duale.

Poiché l'insegnamento di Lingua Araba I prevede un diverso numero di CFU (9, oppure 8, oppure 6) a seconda delle caratteristiche del piano di studio dello studente, sono qui di seguito indicate le differenze nel programma sulla base del numero dei CFU considerati:

9 CFU: Lettorato + Modulo Teorico Parte Prima + Modulo Teorico Parte Seconda;

8 CFU: Lettorato + Modulo Teorico Parte Prima + Modulo Teorico Parte Seconda;

6 CFU: Lettorato

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Poiché l'insegnamento di Lingua Araba I prevede un diverso numero di CFU (9, oppure 8, oppure 6) a seconda delle caratteristiche del piano di studio dello studente, sono qui di seguito indicate le differenze nei testi/bibliografia sulla base del numero dei CFU considerati.

9 CFU:

  • Deheuvels, Luc-Willy (2010). Grammatica araba. Manuale di arabo moderno con esercizi e cd audio per l’ascolto. Edizione italiana a cura di Antonella Ghersetti. Bologna: Zanichelli. Volume 1;
  • Mion, Giuliano. (2016). La lingua araba (Nuova Edizione). Roma: Carocci;
  • Diez, Martino (2018). Introduzione alla lingua araba (Nuova edizione). Milano: Vita e Pensiero;
  • Durand, O., Ventura, A. (2017). Bilād al-šām. Grammatica di arabo mediorientale. Lingua šāmīMilano: Hoepli (collana: Studi Orientali);
  • Appunti delle lezioni del Modulo Teorico di Lingua Araba I a.a. 2018-19;
  • Materiale grafico, audio e video pubblicato su Aulaweb_Lingua Araba I_2018-19.

8 CFU:

  • Deheuvels, Luc-Willy (2010). Grammatica araba. Manuale di arabo moderno con esercizi e cd audio per l’ascolto. Edizione italiana a cura di Antonella Ghersetti. Bologna: Zanichelli. Volume 1;
  • Mion, Giuliano. (2016). La lingua araba (Nuova Edizione). Roma: Carocci;
  • Durand, O., Ventura, A. (2017). Bilād al-šām. Grammatica di arabo mediorientale. Lingua šāmīMilano: Hoepli (collana: Studi Orientali);
  • Appunti delle lezioni del Modulo Teorico di Lingua Araba I a.a. 2018-19;
  • Materiale grafico, audio e video pubblicato su Aulaweb_Lingua Araba I_2018-19.

6 CFU:

  • Deheuvels, Luc-Willy (2010). Grammatica araba. Manuale di arabo moderno con esercizi e cd audio per l’ascolto. Edizione italiana a cura di Antonella Ghersetti. Bologna: Zanichelli. Volume 1.

DOCENTI E COMMISSIONI

Ricevimento: Il ricevimento ha luogo in Piazza Santa Sabina 2, Palazzo Serra, III Piano, Stanza II.03, telefono (+39) 010 209 5657. Telefono cellulare (+39) 3384416119. E-mail: manuela.giolfo@unige.it Per l'orario di ricevimento e relativi aggiornamenti e avvisi, gli studenti sono pregati di consultare la bacheca della pagina personale della docente titolare dell'insegnamento sul sito del Dipartimento di Lingue e Culture Moderne al link: http://www.lingue.unige.it/?post_type=dipendente&p=2105

Commissione d'esame

ABDELJALIL BENTAJAR

MANUELA ELISA GIOLFO (Presidente)

FELICE ISRAEL

FEDERICO SALVAGGIO

LEZIONI

Modalità didattiche

Il Lettorato (primo e secondo semestre) include 100 ore di lezione frontale, attività interattive e esercitazioni grammaticali volte a sviluppare le abilità linguistiche della lettura e della scrittura.

Il Modulo Teorico (secondo semestre) include 30 ore di lezione frontale e/o seminariale e attività interattive (brainstorming, presentazioni), anche a piccoli gruppi, volte a favorire la configurazione del quadro linguistico e sociolinguistico, nonché lo sviluppo delle abilità linguistiche dell'ascolto e della conversazione.

La frequenza sia del Lettorato sia del Modulo Teorico è fortemente raccomandata.

INIZIO LEZIONI

Il Lettorato avrà inizio nella prima settimana del primo semestre.

Orario del Lettorato: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti Docente: Bentajar

 

Il Modulo Teorico avrà inizio nella prima settimana del secondo semestre.

Orario del Modulo Teorico: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti Docente: Giolfo

ESAMI

Modalità d'esame

Prova scritta finale e prova orale finale.

Per accedere alla prova orale gli studenti dovranno aver superato la prova scritta con un voto minimo di 18/30. Il voto conseguito nella prova scritta farà media con il voto conseguito nella prova orale.

Gli esami sono annuali e si svolgono a partire dalla sessione estiva dello stesso anno accademico in cui viene erogato l'insegnamento.

È obbligatoria l'iscrizione online dal sito di Ateneo alla prova scritta finale e alla prova orale finale.

Saranno disponibili 1 appello scritto e 2 appelli orali per ogni sessione d'esami. Riguardo ad eventuali appelli straordinari, si veda il Manifesto dei Corsi di Studio dell’Area di Lingue e letterature straniere, Dipartimento di Lingue e Culture Moderne, Anno Accademico 2018-2019.

La prova scritta (9, 8 e 6 CFU) è basata sulle prime dieci lezioni del primo volume del manuale di arabo moderno di Luc-Willy Deheuvels (2010). Non è consentito l’uso del dizionario. La prova scritta comprende:

  • comprensione scritta (rispondere a domande aperte relative ad un testo elementare);
  • esercizi di grammatica (es. plurale e duale del nome; coniugazione verbale; schemi morfololessicali);
  • composizione scritta (costruire una frase elementare a partire da un insieme di parole);
  • traduzione dall’arabo all’italiano di frasi elementari;
  • traduzione dall’italiano all’arabo di frasi elementari.

La prova orale comprende:

  • (9 CFU) lettura, traduzione e analisi grammaticale di uno (a scelta del docente) dei testi contenuti nelle prime dieci lezioni del primo volume del manuale di arabo moderno di Luc-Willy Deheuvels (2010); una domanda teorica relativa al quadro linguistico; una domanda teorica relativa al quadro sociolinguistico; realizzazione in coppia di un breve video (di circa cinque minuti) nella lingua parlata oggi a Damasco, OPPURE resa di uno (a scelta della docente) dei testi contenuti nelle prime dieci lezioni del primo volume del manuale di arabo moderno di Luc-Willy Deheuvels (2010) nella lingua parlata oggi a Damasco e illustrazione delle strutture linguistiche utilizzate, OPPURE conversazione elementare con la docente nella lingua parlata oggi a Damasco.
  • (8 CFU) lettura, traduzione e analisi grammaticale di uno (a scelta del docente) dei testi contenuti nelle prime dieci lezioni del primo volume del manuale di arabo moderno di Luc-Willy Deheuvels (2010); una domanda teorica relativa al quadro linguistico e sociolinguistico; realizzazione in coppia di un breve video (di circa cinque minuti) nella lingua parlata oggi a Damasco, OPPURE resa di uno (a scelta della docente) dei testi contenuti nelle prime dieci lezioni del primo volume del manuale di arabo moderno di Luc-Willy Deheuvels (2010) nella lingua parlata oggi a Damasco e illustrazione delle strutture linguistiche utilizzate, OPPURE conversazione elementare con la docente nella lingua parlata oggi a Damasco.
  • (6 CFU) lettura, traduzione e analisi grammaticale di uno (a scelta del docente) dei testi contenuti nelle prime dieci lezioni del primo volume del manuale di arabo moderno di Luc-Willy Deheuvels (2010).

Modalità di accertamento

La prova scritta ha la finalità di verificare le conoscenze acquisite e le abilità sviluppate relativamente alla variante moderna della varietà araba scritta e permetterà di valutare:

  • la conoscenza delle strutture fondamentali della varietà araba scritta nei suoi aspetti morfologico e sintattico;
  • la capacità di comprendere testi scritti elementari;
  • la capacità di tradurre dall’arabo all’italiano testi scritti elementari;
  • la capacità di tradurre dall’italiano all’arabo testi scritti elementari;
  • la capacità di produrre testi scritti elementari.

La prova orale ha la finalità di verificare le conoscenze acquisite e le abilità sviluppate relativamente alla variazione linguistica nell’arabo contemporaneo. Essa valuterà la qualità dell’esposizione, l’utilizzo corretto del lessico specialistico e la capacità di ragionamento critico e permetterà di accertare:

  • le conoscenze teoriche, linguistiche e sociolinguistiche, acquisite dallo studente rispetto all'eterogeneità dell’arabo e al concetto di complesso linguistico;
  • la conoscenza delle strutture fondamentali della variante moderna della varietà scritta nei suoi aspetti morfologico e sintattico;
  • l’abilità di leggere testi scritti elementari;
  • la capacità di tradurre oralmente in italiano testi scritti elementari;
  • la conoscenza delle strutture fondamentali della variante damascena della varietà parlata mediorientale nei suoi aspetti morfologico e sintattico;
  • la capacità di comprendere testi elementari in lingua parlata (varietà mediorientale);
  • la capacità di interpretare testi elementari dalla lingua parlata (varietà mediorientale) all’italiano;
  • la capacità di interpretare testi elementari dall’italiano alla lingua parlata (varietà mediorientale);
  • l’abilità di comunicare a livello elementare nella lingua parlata (varietà mediorientale);
  • l’abilità di conversare a livello elementare nella varietà parlata in Siria, Libano, Giordania e Palestina.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
08/07/2019 10:00 GENOVA Orale
02/09/2019 10:00 GENOVA Orale
09/09/2019 10:30 GENOVA Scritto
16/09/2019 10:00 GENOVA Orale