• Obiettivi e contenuti
    • OBIETTIVI FORMATIVI

      L’insegnamento ha l’obiettivo di fornire agli studenti le chiavi teorico-interpretative fondamentali e la strumentazione di base per l’analisi dei principali problemi organizzativi, utili sia per l’azione interna alle imprese sia nella prospettiva della consulenza organizzativa.

      PROGRAMMA/CONTENUTO
      • Gli obiettivi e gli strumenti dell’analisi organizzativa
      • Le persone nelle organizzazioni: personalità, valori, comportamenti
      • Le scelte strutturali e le architetture organizzative
      • Cultura organizzativa e diversità culturali
      • Percezione, azione e identità
      • La razionalità dell’azione organizzativa e i processi decisionali
      • Il teamwork, tra potenzialità e patologie
      • La conoscenza organizzativa e la comunicazione interna
      • Il potere e la leadership
      • Motivazione delle persone e performance organizzative
      • Il conflitto e i processi di negoziazione
      • Il cambiamento organizzativo
      TESTI/BIBLIOGRAFIA
      1. M. Decastri (2016), Leggere le organizzazioni, Guerini Next, Milano.
      2. R. Albano, Y. Curzi, T. Fabbri (2016), Organizzazione: parole chiave per l’analisi e per la ricerca, Giappichelli, Torino (nuova edizione)
      URL Aula web
      ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 270 IM
      https://2018.aulaweb.unige.it/course/view.php?id=1377
  • Chi
  • Come
    • MODALITA' DIDATTICHE

      IIl corso adotta un approccio didattico partecipativo. Sono previste sia lezioni tradizionali (50%) sia lezioni “aperte” (50%). Durante le lezioni tradizionali il docente illustra le tematiche principali e alcuni schemi di analisi offerti dalla teoria organizzativa in rapporto ai problemi su cui si concentra il corso. Nelle lezioni aperte si discutono interattivamente esempi, casi o problemi alla luce dei contenuti delle lezioni tradizionali. Tipicamente ad ogni lezione tradizionale (lunedì pomeriggio) segue una lezione aperta (lunedì mattina successivo). In vista delle lezione aperta gli studenti approfondiscono gli argomenti sui reading assignment (tipicamente, un capitolo del testo Leggere le organizzazioni, guardano un film indicato dal docente (watching assignment), e preparano una breve riflessione (300 parole, mezza pagina) (writing assignment) sulle dinamiche organizzative rappresentate nel film alla luce dei concetti e degli schemi di analisi forniti a lezione e dei reading assignment.

      MODALITA' D'ESAME
      MODALITA' DI ACCERTAMENTO

      Alla luce delle specifiche modalità didattiche il corso prevede regole diverse per l’esame degli studenti frequentanti (saranno rilevate le firme) e degli studenti non frequentanti:

      • per gli studenti frequentanti la valutazione si ottiene attraverso la partecipazione al corso ed alle attività previste di settimana in settimana. L’unico testo di riferimento è M. Decastri (2016), Leggere le organizzazioni, Guerini Next, Milano (ad esclusione del cap. 9).
      • per gli studenti non frequentanti l’esame è scritto (3 domande a risposta aperta, 45 min.) e verte su entrambi i testi indicati. In una domanda è sempre richiesta, oltre all’illustrazione del tema/problema sul piano teorico anche un esempio. La correzione prevede l’attribuzione di un massimo di 10 punti a ciascuna domanda. Nella domanda con esempio la correzione prevede l’attribuzione di un massimo di 5 punti alla parte teorica e un massimo di 5 punti all’esempio. Nel caso in cui in due domande su tre si riporti una valutazione molto buona (9 o 10 punti) e in una domanda si riporti una valutazione scadente, lo studente può, a sua discrezione, sostenere un orale integrativo o registrare la valutazione riportata. In tal caso il voto è contrassegnato da un (*).
  • Dove e quando
  • ALTRE INFORMAZIONI
    • Nella sessione d’esame con 4 appelli, a fine corso, chi riporta una valutazione insufficiente non può sostenere l’esame nell’appello successivo.

  • Contatti