Il corso intende fornire agli studenti frequentanti conoscenze specialistiche in materia di intermediazione finanziaria, mercati regolamentati e gestione collettiva del risparmio con particolare attenzione alla portata applicativa delle discipline previste per queste materie. Nella seconda parte del corso si affrontano talune problematiche relative al rapporto tra banca e cliente anche alla luce della evoluzione normativa in materia. Inoltre, la parte finale del corso è dedicata all'analisi degli strumenti di protezione del patrimonio in contesto imprenditoriale e familiare.

  • Obiettivi e contenuti
    • OBIETTIVI FORMATIVI

      Parte I: (Diritto degli intermediari finanziari non bancari): gli strumenti ed i prodotti finanziari; i servizi e le imprese di investimento; la gestione collettiva del risparmio; la disciplina dei mercati regolamentati e dei sistemi multilaterali di negoziazione. Parte II: (Diritto bancario) il sistema della trasparenza bancaria; i doveri di informazione; le regole di diligenza professionale; disciplina del rapporto banca/cliente; responsabilità della banca; arbitro bancario finanziario; private banking: strumenti di protezione del patrimonio degli investitori anche in situazioni successorie; trust: profili di diritto interno e profili fiscali

      OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

      Il corso si propone di fornire agli studenti il quadro istituzionale della disciplina delle attività delle imprese di investimento, degli investitori istituzionali (fondi comuni e SICAV), con specifico riferimento al sistema dei controlli, allo statuto legale dei soggetti, alle regole di comportamento e ai contratti, nonché alcuni cenni in materia di regole di comportamento degli intermediari bancari.

      PROGRAMMA/CONTENUTO

      Parte I: (Diritto degli intermediari finanziari non bancari):

      gli strumenti ed i prodotti finanziari;

      i servizi e le imprese di investimento;

      la gestione collettiva del risparmio;

      la disciplina dei mercati regolamentati e dei sistemi multilaterali di negoziazione.

      Parte II: (Diritto bancario)

      il sistema della trasparenza bancaria;

      i doveri di informazione;

      le regole di diligenza professionale;

      disciplina del rapporto banca/cliente;

      responsabilità della banca;

      arbitro bancario finanziario;

      private banking: strumenti di protezione del patrimonio degli investitori anche in situazioni successorie;

      trust: profili di diritto interno e profili fiscali

      TESTI/BIBLIOGRAFIA

      Per gli studenti frequentanti

      1. R. Costi, Il mercato mobiliare, Giappichelli Editore, Torino, ultima edizione (solo i capp. I, II, IV, V, VI e VIII).

      2. Per la parte del programma relativa agli intermediari bancari e al private banking i materiali di supporto saranno indicati all’inizio delle lezioni e pubblicati su Aulaweb.

      Per gli studenti non frequentanti:

      1. R. Costi, Il mercato mobiliare, Giappichelli Editore, ultima edizione (solo i capp. I, II, IV, V, VI e VII)

      2. Paolo Bontempi, Diritto bancario e finanziario, V Edizione, Giuffrè Editore (solo i capp. VI, VIII, XII, XIII, XIV; XV, XVII, XIX).

      URL Aula web
      DIRITTO DELLA BANCA E DEGLI ALTRI INTERMEDIARI FINANZIARI
      https://2018.aulaweb.unige.it/course/view.php?id=1345
      URL Orario lezioni
      DIRITTO DELLA BANCA E DEGLI ALTRI INTERMEDIARI FINANZIARI
      http://diec.unige.it/orario-lezioni
  • Chi
    • Docenti
    • Andrea Pericu
      tel. (+39) 010 2095449,interno 55449
      apericu@economia.unige.it
    • Commissione d’esame
      64794 - DIRITTO DELLA BANCA E DEGLI ALTRI INTERMEDIARI FINANZIARI
      Marco Arato
      Giovanni Domenichini
      Andrea Pericu (Presidente)
      Alessandro Tilocca
  • Come
    • MODALITA' DIDATTICHE

      Modalità didattiche

      Lezioni frontali e analisi di casi. E’ possibile che siano organizzate testimonianze da parte di operatori del settore.

      Presente su Aulaweb

      Si   × No ☐

      Lezioni frontali e analisi di casi. E’ possibile che siano organizzate  testimonianze da parte di operatori del settore.

       

       

      MODALITA' D'ESAME
      MODALITA' DI ACCERTAMENTO

      Modalità di accertamento

      Nel corso dell'esame orale si accerterà l'acquisizione delle competenze specialistiche oggetto del programma, con particolare riferimento alla capacità del candidato di comprendere le ricadute applicative della disciplina.

      Ripetizione dell’esame

      Lo studente può ripetere l’esame almeno due volte nel medesimo anno accademico. Il salto di appello non si applica se implica un salto di sessione di esami.

  • Dove e quando
    • URL Aula web
      DIRITTO DELLA BANCA E DEGLI ALTRI INTERMEDIARI FINANZIARI
      https://2018.aulaweb.unige.it/course/view.php?id=1345
      URL Orario lezioni
      DIRITTO DELLA BANCA E DEGLI ALTRI INTERMEDIARI FINANZIARI
      http://diec.unige.it/orario-lezioni
      INIZIO LEZIONI

      1° semestre

      RICEVIMENTO STUDENTI
      Andrea Pericu

      Nel corso del I semestre l'orario di ricevimento è ogni lunedì dalle ore 14.00 alle ore 15.00.

      Appelli
      Data Ora Tipo Luogo Note
      20 dicembre 2018 9:00 Orale Genova
      14 gennaio 2019 9:00 Orale Genova
      4 febbraio 2019 9:00 Orale Genova
      3 giugno 2019 9:00 Orale Genova
      17 giugno 2019 9:00 Orale Genova
      8 luglio 2019 9:00 Orale Genova
      3 settembre 2019 9:00 Orale Genova
  • ALTRE INFORMAZIONI
    • Eventuali propedeuticità e/o pre requisiti consigliati

      Come prerequisito è consigliabile avere sostenuto gli esami di Diritto Commerciale e di Diritto Privato

      Risultati di apprendimento previsti

      • Conoscenza e comprensione Gli studenti devono acquisire adeguate conoscenze e un'efficace capacità di comprensione delle norme di riferimento che compongono il quadro normativo dell’attività di banche e intermediari finanziari non bancari.
      • Capacità di applicare conoscenza e comprensione Gli studenti devono essere in grado di applicare le conoscenze acquisite e di comprendere e risolvere problemi riferiti alla concreta operatività di banche e imprese di investimento, anche con riferimento ai rapporti con la clientela.
      • Autonomia di giudizio Gli studenti devono saper utilizzare sia sul piano concettuale che su quello operativo le conoscenze acquisite con autonoma capacità di valutazione e con abilità nei diversi contesti applicativi.
      • Abilità comunicative Gli studenti devono acquisire il linguaggio tecnico tipico della disciplina per comunicare in modo chiaro e senza ambiguità con interlocutori specialisti e non specialisti.
      • Capacità di apprendimento Gli studenti devono sviluppare adeguate capacità di apprendimento che consentano loro di continuare ad approfondire in modo autonomo le principali tematiche della disciplina soprattutto nei contesti lavorativi in cui si troveranno ad operare.

      Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti

       

      Modalità didattiche

       Preparazione dell’esame sui testi di studio indicati

      Obblighi

       

      Testi di studio

      Per gli studenti ferquentanti:

      1. R. Costi, Il mercato mobiliare, Giappichelli Editore, Torino, ultima edizione (solo i capp. I, II, IV, V, VI e VIII).

      2. Per la parte del programma relativa agli intermediari bancari i materiali di supporto saranno indicati all’inizio delle lezioni e pubblicati su Aulaweb.

      Per gli studenti non fre

      Modalità didattiche

       Preparazione dell’esame sui testi di studio indicati

      Obblighi

       

      Testi di studio

      Per gli studenti ferquentanti:

      1. R. Costi, Il mercato mobiliare, Giappichelli Editore, Torino, ultima edizione (solo i capp. I, II, IV, V, VI e VIII).

      2. Per la parte del programma relativa agli intermediari bancari i materiali di supporto saranno indicati all’inizio delle lezioni e pubblicati su Aulaweb.

      Per gli studenti non frequentanti:

      1. R. Costi, Il mercato mobiliare, Giappichelli Editore, Torno,  ultima edizione (solo i capp. I, II, IV, V, VI e VII).

      2.

      Modalità di accertamento

      Esame    orale

      Ripetizione dell’esame

      Lo studente può ripetere l’esame almeno due volte nel medesimo anno accademico. Il salto di appello non si applica se implica un salto di sessione di esami

       

      Modalità di accertamento

      Esame    orale

      Ripetizione dell’esame

      Lo studente può ripetere l’esame almeno due volte nel medesimo anno accademico. Il salto di appello non si applica se implica un salto di sessione di esami.

      Lo studente può ripetere l’esame almeno due volte nel medesimo anno accademico. Il salto di appello non si applica se implica un salto di sessione di esami.

  • Contatti