L’insegnamento introduce lo studente alle decisioni finanziarie d'impresa e fornisce le conoscenze di base e le metodologie necessarie per individuare le scelte che sono in grado di creare valore per l'impresa.

  • Obiettivi e contenuti
    • OBIETTIVI FORMATIVI

      L'insegnamento si propone lo sviluppo dei contenuti istituzionali relativi ai compiti della funzione finanza all'interno della gestione aziendale, con un taglio attento sia ai più recenti sviluppi della teoria sia agli aspetti operativi ed applicativi. Vengono, in particolare, sviluppate le metodologie di analisi finanziaria, i criteri e le metodologie di valutazione degli investimenti aziendali ed i criteri e processi di definizione del piano finanziario di copertura degli impieghi.

      OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

      Al termine del corso lo studente:

      - conosce le strutture di governo dell'impresa e la loro rilevanza sulel decisioni di natura finanziaria;

      - conosce il ruolo e le funzioni del direttore finanziario;

      - conosce e sa applicare le principali tecniche di valutazione dei progetti;

      - conosce in modo approfondito la relazione rischio-rendimento, i principi della Modern portfolio Theory e sa stimare il costo del capitale proprio;

      - conosce le principali teorie in tema di struttura finanziaria dell'impresa;

      - comprende le determinanti delle decisioni di finanziamento dell'impresa;

      - è in grado di stimare il valore dell'impresa indebitata.

      PROGRAMMA/CONTENUTO

                  Parte I - La valutazione dei progetti

                  
                      la legge del prezzo unico e il concetto di assenza di arbitraggio;
                      il valore nel tempo della moneta;
                      i principali criteri di valutazione;
                      la valutazione di investimenti finanziari e dei progetti industriali;
                      l’analisi progetto: analisi di sensibilità e di scenario e opzioni reali.
                  

                  Parte II- La determinazione del costo del capitale di rischio

                  
                      la quantificazione di rischio e rendimento;
                      teoria di portafoglio;
                      Capital Asset Pricing Model;
                      la stima del costo del capitale nella prassi.
                  

                  Parte III - Le decisioni di finanziamento e la struttura finanziaria d’impresa e la massimizzazione del valore dell’imprsa.

                  
                      Gli strumenti di debito e di capitale di rischio: caratteristiche tecnico-economiche:
                      Le proposizioni Modigliani-Miller in assenza/presenza di imposte
                      Gli effetti di costi del dissesto finanziario e la teoria del Trade-off
                      Le altre teorie esplicative delle scelte di finanziamento delle imprese
                

      TESTI/BIBLIOGRAFIA

      S. Ross, D. Hillier, R. Westerfield, J. Jaffe, B. Jordan, “Corporate Finance” 3/ed, McGraw Hill, 2018.

       

      Altri testi consigliati

      R. A. Brealey, S. C. Myers, F. Allen, S. Hill, “Principi di Finanza Aziendale”, McGraw Hill , 2015

      J. Berk, P. DeMarzo, “Finanza aziendale 1”, Pearson,  2011 (2° edizione)

      URL Aula web
      FINANZA AZIENDALE
      https://2018.aulaweb.unige.it/course/view.php?id=1319
      URL Orario lezioni
      FINANZA AZIENDALE
      http://diec.unige.it/orario-lezioni
  • Chi
  • Come
    • MODALITA' DIDATTICHE

      Lezioni frontali

      Analisi di casi

      Testimonianze aziendali

      Approfondimenti svolti individualmente dagli studenti frequentanti sulla base di consegne del docente presenti su Aulaweb

      MODALITA' D'ESAME

      L'esame è in forma scritta e può essere sostenuto negli appelli previsti dal calendario.

      Per gli studenti che frequentano assiduamente le lezioni c'è la possibilità di scegliere la modalità di 'valutazione continua' che prevede lo svolgimento di compiti fuori dall'orario di lezione e il sostenimento di una prova intermedia.

      MODALITA' DI ACCERTAMENTO

      La prova di esame prevede l'uso delle seguenti modalità di accertamento:

      - domande a risposta multipla

      - domande vero/falso

      - domande a risposta aperta

      - esercizi che ricalcano quelli svolti durante le lezioni e contenute nel manuale di riferimento

  • Dove e quando
  • ALTRE INFORMAZIONI
    • Le conoscenze relative al corso di Matematica Finanziaria e di Ragioneria sono considerate un prerequisito altamente consigliato.

      Per questo insegnamento è propedeutico l'esame di Economia Aziendale
                 

  • Contatti